fbpx Skip to content

Luigi Ghirri. L’ amico infinito – Di Claude Nori – Postcart Edizioni

di Massimo Mastrorillo

Un atto d’amore, il racconto di una grande amicizia e complicità, un modo per conoscere un po’ della vita e del privato di un grande autore attraverso l’occhio di un altro grande autore.

Vite che si intrecciano, passioni in comune, scherzi, momenti di allegria e di tristezza. “Nella macchina di Luigi, scassata e piena di fumo, ci capitava spesso di urlare “Like a Rolling Stone” di Bob Dylan, mentre intorno a noi sfilavano i paesaggi nebbiosi del Po che a tratti facevano pensare alle fotografie di Walker Evans”. 

La prima mostra di Luigi Ghirri, la sua vita familiare, il lavoro come geometra e i suoi rapporti con il mondo dell’arte, gli autori che lo appassionavano, i suoi dubbi, le sue certezze. “Sapendo benissimo che le sue fotografie erano in qualche modo banali, senza stile, senza effetto, iniziò a fotografare per strada…E a un tratto non riuscì più a fermarsi, vedeva fotografie ovunque, percepiva anche relazioni strane, sfalsate, surreali, fantastiche, metafisiche tra le sue foto e la realtà, un mondo senza fine! Luigi gongolava, rideva tra sé e sé, era in trance, incapace di fermarsi. Dov’era il falso o dov’era il vero? Tra il 1971 e il 1972 scattò un gran numero di foto, quante ne bastavano se non altro per occupare i suoi progetti futuri, Paesaggi di cartone, Kodachrome e Colazione sull’erba (appena ristampato da Mack).”

Un momento storico tra i più interessanti e fertili, soprattutto per la fotografia italiana. Grandi autori, accomunati dalla passione e dalla voglia di condividere e dalla consapevolezza dell’importanza del ruolo della fotografia nel loro tempo. Il progetto fallimentare ma ambizioso della casa editrice Punto e Virgola che comunque pubblicò libri di Fontana, Vaccari e avrebbe dovuto pubblicare Cresci, Chiaromonte, Guidi, Zannier. L’uscita di Kodachrome che risultò inizialmente ostico anche per Nori e le cui immagini sono state efficacemente definite da Roland Barthes “fototessere della realtà”. La sua conferenza alla Sorbona indossando per l’occasione delle inedite Clarks rosa salmone, il piacere di scoprire nella scoperta, l’avventura di Viaggio in Italia.

Il tutto raccontato con delicatezza, rispetto: “Da parte mia provavo un’immensa tenerezza per quell’ometto malvestito e con la testa tra le nuvole, ma dotato di una malizia, un’intelligenza, una vivacità di spirito e soprattutto di un’umanità che illuminavano la mia vita e venivano, come un sole, a riscaldare e riattivare le mie origini italiane, senza mai smettere di donare loro consistenza, un legittimo senso critico e anche un po’ di autoironia.”

Il libro è accompagnato da fotografie della vita di Luigi Ghirri, dell’amicizia con Nori ma anche da opere e interviste. La scrittura è semplice, fluida, intensa. Un libro da avere in libreria ma anche da portarsi appresso in questa estate così insolita ma necessaria per alimentare il desiderio diffuso di un futuro migliore, fatto di cose semplici e vere: “Il futuro ci apparteneva, un campo di enormi possibilità era avanti a noi, tutto era ancora da costruire in questa nuova fotografia che amavamo e ci rendeva felici. Così cantavamo ancora di più i successi dell’estate e anche le canzoni più stupide. Ci fermavamo di frequente, per bere un caffè al volo e far riposare un po’ il motore della sua vecchia macchina, che spesso si fermava con un colpo secco e metallico.”

Massimo Mastrorillo
(citazioni da “Luigi Ghirri. L’amico Infinito di Claude Nori“)

Luigi Ghirri. L’ amico infinito di Claude Nori

Formato: 17 x 22,5 cm
Pagine: 180
Testo italiano
Copertina cartonato

Ordinalo su Cinesud.it

Altri articoli di questo autore

Condividi

Vuoi accedere agli eventi riservati?

Abbonati a soli 15€ per 365 giorni e ottieni più di ciò che immagini!

Se invece sei già iscritto ed hai la password, accedi da qui

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Non è facile trovare un buon educatore!
Appartengo ad una generazione che ha dovuto adattarsi alla scarsa offerta dei tempi. Ho avuto un solo tutor, a cui ancora oggi devo molto. Brevi, fugaci ma intensi incontri in cui il sottoscritto, da solo con lui, cercava di prendere nota anche dei respiri e trarre insegnamento da ogni singola parola.
A causa di questa carenza io e i miei coetanei ci siamo dovuti spesso costruire una visione complementare come autori, designers, critici ed insegnanti e questo ci ha aiutato a costruire qualcosa di fondamentale e duraturo.
Per questo motivo con Cine Sud che vanta un’esperienza di oltre 40 anni nel settore della formazione, abbiamo pensato alla possibilità di offrire dei corsi “one to one”, costruiti sulla base delle esigenze individuali e in campi disparati, che vanno dalla tecnica alla ricerca di nuovi linguaggi in fotografia.
Dei corsi molto vicini a quelli che avremmo voluto avere nel passato, se ce ne fosse stata offerta l’opportunità e la parola opportunità non va sottovalutata, perché ha un peso e una sua valenza e non è spesso scontata.
Ognuno sarà libero di scegliere, sulla base dei nostri consigli, un autore o un tecnico, tra quelli offerti come docenti, e intraprendere un corso che gli offra quello di cui realmente ha bisogno e, eventualmente, ripetere questa esperienza in futuro.
Come quando si va da un eccellente sarto a scegliere con cura un vestito, adattandolo perfettamente al corpo, vogliamo fornirvi il corso che meglio si adatta alle vostre, singole e personali esigenze.
Niente nasce dal caso e per poter essere all’altezza di questo compito e potervi fornire un’offerta diversificata e soddisfacente, abbiamo pensato di sottoporvi un questionario tra il serio e lo scherzoso a cui vi preghiamo di rispondere.
Aiutateci a capire le vostre reali esigenze e chi abbiamo difronte, non ve ne pentirete.
Massimo Mastrorillo

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Approfondiamo ! per i più intrepidi
X