fbpx Skip to content

L’eros… analogico di Chantal Convertini

di Alessandro Tarantino

Conosciuta anche come “Paeulini”, Chantal Convertini è una fotografa svizzera 28enne che, dopo un primo approccio alla fotografia digitale, ha scelto un percorso analogico per esprimere il suo concetto di fotografia e la sua capacità narrativa: «Sono sempre stata interessata alla fotografia, anche se ho iniziato il mio viaggio nel mondo dell’arte con la pittura e il disegno. Ho ricevuto la mia prima macchina fotografica quando avevo 15 anni e da allora ho continuato a scattare foto – spiega in alcune interviste -. Nel corso degli anni, la mia fotografia è passata dalla semplice cattura dei ricordi alla creazione di qualcosa di visivamente unico. Ho cercato di dare vita alle mie idee nello stesso modo in cui un pittore usa una tela bianca».

Tra la luce naturale e l’intimità degli interni come camere da letto e ambienti casalinghi, Paeulini tratteggia sfruttando i raggi del sole ritratti carichi di erotica quotidianità descritta dai corpi di donna. Nella serie A feminine view on femininity, la fotografa dà una sua personale visione dell’universo femminile di cui è spesso protagonista, dando vita ad autoritratti intimi e personali, ma al contempo capaci di raccontare l’universo femminile e non solo il soggetto ritratto: «Creare autoritratti è il mio modo per purificare tutte le emozioni e metterle insieme in un’immagine da vedere davvero. Non ho bisogno di parole nel risultato finale e non devo spiegare a nessuno cosa sto facendo e perché lo sto facendo. È una comunicazione diretta dalle emozioni a un’immagine. In un certo senso, sono più libera di pensare, agire e creare ciò che voglio».

Altri articoli di questo autore

Condividi

Articoli Recenti

Vuoi accedere agli eventi riservati?

Abbonati a soli 15€ per 365 giorni e ottieni più di ciò che immagini!

Se invece sei già iscritto ed hai la password, accedi da qui

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Non è facile trovare un buon educatore!
Appartengo ad una generazione che ha dovuto adattarsi alla scarsa offerta dei tempi. Ho avuto un solo tutor, a cui ancora oggi devo molto. Brevi, fugaci ma intensi incontri in cui il sottoscritto, da solo con lui, cercava di prendere nota anche dei respiri e trarre insegnamento da ogni singola parola.
A causa di questa carenza io e i miei coetanei ci siamo dovuti spesso costruire una visione complementare come autori, designers, critici ed insegnanti e questo ci ha aiutato a costruire qualcosa di fondamentale e duraturo.
Per questo motivo con Cine Sud che vanta un’esperienza di oltre 40 anni nel settore della formazione, abbiamo pensato alla possibilità di offrire dei corsi “one to one”, costruiti sulla base delle esigenze individuali e in campi disparati, che vanno dalla tecnica alla ricerca di nuovi linguaggi in fotografia.
Dei corsi molto vicini a quelli che avremmo voluto avere nel passato, se ce ne fosse stata offerta l’opportunità e la parola opportunità non va sottovalutata, perché ha un peso e una sua valenza e non è spesso scontata.
Ognuno sarà libero di scegliere, sulla base dei nostri consigli, un autore o un tecnico, tra quelli offerti come docenti, e intraprendere un corso che gli offra quello di cui realmente ha bisogno e, eventualmente, ripetere questa esperienza in futuro.
Come quando si va da un eccellente sarto a scegliere con cura un vestito, adattandolo perfettamente al corpo, vogliamo fornirvi il corso che meglio si adatta alle vostre, singole e personali esigenze.
Niente nasce dal caso e per poter essere all’altezza di questo compito e potervi fornire un’offerta diversificata e soddisfacente, abbiamo pensato di sottoporvi un questionario tra il serio e lo scherzoso a cui vi preghiamo di rispondere.
Aiutateci a capire le vostre reali esigenze e chi abbiamo difronte, non ve ne pentirete.
Massimo Mastrorillo

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Approfondiamo ! per i più intrepidi
X