fbpx Skip to content

Sony World Photography Awards 2021, ecco I vincitori

di Alessandro Tarantino

Sono stati annunciati i 10 vincitori di categoria e le candidature finali al concorso Open dei Sony World Photography Awards 2021, che premia i migliori scatti singoli del 2020. Per il concorso del 2021, sono stati selezionati per la candidatura oltre 100 fotografi e dieci vincitori di categoria. Ciascun vincitore riceverà una gamma di apparecchiature di imaging digitale Sony di ultima generazione per sviluppare la propria visione e verrà candidato al prestigioso titolo di Open Photographer of the Year, che prevede un premio di 5.000 dollari.

Per la categoria Architettura, è stata scelta la fotografia di Klaus Lenzen (Germania) “The Blue Window” in cui è ritratta una rampa di scale dell’hotel Hyatt di Düsseldorf che salgono verso una finestra in cui si vede riflesso un cielo azzurro e terso. Le scale e la finestra sembrano fluttuare nello spazio e sono circondate da ombre scure che evidenziano il design e aggiungono un tocco di surrealismo.

Per la sezione Creatività, Tamary Kudita (Zimbabwe) per “African Victorian”, il ritratto di una giovane donna di colore in abiti vittoriani che tiene in mano alcuni utensili da cucina Shona tradizionali. L’immagine indaga sulla contestualizzazione stereotipata del corpo femminile delle donne di colore e offre un linguaggio visivo alternativo attraverso il quale presentare un’identità africana multiforme.

Paesaggi: Juan López Ruiz (Spagna) per “Electric Storm on Lavender”, una fotografia spettacolare che cattura il momento in cui un fulmine colpisce un campo di lavanda in fiore con un albero solitario al centro e lo sfondo di un cielo serale cupo. Scattata in Spagna nella provincia di Guadalajara.

Per la sezione Lifestyle, Mariano Belmar Torrecilla (Spagna) per “Dias de playa”, una fotografia con lieve sfocatura che rappresenta due donne che fanno una passeggiata mattutina in spiaggia ad Alicante, in Spagna.

Sezione Movimento: Marijo Maduna (Croazia) per “Girl Power”, una fotografia in bianco e nero che immortala il momento in cui una donna si tuffa da uno scoglio sull’isola di Lokrum, vicino a Dubrovnik, in Croazia, mentre gli amici la guardano.

Vincitore della sezione Natura e Animali Selvatici è stato decretato Cristo Pihlamäe (Estonia) per Little Kiss, la fotografia divertente di una lepre che osserva il panorama di un campo con la lingua di fuori.

Il premio per la Categoria Oggetti va a Kata Zih (Ungheria) per “Memento”, una fotografia che mostra il manichino di un sarto in una stanza vuota. Per Zih, l’immobilità della scena evoca un sentimento di solitudine e riporta alla mente l’esperienza del lockdown.

Nella sezione Persone, il premio è stato assegnato a Lyudmila Sabanina (Federazione Russa) per Son, una fotografia che mostra un bambino piccolo, seduto a un tavolo, che osserva il vuoto, perso nei suoi pensieri. La fotografia presenta un aspetto diverso dell’infanzia, legato alla calma e alla riflessione.

Per la “Fotografia Urbana”, F. Dilek Uyar (Turchia) con “Disinfection”, l’immagine cinematografica di un dipendente del Dipartimento Sanitario del Comune di Ankara che cammina lungo un binario della stazione indossando una tuta protettiva mentre spruzza del liquido disinfettante.

La categoria Viaggi ha visto primeggiare Khanh Phan (Vietnam) per “Drying Fish”, la fotografia di una donna sola, circondata da centinaia di vassoi di pesce messo a essiccare nel mercato del pesce di Long Hai a Ba Ria – Vung Tau, Vietnam. La foto è stata scattata dall’alto e il motivo dei vassoi di pesce sembra quasi un tessuto che viene intrecciato dalla donna.

Infine, il vincitore generale della categoria Open verrà annunciato il 15 aprile. Le opere vincitrici e candidate verranno presentate nel contesto di un’esibizione virtuale sul sito web dell’Organizzazione Mondiale della Fotografia a partire dal 15 aprile.

Altri articoli di questo autore

Condividi

Vuoi accedere agli eventi riservati?

Abbonati a soli 15€ per 365 giorni e ottieni più di ciò che immagini!

Se invece sei già iscritto ed hai la password, accedi da qui

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Non è facile trovare un buon educatore!
Appartengo ad una generazione che ha dovuto adattarsi alla scarsa offerta dei tempi. Ho avuto un solo tutor, a cui ancora oggi devo molto. Brevi, fugaci ma intensi incontri in cui il sottoscritto, da solo con lui, cercava di prendere nota anche dei respiri e trarre insegnamento da ogni singola parola.
A causa di questa carenza io e i miei coetanei ci siamo dovuti spesso costruire una visione complementare come autori, designers, critici ed insegnanti e questo ci ha aiutato a costruire qualcosa di fondamentale e duraturo.
Per questo motivo con Cine Sud che vanta un’esperienza di oltre 40 anni nel settore della formazione, abbiamo pensato alla possibilità di offrire dei corsi “one to one”, costruiti sulla base delle esigenze individuali e in campi disparati, che vanno dalla tecnica alla ricerca di nuovi linguaggi in fotografia.
Dei corsi molto vicini a quelli che avremmo voluto avere nel passato, se ce ne fosse stata offerta l’opportunità e la parola opportunità non va sottovalutata, perché ha un peso e una sua valenza e non è spesso scontata.
Ognuno sarà libero di scegliere, sulla base dei nostri consigli, un autore o un tecnico, tra quelli offerti come docenti, e intraprendere un corso che gli offra quello di cui realmente ha bisogno e, eventualmente, ripetere questa esperienza in futuro.
Come quando si va da un eccellente sarto a scegliere con cura un vestito, adattandolo perfettamente al corpo, vogliamo fornirvi il corso che meglio si adatta alle vostre, singole e personali esigenze.
Niente nasce dal caso e per poter essere all’altezza di questo compito e potervi fornire un’offerta diversificata e soddisfacente, abbiamo pensato di sottoporvi un questionario tra il serio e lo scherzoso a cui vi preghiamo di rispondere.
Aiutateci a capire le vostre reali esigenze e chi abbiamo difronte, non ve ne pentirete.
Massimo Mastrorillo

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Approfondiamo ! per i più intrepidi
X