fbpx Skip to content

Maria Di Pietro

di Maria Di Pietro

Contatta Maria.

La tua richiesta verrà mediata dalla redazione.

Maria Di Pietro è nata nel sud Italia, nella Campania Felix, in provincia di Napoli.

Si laurea all’Accademia di Belle Arti di Napoli approfondendo un percorso volto alla fotografia, discutendo una tesi con la storica e critica dell’arte Ennery Taramelli.

La sua vocazione è in tutta la sua passione carnale verso ogni forma di scrittura per immagini che, strada facendo ha preso corpo documentando con una macchina fotografica, i soprusi e le ingiustizie alla sua terra, tristemente famosa come terra dei fuochi. Più che una documentazione la sua, è la necessità di raccontare, immortalare la gioia seppur ai margini di quell’infelicità insita nei vicoli dell’emarginazione e dell’indifferenza.

I suoi scritti sono funamboli su un filo sottile che spazia da un’assetata ricerca tra il teatro della vita ed il fotogiornalismo, cui si dedica nei primi anni collaborando con agenzie di news che le offrono la possibilità di immettersi nel circuito professionale, pubblicando su riviste nazionali ed internazionali.

Realizza varie mostre, partecipa ad incontri di “sopravvivenza visiva”.

Nel 2005 farà parte della sezione teatro alla XIIBiennaledeiGiovaniArtisti dell’Europa e del Mediterraneo di Napoli, esperienza che rafforza la consapevolezza di quanto l’arte resti punto cardine del suo percorso.

Nel 2009 lascia il lavoro di fotoreporter per dedicarsi ad una fotografia libera, in verità, smette di lavorare come fotografa per restare fedele alla fotografia. Partecipa nello stesso anno al Festival del Cinema dei Diritti Umani di Napoli/Buenos Aires, nella categoria Eyes wide shut, con il racconto Napoli Nomade, storia delle condizioni cui viveva la comunità rom, in campi resi permanenti per anni su discariche abusive di rifiuti, nella periferia di Napoli. Con quelle fotografie viene scelta come vincitrice dal fotografo Pino Bertelli, incontro che metterà un punto, saldo e costante, in quella che sarà la sua ricerca di bellezza, poesia e giustizia contro la fotografia della società dello spettacolo.

Fotografa di continuo e d’istinto, uno scatto immediato, un approccio che viene da dentro, un’istintività viscerale che consente di afferrare quell’attimo cui aveva intuito la presenza.”

Collabora costantemente per la realizzazione di storie che pongono l’attenzione sui diritti umani, la sua è una fotografia sociale, documentaria ma, inevitabilmente fotoscrittura, cedendo ad una ricerca poetica, magma di vita.

Fedele a se stessa e libera da padroni, preferisce stare sempre dalla parte degli oppressi e, dedicarsi a una personale ricerca di una fotografia poco “rumorosa” volta al paesaggio, ai volti, alle tracce e ai segni che l’umanità lascia, a quella bellezza insita nella quotidianità dello sguardo, attraverso ogni strada che abbia luce.

Nel 2019 ha redatto con Pino Bertelli e Felisia Toscano il Manifesto per una fotografia di bellezza e giustizia. Maria Di Pietro s’interroga di continuo, la fotografia è la sua necessità.

mariadipietro.eu

Altri articoli di questo autore

Condividi

Vuoi accedere agli eventi riservati?

Abbonati a soli 15€ per 365 giorni e ottieni più di ciò che immagini!

Se invece sei già iscritto ed hai la password, accedi da qui

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Non è facile trovare un buon educatore!
Appartengo ad una generazione che ha dovuto adattarsi alla scarsa offerta dei tempi. Ho avuto un solo tutor, a cui ancora oggi devo molto. Brevi, fugaci ma intensi incontri in cui il sottoscritto, da solo con lui, cercava di prendere nota anche dei respiri e trarre insegnamento da ogni singola parola.
A causa di questa carenza io e i miei coetanei ci siamo dovuti spesso costruire una visione complementare come autori, designers, critici ed insegnanti e questo ci ha aiutato a costruire qualcosa di fondamentale e duraturo.
Per questo motivo con Cine Sud che vanta un’esperienza di oltre 40 anni nel settore della formazione, abbiamo pensato alla possibilità di offrire dei corsi “one to one”, costruiti sulla base delle esigenze individuali e in campi disparati, che vanno dalla tecnica alla ricerca di nuovi linguaggi in fotografia.
Dei corsi molto vicini a quelli che avremmo voluto avere nel passato, se ce ne fosse stata offerta l’opportunità e la parola opportunità non va sottovalutata, perché ha un peso e una sua valenza e non è spesso scontata.
Ognuno sarà libero di scegliere, sulla base dei nostri consigli, un autore o un tecnico, tra quelli offerti come docenti, e intraprendere un corso che gli offra quello di cui realmente ha bisogno e, eventualmente, ripetere questa esperienza in futuro.
Come quando si va da un eccellente sarto a scegliere con cura un vestito, adattandolo perfettamente al corpo, vogliamo fornirvi il corso che meglio si adatta alle vostre, singole e personali esigenze.
Niente nasce dal caso e per poter essere all’altezza di questo compito e potervi fornire un’offerta diversificata e soddisfacente, abbiamo pensato di sottoporvi un questionario tra il serio e lo scherzoso a cui vi preghiamo di rispondere.
Aiutateci a capire le vostre reali esigenze e chi abbiamo difronte, non ve ne pentirete.
Massimo Mastrorillo

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Approfondiamo ! per i più intrepidi
X