fbpx Skip to content

[Video] SIGMA 28-70mm F/2.8 DG DN CONTEMPORARY. Record per dimensioni, peso e qualità. Test approfondito in anteprima [Rino Giardiello]

di Rino Giardiello

Sigma continua a presentare nuovi obiettivi ottimizzati per le fotocamere mirrorless e questo nuovo zoom 28-70 f/2.8 non può che sbalordire: al momento è il più piccolo, leggero e performante zoom di questa escursione focale in commercio.

La prima cosa che molti amici mi hanno chiesto è stata “Che senso ha da parte di Sigma presentare un 28-70 quando ha già in catalogo un ottimo 24-70/2.8 Art?”. La risposta è abbastanza banale: il Sigma 24-70/2.8 Art, oltre ad arrivare a 24mm anziché 28, cosa che ne aumenta la versatilità, garantisce delle prestazioni straordinarie senza compromessi visto che appartiene alla prestigiosa Serie Art, ma pesa quasi il doppio del nuovo 28-70/2.8 Serie Contemporary che viene offerto ad un prezzo ben più abbordabile ed offre quasi la stessa qualità. Il Sigma 24-70 Art resta il miglior zoom per esigenze professionali visto che stessa lunghezza focale più corta di 4mm ne aumenta notevolmente la versatilità sul campo e la qualità ottica e meccanica sono ai massimi livelli. Il Sigma 28-70/2.8 perde 4mm di grandangolare, ma perde anche 400 grammi, molti cm e molti Euro del prezzo con una resa ottica solo leggermente inferiore.

Del resto, il senso di questa operazione era stato già trovato da Tamron che aveva affiancato l’ottimo 24-70/2.8 SP al più piccolo ed economico 28-75/2.8 che ha dimostrato in tutti i test di andare molto bene.

Quindi, come per Tamron, nessun doppione in famiglia, ma due zoom destinati a pubblico ed utilizzi diversi: da una parte le massime prestazioni e la massima versatilità grazie alla focale di 24mm con dimensioni, peso e prezzo relativamente elevati, dall’altra la compattezza, la portabilità ed un prezzo più abbordabile senza rinunciare alle prestazioni. Non si tratta comunque di obiettivi super economici perché la qualità, interamente “Made in Japan”, ha il suo prezzo.

Quattro millimetri sulla focale più corta possono fare la differenza: oltre all’angolo di campo maggiore che può trarci d’impaccio in molte situazioni, è l’esaltazione della prospettiva che rende il 24mm un “vero grandangolare” rispetto al più “tranquillo” e più facile da tenere sotto controllo, 28mm.

Anche le rifiniture del Contemporary non sono le stesse dell’Art (se si vuole dimezzare il peso, da qualche parte si deve iniziare) e, mentre il 24-70 Art è totalmente impermeabilizzato, il 28-70 ha protetta solo la lente frontale e la montatura posteriore. 12 lenti contro 15, 4 lenti speciali contro 8, ma 2 lenti asferiche per entrambi. Cosa fondamentale, anche il piccolo 28-70/2.8 beneficia del recente trattamento antiriflessi “Nano Porous Coating” di Sigma che ha dimostrato di funzionare benissimo sul campo. Il paraluce a petalo è fornito con l’obiettivo.

Il materiale esterno usato da Sigma è il famoso TSC già visto su tanti altri obiettivi del fabbricante: è una lega di policarbonato il cui feeling è quasi quello del metallo e – a detta di Sigma – è più resistente e meno sensibile alle variazioni termiche. Il cilindro interno rotante è in alluminio. Questa soluzione garantisce robustezza e prestazioni ottiche costanti indipendentemente dalla temperatura.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo

Ordina il Sigma 28-70 F2.8 DG DN su CineSud.it

Di seguito il video:

 

Altri articoli di questo autore

Condividi

Vuoi accedere agli eventi riservati?

Abbonati a soli 15€ per 365 giorni e ottieni più di ciò che immagini!

Se invece sei già iscritto ed hai la password, accedi da qui

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Non è facile trovare un buon educatore!
Appartengo ad una generazione che ha dovuto adattarsi alla scarsa offerta dei tempi. Ho avuto un solo tutor, a cui ancora oggi devo molto. Brevi, fugaci ma intensi incontri in cui il sottoscritto, da solo con lui, cercava di prendere nota anche dei respiri e trarre insegnamento da ogni singola parola.
A causa di questa carenza io e i miei coetanei ci siamo dovuti spesso costruire una visione complementare come autori, designers, critici ed insegnanti e questo ci ha aiutato a costruire qualcosa di fondamentale e duraturo.
Per questo motivo con Cine Sud che vanta un’esperienza di oltre 40 anni nel settore della formazione, abbiamo pensato alla possibilità di offrire dei corsi “one to one”, costruiti sulla base delle esigenze individuali e in campi disparati, che vanno dalla tecnica alla ricerca di nuovi linguaggi in fotografia.
Dei corsi molto vicini a quelli che avremmo voluto avere nel passato, se ce ne fosse stata offerta l’opportunità e la parola opportunità non va sottovalutata, perché ha un peso e una sua valenza e non è spesso scontata.
Ognuno sarà libero di scegliere, sulla base dei nostri consigli, un autore o un tecnico, tra quelli offerti come docenti, e intraprendere un corso che gli offra quello di cui realmente ha bisogno e, eventualmente, ripetere questa esperienza in futuro.
Come quando si va da un eccellente sarto a scegliere con cura un vestito, adattandolo perfettamente al corpo, vogliamo fornirvi il corso che meglio si adatta alle vostre, singole e personali esigenze.
Niente nasce dal caso e per poter essere all’altezza di questo compito e potervi fornire un’offerta diversificata e soddisfacente, abbiamo pensato di sottoporvi un questionario tra il serio e lo scherzoso a cui vi preghiamo di rispondere.
Aiutateci a capire le vostre reali esigenze e chi abbiamo difronte, non ve ne pentirete.
Massimo Mastrorillo

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Approfondiamo ! per i più intrepidi
X