fbpx Skip to content

SIGMA 70-200 F/2.8 SPORT – Uno zoom senza compromessi

di Rino Giardiello

Ultimo degli obiettivi serie “reflex” quando ormai ci si stava già spostando sulle mirrorless, il Sigma 70-200 F/2.8 Sport è ingombrante e pesante, ma si sposa bene con la Sigma sd Quattro H e la Panasonic S1. Roba da artiglieria pesante!

Il Sigma 70-200mm F/2.8 Sport è un obiettivo senza compromessi, purtroppo uscito quando era ormai in corso il passaggio dalle reflex alle mirrorless, cosa che non ne ha decretato il successo commerciale che avrebbe meritato. La tropicalizzazione completa, il diaframma a 11 lamelle, l’abbondanza dello schema ottico, la qualità costruttiva ed i materiali impiegati come il magnesio ne fanno un potente ed affidabile strumento per fotografare anche nelle condizioni climatiche più avverse.

Il Sigma 70-200mm F/2.8 Sport dà il meglio di sé a distanze ravvicinate e, se lo sfondo è distante dal soggetto, ha un ottimo sfocato, bello e cremoso. Viceversa, se lo sfondo è vicino al soggetto, lo sfocato diventa leggermente nervoso come quello della maggior parte dei Sigma serie Art.

La resa del Sigma 70-200mm F/2.8 Sport è ottima già a tutta apertura, ma può creare degli aloni nelle forti luci ed i bianchi sparati in particolari condizioni. Con luce controllata ed artificiale nessun problema. Chiudendo di un solo stop si arriva praticamente alla perfezione. Un’ottima resa globale, un’elevata resa al centro e una risolvenza buona ai bordi. La risolvenza ai bordi diventa ottima a F/5.6 e, nella realtà pratica, non si notano differenze tra centro e bordi.

Le prestazioni del Sigma 70-200mm F/2.8 Sport restano pressoché costanti per tutta l’escursione focale: non abbiamo un obiettivo ottimo a 70mm e appena sufficiente a 200mm.

Il crop in alto è ottenuto dal file della Panasonic S1 (Bayer) mentre il file in basso è ottenuto dal file della Sigma sd Quattro H (Foveon). La differenza di nitidezza dovuta ai diversi sensori (cliccare sulle immagini per vederle alle dimensioni reali) è evidente.

La vignettatura è presente ad F/2.8 sul full frame, ma scompare già ad F/3.5 quindi si può considerare irrilevante e, a parte tutto, si corregge facilmente.

Le prove fatte sono ovviamente sopra i 100mm, quello che dovrebbe essere il suo campo prevalente di utilizzo e per il quale conviene comprare un obiettivo così grande e pesante. La sigla “Sport” è suggestiva, ma non sono in grado di metterlo a dura prova in questo campo in quanto, avendo la Sigma sd Quattro H e la Panasonic S1 con MC-21 per poter utilizzare le mie ottiche SA, l’AF-C non è supportato.

Continua a leggere l’articolo su Nadir.it

Ordina il Sigma 70-200 F2.8 Sport su CineSud.it

Altri articoli di questo autore

Condividi

Vuoi accedere agli eventi riservati?

Abbonati a soli 15€ per 365 giorni e ottieni più di ciò che immagini!

Se invece sei già iscritto ed hai la password, accedi da qui

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Non è facile trovare un buon educatore!
Appartengo ad una generazione che ha dovuto adattarsi alla scarsa offerta dei tempi. Ho avuto un solo tutor, a cui ancora oggi devo molto. Brevi, fugaci ma intensi incontri in cui il sottoscritto, da solo con lui, cercava di prendere nota anche dei respiri e trarre insegnamento da ogni singola parola.
A causa di questa carenza io e i miei coetanei ci siamo dovuti spesso costruire una visione complementare come autori, designers, critici ed insegnanti e questo ci ha aiutato a costruire qualcosa di fondamentale e duraturo.
Per questo motivo con Cine Sud che vanta un’esperienza di oltre 40 anni nel settore della formazione, abbiamo pensato alla possibilità di offrire dei corsi “one to one”, costruiti sulla base delle esigenze individuali e in campi disparati, che vanno dalla tecnica alla ricerca di nuovi linguaggi in fotografia.
Dei corsi molto vicini a quelli che avremmo voluto avere nel passato, se ce ne fosse stata offerta l’opportunità e la parola opportunità non va sottovalutata, perché ha un peso e una sua valenza e non è spesso scontata.
Ognuno sarà libero di scegliere, sulla base dei nostri consigli, un autore o un tecnico, tra quelli offerti come docenti, e intraprendere un corso che gli offra quello di cui realmente ha bisogno e, eventualmente, ripetere questa esperienza in futuro.
Come quando si va da un eccellente sarto a scegliere con cura un vestito, adattandolo perfettamente al corpo, vogliamo fornirvi il corso che meglio si adatta alle vostre, singole e personali esigenze.
Niente nasce dal caso e per poter essere all’altezza di questo compito e potervi fornire un’offerta diversificata e soddisfacente, abbiamo pensato di sottoporvi un questionario tra il serio e lo scherzoso a cui vi preghiamo di rispondere.
Aiutateci a capire le vostre reali esigenze e chi abbiamo difronte, non ve ne pentirete.
Massimo Mastrorillo

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Approfondiamo ! per i più intrepidi
X