fbpx Skip to content

“The Couch”, un divano per protagonista nella foto di Julia Chang-Lomonico

di Alessandro Tarantino

Nei ritratti di famiglia di Julia Chang-Lomonico, un personaggio senza pretese è al centro della scena: il divano del soggiorno, un indicatore stabile del tempo in mezzo al caos e all’evoluzione della vita familiare. 

«Il divano è dove ci riuniamo. Abbiamo guardato ogni possibile spettacolo su di esso e ci sono state infinite esibizioni e storie raccontate da lì. Quando le ragazze erano più giovani e si svegliavano con la febbre nel cuore della notte, ci sedevamo con loro sul divano, lasciando che la sua fresca tappezzeria ci calmasse. Ne ha passate tante con noi, soprattutto durante la pandemia. Era l’unico posto dove potevamo stare tutti come una famiglia», dice la fotografa 39enne riflettendo sui motivi per cui ha iniziato il suo progetto The Couch. Come raccolta di immagini incentrate sul divano nel soggiorno della sua famiglia, la serie rivela gli infiniti modi in cui abitiamo e adattiamo i nostri spazi privati, dalla raccolta per i sonnellini e le mattine assonnate, al gioco insieme e alla costruzione di fortini di cuscini.

Da ex designer d’interni, Chang-Lomonico è sempre stata interessata a questi temi, ma, dice, «è stato solo dopo essere diventata genitore che ho davvero preso coscienza della moltitudine di modi in cui gli esseri umani, in particolare i giovani, vivono e interagire con gli oggetti e lo spazio. I bambini hanno modo di trovare altri 50 modi per utilizzare un singolo oggetto oltre lo scopo previsto. La vita accade, le cose si rompono, si riaggiustano e si rompono di nuovo. Le persone crescono. Il divano è una delle poche cose in casa che sembra essere una costante».

Chang-Lomonico ha iniziato a fotografare momenti sul suo divano dentro e fuori all’inizio, quando i suoi figli erano ancora bambini, ma poi quando il COVID-19 ha colpito e la famiglia è andata in quarantena, ha iniziato a fotografare molto di più il divano, notando quanto sia fondamentale questo un mobile era all’interno della sua casa: «La nostra decisione di insegnare a casa ai nostri figli lo scorso anno ha anche aumentato le nostre interazioni con il divano – dice -. Ho intenzione di continuare a fotografare questo soggetto il più a lungo possibile, idealmente fino a quando i nostri figli non saranno cresciuti e si saranno trasferiti fuori di casa, ma realisticamente, finché la mia famiglia me lo consentirà». 

Per quanto riguarda il suo processo, crede che il modo per ottenere le immagini più potenti non sia mettere in scena o dirigere affatto le scene: «C’erano sempre momenti che accadevano sul divano, avevo solo bisogno di aumentare le mie possibilità di catturarli senza influenzare la scena. Ho posizionato un pezzo di nastro adesivo blu sul pavimento dove volevo che fosse la mia cornice, ho tenuto la mia macchina fotografica vicina e ho lasciato che la vita accadesse».

In qualche modo, gli aspetti del progetto di Chang-Lomonico ricordano il classico lavoro di famiglia di fotografi come Sally Mann, che ha documentato il passare del tempo tra i suoi cari in modo lento e sfumato. Ma c’è anche un legame concettuale con il modo in cui i fotografi hanno focalizzato il loro obiettivo su un luogo e lo hanno registrato mentre cambia nel tempo: Nicholas Nixon, per esempio, e i suoi ritratti ricorrenti di quattro sorelle in quarant’anni, o Carrie Mae Weems (con la serie Kitchen Table), o anche Corinne Day e il modo in cui ha fotografato ripetutamente le modelle sul divano del suo appartamento londinese. 

Fotografare i propri cari sarà sempre un atto emotivo, e per Chang-Lomonico, questo è stato un esperimento intimo nella creazione di un album di famiglia alternativo: «La mia famiglia è probabilmente una delle mie più grandi muse e li ho fotografati molto nel corso degli anni. Per me, le mie fotografie fungono da testimoni di seconda mano della vita che conduce la nostra famiglia».

Altri articoli di questo autore

Condividi

Vuoi accedere agli eventi riservati?

Abbonati a soli 15€ per 365 giorni e ottieni più di ciò che immagini!

Se invece sei già iscritto ed hai la password, accedi da qui

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Non è facile trovare un buon educatore!
Appartengo ad una generazione che ha dovuto adattarsi alla scarsa offerta dei tempi. Ho avuto un solo tutor, a cui ancora oggi devo molto. Brevi, fugaci ma intensi incontri in cui il sottoscritto, da solo con lui, cercava di prendere nota anche dei respiri e trarre insegnamento da ogni singola parola.
A causa di questa carenza io e i miei coetanei ci siamo dovuti spesso costruire una visione complementare come autori, designers, critici ed insegnanti e questo ci ha aiutato a costruire qualcosa di fondamentale e duraturo.
Per questo motivo con Cine Sud che vanta un’esperienza di oltre 40 anni nel settore della formazione, abbiamo pensato alla possibilità di offrire dei corsi “one to one”, costruiti sulla base delle esigenze individuali e in campi disparati, che vanno dalla tecnica alla ricerca di nuovi linguaggi in fotografia.
Dei corsi molto vicini a quelli che avremmo voluto avere nel passato, se ce ne fosse stata offerta l’opportunità e la parola opportunità non va sottovalutata, perché ha un peso e una sua valenza e non è spesso scontata.
Ognuno sarà libero di scegliere, sulla base dei nostri consigli, un autore o un tecnico, tra quelli offerti come docenti, e intraprendere un corso che gli offra quello di cui realmente ha bisogno e, eventualmente, ripetere questa esperienza in futuro.
Come quando si va da un eccellente sarto a scegliere con cura un vestito, adattandolo perfettamente al corpo, vogliamo fornirvi il corso che meglio si adatta alle vostre, singole e personali esigenze.
Niente nasce dal caso e per poter essere all’altezza di questo compito e potervi fornire un’offerta diversificata e soddisfacente, abbiamo pensato di sottoporvi un questionario tra il serio e lo scherzoso a cui vi preghiamo di rispondere.
Aiutateci a capire le vostre reali esigenze e chi abbiamo difronte, non ve ne pentirete.
Massimo Mastrorillo

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Approfondiamo ! per i più intrepidi
X