fbpx Skip to content

L’Agenzia Magnum Photos

di Paolo Ranzani

logo della Magnum Photos

Magnum Photos è la più prestigiosa e conosciuta agenzia fotografica del mondo e oggi vi racconto qualche curiosità che forse non tutti conoscono.

Era il 22 maggio del 1947 quando Robert Capa, seduto ad un tavolo del ristorante del MoMa di New York, in compagnia di William e Rita Vandiver e Maria Eisner, raccontò di un suo progetto a cui aveva dedicato molto tempo negli ultimi mesi, l’idea era di fondare un’Agenzia di Fotografi. Adesso sembra una cosa senza particolare interesse ma in quel periodo fu un pensiero molto originale. Anche se assenti a quell’incontro, vennero riconosciuti come membri fondatori anche Henri Cartier-Bresson, David Seymour e George Rodger.
Il progetto era parecchio ambizioso ma Capa fu determinato, volle realizzarlo e fece di tutto pur di cambiare una situazione sempre più soffocante.
Per capire questo dettaglio occorre considerare che nel 1947 il contesto storico in campo fotografico era molto diverso da quello attuale, i fotografi infatti lavoravano per conto di grandi riviste che commissionavano i reportage, non venivano assolutamente considerati dei creativi o degli artisti, ma solo dei fornitori di immagini, non erano liberi di decidere né cosa fotografare né i temi da trattare e tutto ciò che producevano diventava di proprietà della rivista. Altro fatto di enorme rilievo fu la decisione di detenere la proprietà dei negativi, richiesta assolutamente inusuale per l’epoca.

Robert Capa photographed by Ruth Orkin, Paris, 1951 © Ruth Orkin, courtesy Magnum Photos

“Adesso le cose potranno cambiare!” Esultò Capa.

Nacque così la Magnum Photos. Oltre a quella di New York viene presto istituita una sede anche a Parigi, e poi anche a Londra e Tokyo.
La Magnum, dal punto di vista giuridico, ha la forma di una società cooperativa che ha vari scopi, come ad esempio proteggere il diritto d’autore in ambito fotografico, la trasparenza d’informazione, pretendere dagli editori il controllo della messa in pagina delle immagini e la verifica delle didascalie, ma sopratutto tutelare i fotografi e donare loro la libertà di azione per mantenere il proprio stile senza interessi né senza vincoli.
Fu quindi una conquista davvero molto importante per il mondo della fotografia e in 5 anni raccolse intorno a sé molti grandi fotografi acquisendo così sempre più riconoscibilità. La presenza Italiana in Magnum Photos non è mancata e ha avuto una discreta importanza. Oltre alla fondatrice Maria Eisner, che aveva origini italiane, negli anni sono diventati soci maestri del calibro di Alex Majoli, Ferdinando Scianna e Paolo Pellegrin e proprio Majoli venne eletto il primo presidente italiano dell’agenzia nel 2011. L’ultimo Italiano ad essere riuscito ad entrare a far parte dell’universo Magnum Photos, dieci anni dopo Pellegrin, è stato nel 2015 il romano classe 83’ Lorenzo Meloni reporter giovane di talento impegnato in Medio-Oriente e Nord-Africa.

Annual meeting, Paris, 1988 © Eliott Erwitt / Magnum Photos.

Una curiosità divertente si nasconde dietro la scelta del nome MAGNUM. I soci fondatori dissero che optare per un nome in latino avrebbe conferito un senso di forza mista a grandezza, ma a dirla tutta il motivo più sincero pare sia arrivato dalla cantina, già, dovete sapere che i convenuti, ogni qualvolta si davano appuntamento al ristorante del Moma di New York, amavano discutere davanti ad una bottiglia “Magnum” di vino francese, ed io sinceramente propendo proprio per questa ipotesi sopratutto dopo aver letto una famosa frase di  H.C.Bresson:  “Estrarre una buona fotografia da un foglio di provini è come scendere in cantina e prendere una buona bottiglia di vino”.

Questi timbri, con alcuni dei nomi più famosi della fotografia mondiale, testimoniano l’importanza di Magnum Photos, che nel 2007 ha celebrato il suo sessantesimo anniversario. © Alex Webb/Magnum Photos/Contrasto.

Se il vostro sogno è quello di entrare in Magnum sappiate che l’ingresso dei nuovi membri consiste in un rituale abbastanza rigido e avviene una volta all’anno per valutare le nuove candidature che possono essere presentate solo dagli stessi soci e ogni anno vengono valutati i numerosi portfolio presentati e la commissione giudica ed assegna una nomination agli aspiranti più idonei.
Successivamente avviene una seconda nomination dove il reporter può presentare un nuovo portfolio e se supera questo step diventa membro associato. Deve poi attendere altri due anni durante i quali sarà affiancato ad un membro prima di poter chiedere di entrare a far parte dell’agenzia come membro effettivo ed avere diritto di voto delle successive candidature. Un percorso giustamente non semplice e scontato e ricordiamo che essere un fotografo Magnum è tutt’oggi considerato il miglior riconoscimento della carriera di un fotografo.

Chim (David Seymour) e Robert Capa discutono degli affari Magnum. Parigi, 1950. Foto di ©Henri Cartier-Bresson

Magnum is a community of thought, a shared human quality, a curiosity about what is going on in the world, a respect for what is going on and a desire to transcribe it visually.”

Henri Cartier-Bresson

Altri articoli di questo autore

Condividi

Vuoi accedere agli eventi riservati?

Abbonati a soli 15€ per 365 giorni e ottieni più di ciò che immagini!

Se invece sei già iscritto ed hai la password, accedi da qui

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Non è facile trovare un buon educatore!
Appartengo ad una generazione che ha dovuto adattarsi alla scarsa offerta dei tempi. Ho avuto un solo tutor, a cui ancora oggi devo molto. Brevi, fugaci ma intensi incontri in cui il sottoscritto, da solo con lui, cercava di prendere nota anche dei respiri e trarre insegnamento da ogni singola parola.
A causa di questa carenza io e i miei coetanei ci siamo dovuti spesso costruire una visione complementare come autori, designers, critici ed insegnanti e questo ci ha aiutato a costruire qualcosa di fondamentale e duraturo.
Per questo motivo con Cine Sud che vanta un’esperienza di oltre 40 anni nel settore della formazione, abbiamo pensato alla possibilità di offrire dei corsi “one to one”, costruiti sulla base delle esigenze individuali e in campi disparati, che vanno dalla tecnica alla ricerca di nuovi linguaggi in fotografia.
Dei corsi molto vicini a quelli che avremmo voluto avere nel passato, se ce ne fosse stata offerta l’opportunità e la parola opportunità non va sottovalutata, perché ha un peso e una sua valenza e non è spesso scontata.
Ognuno sarà libero di scegliere, sulla base dei nostri consigli, un autore o un tecnico, tra quelli offerti come docenti, e intraprendere un corso che gli offra quello di cui realmente ha bisogno e, eventualmente, ripetere questa esperienza in futuro.
Come quando si va da un eccellente sarto a scegliere con cura un vestito, adattandolo perfettamente al corpo, vogliamo fornirvi il corso che meglio si adatta alle vostre, singole e personali esigenze.
Niente nasce dal caso e per poter essere all’altezza di questo compito e potervi fornire un’offerta diversificata e soddisfacente, abbiamo pensato di sottoporvi un questionario tra il serio e lo scherzoso a cui vi preghiamo di rispondere.
Aiutateci a capire le vostre reali esigenze e chi abbiamo difronte, non ve ne pentirete.
Massimo Mastrorillo

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Approfondiamo ! per i più intrepidi
X