fbpx Skip to content

Michael Stipe racconta la vulnerabilità umana in 169 fotografie

di Alessandro Tarantino

È stato pubblicato da poco più di una settimana il terzo libro fotografico firmato da Michael Stipe. Il già leader di una delle più importanti rockband di sempre, i R.E.M., noto anche per il suo impegno sociale, ha racchiuso in 169 scatti il racconto di un anno surreale e complesso come quello segnato dalla Covid-19.

Anche questo volume è stato pubblicato da Damiani editore e questa volta si concentra su tematiche delicate come la resilienza e la vulnerabilità umana.

Ma c’è una novità: i ritratti intensi e diretti di Stipe sono arricchiti 16 tracce audio realizzate dal fondatore dei R.E.M. e sviluppate in collaborazione con GOODmood Editore – che ne ha realizzato editing e sound design – che si possono ascoltare gratuitamente scansionando con il proprio smartphone il QR code presente all’interno della pubblicazione.

Il libro è un’ode alla forza e allo spirito di adattabilità dell’essere umano del XXI secolo. Stipe ha ritratto amici, famigliari, personaggi noti e meno, che hanno ispirato e influenzato la sua vita e la sua carriera artistica: tra questi Tilda Swinton (foto di copertina), John Giorno (scomparso nel 2019), Joan Jonas, Kirsten Dunst, Beth Ditto, Gus Van Sant, Aaron Taylor-Johnson, Helena Christensen, Michèle Lamy, Sophie Calle. 

Qui sotto potete vedere la presentazione del libro, in cui Michael Stipe dialoga con Alberto Salvadori, direttore di ICA Milano, che ospiterà una mostra nel 2022:

Accanto all’edizione standard del libro, ne è stata realizzata una deluxe in vendita in una tiratura limitata da 30 copie, numerate a mano dallo stesso Michael Stipe, realizzata con una copertina – scultura realizzata in maniera artigianale e autografata dall’autore dal valore di 700 euro.

Altri articoli di questo autore

Condividi

Vuoi accedere agli eventi riservati?

Abbonati a soli 15€ per 365 giorni e ottieni più di ciò che immagini!

Se invece sei già iscritto ed hai la password, accedi da qui

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Non è facile trovare un buon educatore!
Appartengo ad una generazione che ha dovuto adattarsi alla scarsa offerta dei tempi. Ho avuto un solo tutor, a cui ancora oggi devo molto. Brevi, fugaci ma intensi incontri in cui il sottoscritto, da solo con lui, cercava di prendere nota anche dei respiri e trarre insegnamento da ogni singola parola.
A causa di questa carenza io e i miei coetanei ci siamo dovuti spesso costruire una visione complementare come autori, designers, critici ed insegnanti e questo ci ha aiutato a costruire qualcosa di fondamentale e duraturo.
Per questo motivo con Cine Sud che vanta un’esperienza di oltre 40 anni nel settore della formazione, abbiamo pensato alla possibilità di offrire dei corsi “one to one”, costruiti sulla base delle esigenze individuali e in campi disparati, che vanno dalla tecnica alla ricerca di nuovi linguaggi in fotografia.
Dei corsi molto vicini a quelli che avremmo voluto avere nel passato, se ce ne fosse stata offerta l’opportunità e la parola opportunità non va sottovalutata, perché ha un peso e una sua valenza e non è spesso scontata.
Ognuno sarà libero di scegliere, sulla base dei nostri consigli, un autore o un tecnico, tra quelli offerti come docenti, e intraprendere un corso che gli offra quello di cui realmente ha bisogno e, eventualmente, ripetere questa esperienza in futuro.
Come quando si va da un eccellente sarto a scegliere con cura un vestito, adattandolo perfettamente al corpo, vogliamo fornirvi il corso che meglio si adatta alle vostre, singole e personali esigenze.
Niente nasce dal caso e per poter essere all’altezza di questo compito e potervi fornire un’offerta diversificata e soddisfacente, abbiamo pensato di sottoporvi un questionario tra il serio e lo scherzoso a cui vi preghiamo di rispondere.
Aiutateci a capire le vostre reali esigenze e chi abbiamo difronte, non ve ne pentirete.
Massimo Mastrorillo

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Approfondiamo ! per i più intrepidi
X