fbpx Skip to content

Skateboard: femminile, plurale. Il progetto di Jordana Bermùdez “Girl can’t skate”.

di Alessandro Tarantino

Lo skateboard come simbolo di emancipazione femminile? Gli scatti e i filmati di Jordana Bermùdez raccontano bene come in quel mondo un po’ undeground, un po’ periferia suburbana i cui protagonisti erano sempre uomini, oggi sta evolvendo e le donne sono riuscite a prendere spazio.

Messicana ma trapiantata negli Stati Uniti, Jordana Bermùdez ha inteso raccontare questa evoluzione con il progetto “Girls Cant’t Skate” che parla di un gruppo di skateboarder composto da sole donne o appartenenti al genere non binario e dei gruppi che a New York promuovono supporto, solidarietà e sicurezza in uno sport promosso spesso culturalmente  e prevalentemente come maschile. Non c’è solo la professionalità sportiva e l’energia femminile negli scatti della fotografa ma anche una chiara percezione e consapevolezza di una comunità urbana che sta crescendo sempre di più, l’appartenenza ad essa e la volontà di aprire un dialogo sull’uguaglianza di genere attraverso la fotografia.

«Ciò che più mi ha intrigato – ha dichiarato la fotografa in un’intervista a Repubblica – è stata l’intersezione tra l’uguaglianza di genere, gli skatepark come spazi pubblici sicuri che consentono alle donne e alle persone non binarie di muoversi liberamente, senza paura di violenze e molestie. Girls Can’t Skate è una storia sull’uguaglianza di genere, di lotta agli stereotipi, attivismo, diversità. Mette in luce lo skate come sport utile per costruire una comunità accogliente e inclusiva».

Si tratta di un progetto multimediale il cui obiettivo principale è raccontare il cambiamento, l’evoluzione sociale, l’emancipazione: «Esplorando la passione e la resilienza condivise di queste donne – si legge nelle note di accompagnamento al progetto sul sito dell’artista -, si celebra l’emancipazione femminile in contrasto con la cultura maschilista e la violenza normalizzata contro le donne che affligge gran parte del mondo. Queste donne stanno sfidando lo sport tradizionalmente dominato dagli uomini in un momento storico per lo skateboard, che farà parte dei prossimi Giochi Olimpici di Tokyo 2021».

Altri articoli di questo autore

Condividi

Vuoi accedere agli eventi riservati?

Abbonati a soli 15€ per 365 giorni e ottieni più di ciò che immagini!

Se invece sei già iscritto ed hai la password, accedi da qui

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Non è facile trovare un buon educatore!
Appartengo ad una generazione che ha dovuto adattarsi alla scarsa offerta dei tempi. Ho avuto un solo tutor, a cui ancora oggi devo molto. Brevi, fugaci ma intensi incontri in cui il sottoscritto, da solo con lui, cercava di prendere nota anche dei respiri e trarre insegnamento da ogni singola parola.
A causa di questa carenza io e i miei coetanei ci siamo dovuti spesso costruire una visione complementare come autori, designers, critici ed insegnanti e questo ci ha aiutato a costruire qualcosa di fondamentale e duraturo.
Per questo motivo con Cine Sud che vanta un’esperienza di oltre 40 anni nel settore della formazione, abbiamo pensato alla possibilità di offrire dei corsi “one to one”, costruiti sulla base delle esigenze individuali e in campi disparati, che vanno dalla tecnica alla ricerca di nuovi linguaggi in fotografia.
Dei corsi molto vicini a quelli che avremmo voluto avere nel passato, se ce ne fosse stata offerta l’opportunità e la parola opportunità non va sottovalutata, perché ha un peso e una sua valenza e non è spesso scontata.
Ognuno sarà libero di scegliere, sulla base dei nostri consigli, un autore o un tecnico, tra quelli offerti come docenti, e intraprendere un corso che gli offra quello di cui realmente ha bisogno e, eventualmente, ripetere questa esperienza in futuro.
Come quando si va da un eccellente sarto a scegliere con cura un vestito, adattandolo perfettamente al corpo, vogliamo fornirvi il corso che meglio si adatta alle vostre, singole e personali esigenze.
Niente nasce dal caso e per poter essere all’altezza di questo compito e potervi fornire un’offerta diversificata e soddisfacente, abbiamo pensato di sottoporvi un questionario tra il serio e lo scherzoso a cui vi preghiamo di rispondere.
Aiutateci a capire le vostre reali esigenze e chi abbiamo difronte, non ve ne pentirete.
Massimo Mastrorillo

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Approfondiamo ! per i più intrepidi
X