fbpx Skip to content

“Untold Stories”, a Torino la mostra di Peter Lindbergh

di Alessandro Tarantino

Cinquanta Paesi diversi, oltre 1000 scatti e un solo racconto scaturito da una domanda: quali sono i 15 oggetti che ti stanno aiutando a superare la pandemia e il lockdown?

A porla sui social e a raccogliere le risposte è stata la designer italo-argentina Paula Zuccotti che con questo progetto globale ha saputo trovare sia un filo conduttore comune all’animo umano mentre si è costretti a far i conti con la Covid-19, sia forti momenti di discontinuità nell’affrontare la stessa pandemia.

Il progetto “Future archeology of a global lockdown” (racchiuso in un sito internet dedicato: lockdownessentials.org) è quindi un viaggio nell’intimità dei singoli individui provenienti da mezzo mondo che hanno deciso di raccontare una storia personale attraverso pochi oggetti che ritengono essenziali per la loro sopravvivenza (soprattutto mentale) durante i 16 mesi di pandemia vissuti sinora.

Peter Lindbergh - Querelle Jansen - Paris 2012 © Peter Lindbergh
Peter-Lindbergh - Linda Evangelista, Michaela Bercu and Kirsten Owen - Pont à Mousson 1988 © Peter Lindbergh

«Questo progetto cattura il momento in cui tutto è cambiato – racconta Paula Zuccotti -: come abbiamo lavorato, imparato, curato, socializzato, intrattenuto, fatto acquisti, connesso, svolto, anche il modo in cui amavamo. Rivelando gli oggetti che ci interessano di più nei blocchi, questo archivio fotografico rivela come i nostri bisogni e le nostre priorità siano cambiati quando il Covid-19 ha colpito. Mi sono resa conto che questo progetto, che copriva persone di tutte le età e background in tutti i continenti, aveva un valore archeologico. Era una capsula del tempo di come abbiamo vissuto la nostra vita quotidiana. Cosa imparerebbero le generazioni future su di noi vedendo queste fotografie?

Quando è arrivato il Covid-19, non ho potuto fare a meno di notare un cambiamento negli oggetti che usavamo ogni giorno. Lockdown significava riorganizzare le nostre vite, cambiando gli elementi funzionali ed emotivi di cui avevamo bisogno ogni giorno. Come qualcuno che crede nel potere degli oggetti quotidiani per raccontare le nostre storie, ho raccolto i miei 15 elementi essenziali appena valutati e li ho catturati in una singola fotografia,

li ho pubblicati su Instagram sotto l’hashtag #EveryThingWeTouchCovidEssentialsX15 e ho invitato amici e sconosciuti a partecipare».

Un esperimento sociale nato da un bisogno narrativo personale che si è trasformato in un progetto condiviso in tutto il mondo, tra persone di tutte le età e di tutte le estrazioni sociali: un grande diario della quarantena dove i confini fisici dello spazio in cui tutti siamo stati costretti non hanno valore. Le distanze si annullano, ci si sente meno soli condividendo la propria realtà quotidiana con il resto del mondo.

Portrait Peter Lindbergh 2016 © Stefan Rappo

Altri articoli di questo autore

Condividi

Articoli Recenti

Vuoi accedere agli eventi riservati?

Abbonati a soli 15€ per 365 giorni e ottieni più di ciò che immagini!

Se invece sei già iscritto ed hai la password, accedi da qui

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Non è facile trovare un buon educatore!
Appartengo ad una generazione che ha dovuto adattarsi alla scarsa offerta dei tempi. Ho avuto un solo tutor, a cui ancora oggi devo molto. Brevi, fugaci ma intensi incontri in cui il sottoscritto, da solo con lui, cercava di prendere nota anche dei respiri e trarre insegnamento da ogni singola parola.
A causa di questa carenza io e i miei coetanei ci siamo dovuti spesso costruire una visione complementare come autori, designers, critici ed insegnanti e questo ci ha aiutato a costruire qualcosa di fondamentale e duraturo.
Per questo motivo con Cine Sud che vanta un’esperienza di oltre 40 anni nel settore della formazione, abbiamo pensato alla possibilità di offrire dei corsi “one to one”, costruiti sulla base delle esigenze individuali e in campi disparati, che vanno dalla tecnica alla ricerca di nuovi linguaggi in fotografia.
Dei corsi molto vicini a quelli che avremmo voluto avere nel passato, se ce ne fosse stata offerta l’opportunità e la parola opportunità non va sottovalutata, perché ha un peso e una sua valenza e non è spesso scontata.
Ognuno sarà libero di scegliere, sulla base dei nostri consigli, un autore o un tecnico, tra quelli offerti come docenti, e intraprendere un corso che gli offra quello di cui realmente ha bisogno e, eventualmente, ripetere questa esperienza in futuro.
Come quando si va da un eccellente sarto a scegliere con cura un vestito, adattandolo perfettamente al corpo, vogliamo fornirvi il corso che meglio si adatta alle vostre, singole e personali esigenze.
Niente nasce dal caso e per poter essere all’altezza di questo compito e potervi fornire un’offerta diversificata e soddisfacente, abbiamo pensato di sottoporvi un questionario tra il serio e lo scherzoso a cui vi preghiamo di rispondere.
Aiutateci a capire le vostre reali esigenze e chi abbiamo difronte, non ve ne pentirete.
Massimo Mastrorillo

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Approfondiamo ! per i più intrepidi
X