fbpx Skip to content

…Una storia qualunque.

di Giuseppe Maria Gargano

Il mio primo incontro con una reflex fu nel lontano 1985. Avevo 15 anni quando, aprendo un cassetto di casa, vi trovai dentro una Yashica 108 Mp.

La scoperta mi incuriosì così tanto che dal giorno dopo iniziai ad acquistare riviste specialistiche, in particolare mi viene in mente “Fotografare” con la sezione dedicata all’ABC.
Fu allora che cominciai a fare miei termini come: “esposizione“, “focale“, “diaframma“, “iso“, “processo c41 o e6“.
Ero assetato di sapere, volevo capire come un mezzo meccanico potesse trasformarsi in immagine. Acquisita la tecnica base, mi cimentai nello sviluppo e stampa del bianco e nero, sequestrando per ore l’unico bagno di casa trasformato per l’occasione in un camera oscura.

Giuseppe Maria Gargano

E’ una storia qualunque di chi studia per far felice i suoi genitori ma nello stesso tempo si dedica ad una passione che lo fa evadere dalla realtà monotona e rigida impostagli.
Un giorno chiesi a mio padre se poteva passare dal fotografo del paese per ritirare una pellicola portata a stampare.
Accettò di buon grado, nell’intento di sollevarmi economicamente da quella spesa, e fu accolto con gioia dal foto-negoziante che disse che si era permesso di dare un’occhiata alle mie foto e che aveva scoperto un occhio particolare.

Secondo lui quelle non erano semplici immagini ma rappresentavano una ricerca interiore.

Mio padre, (dirigente scolastico alquanto rigido), arrivò a casa e mi disse: “qua ci sono le foto, ho dovuto sentire per venti minuti le critiche positive di quel signore, coltiva il tuo hobby e portami una laurea a casa“.

Avevo allora solo 17 anni ed un solo sogno nel cassetto.

La mia formazione professionale proseguiva su due binari, Da una parte gli studi economici (mi diplomavo in ragioneria e dopo 4 ani mi laureavo in Economia e Commercio) e dall’altro gli studi fotografici (libri della tecnica, i grandi fotografi, le biografie).
Non riuscivo a capire se consideravo hobby la fotografia e futuro lavoro lo studio accademico o viceversa. Sapevo comunque che prima o poi avrei dovuto scegliere quale binario seguire.
L’estate 1998 fu calda e tormentata. dovevo superare anche dei retaggi familiari che vedevano il lavoro di fotografo come un lavoro artigianale poco remunerativo e decoroso rispetto a quello di commercialista.

Affrontai il problema di petto e dopo un mese gestivo il mio studio fotografico.

Ormai dal 1998 mi dedico alla fotografia di matrimonio. Sarà stato il mio entusiasmo lavorativo o la mia già discreta conoscenza fotografica ma iniziai a lavorare già dal primo anno riscuotendo tanto apprezzamento dai clienti.

Avevo allora solo 17 anni ed un solo sogno nel cassetto.

Giuseppe Maria Gargano

Altri articoli di questo autore

Condividi

Vuoi accedere agli eventi riservati?

Abbonati a soli 15€ per 365 giorni e ottieni più di ciò che immagini!

Se invece sei già iscritto ed hai la password, accedi da qui

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Non è facile trovare un buon educatore!
Appartengo ad una generazione che ha dovuto adattarsi alla scarsa offerta dei tempi. Ho avuto un solo tutor, a cui ancora oggi devo molto. Brevi, fugaci ma intensi incontri in cui il sottoscritto, da solo con lui, cercava di prendere nota anche dei respiri e trarre insegnamento da ogni singola parola.
A causa di questa carenza io e i miei coetanei ci siamo dovuti spesso costruire una visione complementare come autori, designers, critici ed insegnanti e questo ci ha aiutato a costruire qualcosa di fondamentale e duraturo.
Per questo motivo con Cine Sud che vanta un’esperienza di oltre 40 anni nel settore della formazione, abbiamo pensato alla possibilità di offrire dei corsi “one to one”, costruiti sulla base delle esigenze individuali e in campi disparati, che vanno dalla tecnica alla ricerca di nuovi linguaggi in fotografia.
Dei corsi molto vicini a quelli che avremmo voluto avere nel passato, se ce ne fosse stata offerta l’opportunità e la parola opportunità non va sottovalutata, perché ha un peso e una sua valenza e non è spesso scontata.
Ognuno sarà libero di scegliere, sulla base dei nostri consigli, un autore o un tecnico, tra quelli offerti come docenti, e intraprendere un corso che gli offra quello di cui realmente ha bisogno e, eventualmente, ripetere questa esperienza in futuro.
Come quando si va da un eccellente sarto a scegliere con cura un vestito, adattandolo perfettamente al corpo, vogliamo fornirvi il corso che meglio si adatta alle vostre, singole e personali esigenze.
Niente nasce dal caso e per poter essere all’altezza di questo compito e potervi fornire un’offerta diversificata e soddisfacente, abbiamo pensato di sottoporvi un questionario tra il serio e lo scherzoso a cui vi preghiamo di rispondere.
Aiutateci a capire le vostre reali esigenze e chi abbiamo difronte, non ve ne pentirete.
Massimo Mastrorillo

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Approfondiamo ! per i più intrepidi
X