fbpx Skip to content

Nega. Alla ricerca della bellezza

di Nino Bartuccio

Sono nato il 3-3-1969, e sono legato a questi numeri.

La famosa foto di Nega l’ho scattata nel terzo incontro – nell’anno 2006 – e Nega aveva 9 anni  in quel periodo. Nella fotocamera, con ora italiana, erano le 21:16 e 21 secondi, il nome file è img_0010.cr2, lunghezza focale 105 millimetri.

Per tutta la mia giovinezza, ho sentito mio padre raccontare di un suo fratello andato in Brasile 40 anni prima, durante la seconda guerra mondiale.

Ogni anno la stessa frase: “stannu non aiu soddi, ma nautrannu vaiu in brasili unni me frati” (quest’anno non ho soldi ma il prossimo anno andrò in Brasile da mio fratello); mio padre non ci è mai andato, ci sono andato io in un momento particolare della mia vita.

Nega
Nega © Nino Bartuccio 2006

Ad un certo punto del viaggio, mi sono ritrovato in una località remota distante dai soliti itinerari turistici brasiliani. Un luogo in cui volevo fotografare la gente comune che vive la vita reale, non volevo fotografare la povertà ma la bellezza della vita e della gioventù, la stessa gioventù spensierata che da povero ho vissuto io, giocando per strada.

Mentre visitavo la zona, sono stato attratto da alcuni bambini che giocavano con delle carriole costruite con i rami degli alberi, mentre la fotografia che cambiò la mia vita era alle mie spalle.

Mi giro e vedo una bambina, era Nega.

Dolce e selvaggia, scatto la foto del primo incontro.

Successivamente, lei si sposta sul davanzale della sua modestissima casa e si siede accanto alla sorellina  (come ad invitarmi a fotografarla), mi guarda con gli occhi dell’anima e scatto altre 3 foto per me straordinarie.

Continuo il mio cammino e, tornato in Italia, ho sempre lei come ricordo di un viaggio attraverso il tempo.

Nega © Nino Bartuccio 2006

Quanto tempo può durare un istante? Pochissimo, verrebbe da rispondere, un attimo. Il tempo di uno scatto fotografico.
Esistono scatti, però, che giocano col tempo e lo dilatano, si espandono a macchia d’olio nelle trame della tela e si diffondono nello spazio-tempo.

Puntano all’eternità.

Quel giorno, non immaginavo che la mia vita sarebbe cambiata per sempre.

Nel mio quarto viaggio in Brasile, il padre di Nega voleva che io la prendessi in affidamento ma è bastato scattare la foto di Nega, abbracciata a suo fratello, per decidere che non era giusto staccarla dalla sua vita, dalla sua famiglia.

Nega © Nino Bartuccio 2006

Nasce NEGA PROJECT

 

1 PHOTO 1000 PORTRAITS

 

Il ritratto di Nega, immesso su alcuni portali di fotografia 10 anni or sono, ha raggiunto risultati straordinari rivelandosi una tra le immagini più utilizzate sul web.
Inoltre, prendendo spunto da quella fotografia, una miriade di artisti in tutto il mondo hanno realizzato dipinti e opere che ritraggono la bambina dagli occhi bellissimi.

Nega Project intende riunire, attorno ad un unico progetto solidale, gli artisti che, nel corso degli anni, hanno ritratto Nega.

Tutti gli eventi perseguiranno lo scopo di reperire fondi per aiutare il Brasile di Nega ed altre zone povere del Mondo.

Se Nega è arrivata ovunque, allora niente è impossibile

Maggiori informazioni del progetto su www.negaproject.com

Altri articoli di questo autore

Condividi

Vuoi accedere agli eventi riservati?

Abbonati a soli 15€ per 365 giorni e ottieni più di ciò che immagini!

Se invece sei già iscritto ed hai la password, accedi da qui

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Non è facile trovare un buon educatore!
Appartengo ad una generazione che ha dovuto adattarsi alla scarsa offerta dei tempi. Ho avuto un solo tutor, a cui ancora oggi devo molto. Brevi, fugaci ma intensi incontri in cui il sottoscritto, da solo con lui, cercava di prendere nota anche dei respiri e trarre insegnamento da ogni singola parola.
A causa di questa carenza io e i miei coetanei ci siamo dovuti spesso costruire una visione complementare come autori, designers, critici ed insegnanti e questo ci ha aiutato a costruire qualcosa di fondamentale e duraturo.
Per questo motivo con Cine Sud che vanta un’esperienza di oltre 40 anni nel settore della formazione, abbiamo pensato alla possibilità di offrire dei corsi “one to one”, costruiti sulla base delle esigenze individuali e in campi disparati, che vanno dalla tecnica alla ricerca di nuovi linguaggi in fotografia.
Dei corsi molto vicini a quelli che avremmo voluto avere nel passato, se ce ne fosse stata offerta l’opportunità e la parola opportunità non va sottovalutata, perché ha un peso e una sua valenza e non è spesso scontata.
Ognuno sarà libero di scegliere, sulla base dei nostri consigli, un autore o un tecnico, tra quelli offerti come docenti, e intraprendere un corso che gli offra quello di cui realmente ha bisogno e, eventualmente, ripetere questa esperienza in futuro.
Come quando si va da un eccellente sarto a scegliere con cura un vestito, adattandolo perfettamente al corpo, vogliamo fornirvi il corso che meglio si adatta alle vostre, singole e personali esigenze.
Niente nasce dal caso e per poter essere all’altezza di questo compito e potervi fornire un’offerta diversificata e soddisfacente, abbiamo pensato di sottoporvi un questionario tra il serio e lo scherzoso a cui vi preghiamo di rispondere.
Aiutateci a capire le vostre reali esigenze e chi abbiamo difronte, non ve ne pentirete.
Massimo Mastrorillo

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Approfondiamo ! per i più intrepidi
X