fbpx Skip to content

Luigi Ghirri. Fotografia come strumento di conoscenza e linguaggio.

di Massimo Mastrorillo

©Luigi Ghirri

Analizziamo il pensiero di Luigi Ghirri e in particolare prendiamo spunto da ciò che rappresenta per lui la fotografia, per approfondire un tema, quello del linguaggio, su cui spesso si creano equivoci e che è in definitiva fondamentale per comprendere la differenza tra il fare fotografia ed essere un autore.

Per Ghirri la fotografia è strumento di conoscenza, deriva dal desiderio di conoscere e dall’affetto, perché quello che si vuole conoscere va compreso con umiltà.

Desiderio e affetto rappresentano due componenti spesso trascurate o sottovalutate, ma alla base del gesto del fotografare. L’umiltà è ciò che le sostiene e le ispira.

La fotografia è strumento per comprendere perché solo se il fotografo si approccia al mondo libero da un “immaginario”, se non guarda solo ciò che è stato detto di vedere, solo allora può domandarsi e comprendere l’insieme di segni che si moltiplicano e sono in conflitto tra di loro. In sostanza per osservare con attenzione il caos che ci circonda e dargli un ordine, il nostro ordine, abbiamo bisogno di essere liberi, ispirati da chi ci ha preceduto ma non vincolati alla loro visione.

©Luigi Ghirri

È linguaggio, dalle molte qualità e liberatorio, perché permette di esprimersi senza filtri e vincoli. Un linguaggio nel quale la differenza tra riproduzione e interpretazione esiste e dà luogo a un’infinità di mondi immaginari. È proprio nella differenza tra riproduzione e interpretazione che esiste la vera libertà di espressione. Una differenza sottile, come sottolinea Ghirri, che contiene infinite soluzioni e sfumature e ci fa comprendere quanto a volte limitiamo le potenzialità di questo linguaggio.

Infine è dualismo perfetto: oltre alle classiche opposizioni bianco-nero, luce-buio ecc la fotografia riproduce e interpreta, rileva e rivela, rappresenta e cancella, testimonia e reinventa. Sono questi alcuni dei punti fondamentali per rendere un fotografo non un semplice specialista della visione ma un artista che vede la fotografia come una grande avventura del pensiero.

C’è nel linguaggio fotografico un elemento che l’avvicina alla vita e al suo funzionamento. La semplicità che si confonde spesso con la complessità. Il fotografo e saggista giapponese Takuma Nakahira in un testo dal titolo “Perché un dizionario botanico illustrato” scriveva: “Se già conoscessimo le cose, se già sapessimo com’è il mondo, sarebbe possibile spiegarlo. Invece, dobbiamo essere pronti a catturare i simboli offerti da questo mondo sconosciuto che si estende davanti a noi”

Come descrivere meglio questa semplicità e complessità?

©Luigi Ghirri

Nel 1969, in occasione della prima missione spaziale sulla Luna venne realizzata la prima immagine fotografica della Terra. Per Ghirri non era soltanto l’immagine del mondo, ma l’immagine che conteneva tutte le immagini del mondo: graffiti, affreschi, dipinti, scritture, fotografie, libri, film. Contemporaneamente la rappresentazione del mondo e tutte le rappresentazio­ni del mondo in una volta sola. Eppure quello sguardo totale, quel descrivere nuovamente tutto, annullava ancora una volta la possibilità di tradurre il geroglifico-totale. Il potere di contenere tutto spariva davanti all’impossibilità di vedere tutto in una volta sola.

I due poli del dubbio e del mistero secolare, l’immagine dell’atomo e l’immagine del mondo, erano finalmente una di fronte all’altra. Lo spazio tra l’infinitamente piccolo e l’infinitamente grande era riempito dall’infinitamente complesso: l’uomo e la sua vita. La natura.

L’esigenza di una informazione o conoscenza nasce dunque tra questi due estremi: oscillare dal microscopico all’infinitamente lontano, per potere tradurre e interpreta­re il reale o geroglifico (come viene mostrato in maniera eccellente nel breve filmato “Powers of Ten” di Charles and Ray Eames del 1977).

Concluderei con una frase da Kodachrome che sintetizza la profondità dell’approccio di Ghirri alla fotografia: “Il senso che cerco di dare al mio lavoro è quello di verificare come sia ancora possibile desiderare e affrontare la strada della conoscenza per poter infine distin­guere l’identità precisa dell’uomo, delle cose, della vita, dall’immagine dell’uomo, delle cose, della vita.”

Fonte: Scatti del Pensiero – La fotografia come problema filosofico (cap. Come Pensarla la fotografia, la filosofia di Luigi Ghirri di Caterina Martino).

©Luigi Ghirri

Altri articoli di questo autore

Condividi

Articoli Recenti

Vuoi accedere agli eventi riservati?

Abbonati a soli 15€ per 365 giorni e ottieni più di ciò che immagini!

Se invece sei già iscritto ed hai la password, accedi da qui

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Non è facile trovare un buon educatore!
Appartengo ad una generazione che ha dovuto adattarsi alla scarsa offerta dei tempi. Ho avuto un solo tutor, a cui ancora oggi devo molto. Brevi, fugaci ma intensi incontri in cui il sottoscritto, da solo con lui, cercava di prendere nota anche dei respiri e trarre insegnamento da ogni singola parola.
A causa di questa carenza io e i miei coetanei ci siamo dovuti spesso costruire una visione complementare come autori, designers, critici ed insegnanti e questo ci ha aiutato a costruire qualcosa di fondamentale e duraturo.
Per questo motivo con Cine Sud che vanta un’esperienza di oltre 40 anni nel settore della formazione, abbiamo pensato alla possibilità di offrire dei corsi “one to one”, costruiti sulla base delle esigenze individuali e in campi disparati, che vanno dalla tecnica alla ricerca di nuovi linguaggi in fotografia.
Dei corsi molto vicini a quelli che avremmo voluto avere nel passato, se ce ne fosse stata offerta l’opportunità e la parola opportunità non va sottovalutata, perché ha un peso e una sua valenza e non è spesso scontata.
Ognuno sarà libero di scegliere, sulla base dei nostri consigli, un autore o un tecnico, tra quelli offerti come docenti, e intraprendere un corso che gli offra quello di cui realmente ha bisogno e, eventualmente, ripetere questa esperienza in futuro.
Come quando si va da un eccellente sarto a scegliere con cura un vestito, adattandolo perfettamente al corpo, vogliamo fornirvi il corso che meglio si adatta alle vostre, singole e personali esigenze.
Niente nasce dal caso e per poter essere all’altezza di questo compito e potervi fornire un’offerta diversificata e soddisfacente, abbiamo pensato di sottoporvi un questionario tra il serio e lo scherzoso a cui vi preghiamo di rispondere.
Aiutateci a capire le vostre reali esigenze e chi abbiamo difronte, non ve ne pentirete.
Massimo Mastrorillo

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Approfondiamo ! per i più intrepidi
X