fbpx Skip to content

Rotta balcanica: tra indifferenza e violenza

di Francesco Malavolta

Migliaia di persone fuggono da violenza e conflitti attraverso la penisola balcanica, per raggiungere i paesi dell’Unione Europea.

La rotta balcanica da anni è un vero e proprio limbo umanitario, con migliaia di persone che transitano e sostano in condizioni disumane e dove persecuzioni e violenze sono diventante sistematiche.

Questa rotta non è recente come tanti credono, ma ha una storia lunghissima che appartiene alle tante persone in fuga soprattutto dall’area del  Medio Oriente e Asia Occidentale. Negli ultimi anni, sicuramente, è diventata la rotta più percorsa verso i Paesi Membri della Ue con oltre un milione di persone dal 2015. Recentemente i riflettori si sono riaccesi sulla rotta balcanica il 23 dicembre 2020, quando un devastante incendio ha distrutto completamente il campo di Lipa, in Bosnia, che in quel momento ospitava poco più di mille persone, molte delle quali respinte dalla polizia croata. A riaprire la delicata questione e smuovere le coscienze ci hanno pensato le foto dei tanti disperati in fila nel bianco della neve per ricevere un pasto caldo e una coperta.

Il confine croato-bosniaco rappresenta tecnicamente l’ultima possibilità di bloccare le persone in fuga perché dopo quel confine inizia la UE. Questo ha innescato una spirale di continui e violenti respingimenti. Secondo i dati elaborati dal “Danish Refugee Council”, nel periodo da marzo 2019 ad ottobre 2020, le persone respinte dalla Croazia verso la Bosnia sono state oltre  22mila; il 70% di loro ha subìto forme di violenza di vario genere, comprese la tortura. Molte di queste violenze sono state debitamente raccontate dalle vittime e dimostrate. Si tratta di eventi che delineano il più esteso e sistematico uso della violenza verso tutti coloro che provano ad entrare in Europa per cercare riparo da guerre, carestie, regimi e altre forme di buoni motivi per fuggire dai loro paesi.

L’Europa negli ultimi anni ha scelto di esternalizzare i propri confini per far fare ad altri il “lavoro sporco”. L’Italia ha stretto patti con la Libia, la Spagna con il Marocco, la Grecia (attraverso l’Europa) con la Turchia, mentre i croati si sono dimenticati probabilmente di far parte di quell’Europa che questi crimini dovrebbe condannarli.

Il mio ultimo viaggio verso quei confini mi riporta indietro a vecchie ed identiche situazioni di tende, vecchie fabbriche abbandonante, fango, freddo. Ho incontrato infatti ragazzi giovanissimi che hanno tutti una storia diversa e un unico sogno: entrare in Europa. Personalmente mi rifiuto di parlare di emergenza umanitaria. Basta guardare i numeri. L’OIM stima che in Bosnia ci siano circa 11 mila persone sparse tra quelli campi ufficiali e accampamenti di fortuna (gennaio 2021). Undicimila persone sono la curva di una squadra di seconda categoria. Non possiamo accettare che undicimila persone che vogliono proseguire per più paesi in Europa siano un problema. Il vero problema e l’unica emergenza restano la violenza della polizia e l’assenza della UE nella gestione di queste situazioni inaccettabili.

Siamo a maggio ’21. Andati via fotografi e giornalisti restano campi e tende piene di persone, per fortuna c’è il sole.

Altri articoli di questo autore

Condividi

Articoli Recenti

Vuoi accedere agli eventi riservati?

Abbonati a soli 15€ per 365 giorni e ottieni più di ciò che immagini!

Se invece sei già iscritto ed hai la password, accedi da qui

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Non è facile trovare un buon educatore!
Appartengo ad una generazione che ha dovuto adattarsi alla scarsa offerta dei tempi. Ho avuto un solo tutor, a cui ancora oggi devo molto. Brevi, fugaci ma intensi incontri in cui il sottoscritto, da solo con lui, cercava di prendere nota anche dei respiri e trarre insegnamento da ogni singola parola.
A causa di questa carenza io e i miei coetanei ci siamo dovuti spesso costruire una visione complementare come autori, designers, critici ed insegnanti e questo ci ha aiutato a costruire qualcosa di fondamentale e duraturo.
Per questo motivo con Cine Sud che vanta un’esperienza di oltre 40 anni nel settore della formazione, abbiamo pensato alla possibilità di offrire dei corsi “one to one”, costruiti sulla base delle esigenze individuali e in campi disparati, che vanno dalla tecnica alla ricerca di nuovi linguaggi in fotografia.
Dei corsi molto vicini a quelli che avremmo voluto avere nel passato, se ce ne fosse stata offerta l’opportunità e la parola opportunità non va sottovalutata, perché ha un peso e una sua valenza e non è spesso scontata.
Ognuno sarà libero di scegliere, sulla base dei nostri consigli, un autore o un tecnico, tra quelli offerti come docenti, e intraprendere un corso che gli offra quello di cui realmente ha bisogno e, eventualmente, ripetere questa esperienza in futuro.
Come quando si va da un eccellente sarto a scegliere con cura un vestito, adattandolo perfettamente al corpo, vogliamo fornirvi il corso che meglio si adatta alle vostre, singole e personali esigenze.
Niente nasce dal caso e per poter essere all’altezza di questo compito e potervi fornire un’offerta diversificata e soddisfacente, abbiamo pensato di sottoporvi un questionario tra il serio e lo scherzoso a cui vi preghiamo di rispondere.
Aiutateci a capire le vostre reali esigenze e chi abbiamo difronte, non ve ne pentirete.
Massimo Mastrorillo

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Approfondiamo ! per i più intrepidi
X