fbpx Skip to content

LaToletta, uno spazio plurifunzionale a Venezia

di Pio Tarantini

© Michele Alassio – da Venezia 2019-2021. Three Years, Three Series.

La stagione espositiva, dopo le restrizioni del lockdown e la pausa estiva, si è aperta alla grande con numerose iniziative sparse per la Penisola. Tra queste spicca l’apertura come spazio espositivo di una struttura culturale da molto tempo operante nel centro storico di Venezia: laToletta SpazioEventi ha inaugurato ai primi di settembre nuovi spazi dedicati alla fotografia con una mostra personale del fotografo veneziano Michele Alassio, da molto tempo presente sulla scena nazionale e internazionale con le sue ricerche fotografiche. Gli spazi espositivi si articolano in un contenitore nuovo e originale trattandosi del magazzino/deposito operativo della Libreria Toletta da molti anni operante nel campo culturale veneziano non soltanto con la sua funzione primaria ma anche attraverso l’organizzazione di numerosissimi eventi – se ne contano ormai quasi 1.300 – dalle presentazioni di libri con i maggiori scrittori e pubblicisti italiani alle conferenze e ai dibattiti sulle materie più varie che hanno visto la presenza di numerosissimi personaggi della cultura italiana.

La Libreria Toletta ha organizzato così nel corso degli anni gruppi di lettura, corsi di scrittura, seminari e mostre che hanno coinvolto  associazioni e privati cittadini, operando una continua e seria opera di divulgazione culturale cercando di rompere lo schema che vuole la città lagunare come un contenitore turistico, un immenso museo a cielo aperto svuotato dagli abitanti indigeni e diventato preda degli assalti del turismo di massa.

© Michele Alassio – da Venezia 2019-2021. Three Years, Three Series.

Per questo primo grande evento espositivo nei nuovi spazi Michele Alassio presenta una selezione di sue opere dalle ultime tre serie realizzate nella sua città: Venezia 2019-2021. Three Years, Three Series, così l’autore ha intitolato la sua mostra articolata in diversi percorsi spazio-temporali e orientando il linguaggio visivo in diverse direzioni pur mantenendo tuttavia la sua cifra stilistica caratterizzata da una grande pulizia e rigore formale all’interno di un uso della luce che varia dai contrasti più netti ai toni alti e delicati.

Le tre serie della mostra si articolano con questi titoli:  Venice’s AutopsyOur Darkest Hour, its radiant timeMirages-joking with fire.

Nella prima serie, Venice’s Autopsy, realizzata tra il 2018 e il 2019,  l’autore ha cercato di dare un’immagine ad alcuni problemi di Venezia parallelamente agli approfondimenti e alle riflessioni giornalistiche di Alberto Vitucci.

Our Darkest Hour, its radiant time è realizzata invece nel pieno del primo lockdown dovuto alla pandemia, che per Venezia, città a economia totalmente turistica, ha visto il crollo totale della sua  struttura economica e quindi della vita sociale in tutti i suoi aspetti.

Mirages-joking with fire, è stata realizzata esattamente un anno dopo e pone in maniera più riflessiva i vecchi e nuovi problemi della città, ponendo dialetticamente alcune domande su quanto è stato e quanto potrà essere nella vita e nello sviluppo di Venezia.

© Michele Alassio – da Venezia 2019-2021. Three Years, Three Series.

Michele Alassio ha assunto la direzione artistica del nuovo spazio espositivo dedicato esclusivamente alla fotografia e alla grafica e attorno a questo progetto, nato anche grazie alla disponibilità e collaborazione di Giovanni Pelizzato, titolare dello spazio, sta articolando una programmazione di alto profilo con un fitto programma basato su una collaborazione internazionale con alcuni importanti autori.

Inoltre è stato istituito il Venice Photo Prize che, di anno in anno, darà l’opportunità a un esordiente di comparire accanto ai più noti fotografi sulla scena mondiale.

Il concorso e il premio – che vedrà la collaborazione di alcune personalità importanti del mondo della fotografia – nasce dall’esigenza di poter offrire anche a fotografi esordienti ma talentuosi l’occasione di poter esporre a Venezia, una città che per la sua storia e struttura urbanistica, soffre da sempre di spazi accessibili a una platea più vasta, che vadano oltre i circuiti istituzionali di livello internazionale pensati unicamente per le grandi gallerie e gli artisti già consolidati. Il Venice Photo Prize offre invece una struttura che permetta di dare a un assoluto esordiente, del tutto gratuitamente, la possibilità di godere dello stesso palcoscenico e attenzione internazionale.

© Michele Alassio – da Venezia 2019-2021. Three Years, Three Series.

laToletta SpazioEventi pubblicherà annualmente un bando di concorso denominato Venice Photo Prize riservato ad assoluti esordienti nel campo fotografico; a essi verrà data del tutto gratuitamente la possibilità di tenere una prima esposizione personale. Il concorso selezionerà dapprima una cinquina di finalisti e, successivamente, sulla base del progetto presentato da ciascuno di loro, il vincitore finale. Questi sarà ospitato a Venezia per due settimane per permettergli la realizzazione della serie nella primavera 2022. La serie sarà poi esposta nel mese di ottobre-novembre dello stesso anno. Tutte le informazioni si possono trovare sul sito ufficiale de laToletta Spazio Eventi www.tolettaeventi.com

 

laToletta SpazioEventi

Fondamenta del Borgo 1134, Dorsoduro, Venezia

info@tolettaeventi.com

Altri articoli di questo autore

Condividi

Vuoi accedere agli eventi riservati?

Abbonati a soli 15€ per 365 giorni e ottieni più di ciò che immagini!

Se invece sei già iscritto ed hai la password, accedi da qui

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Non è facile trovare un buon educatore!
Appartengo ad una generazione che ha dovuto adattarsi alla scarsa offerta dei tempi. Ho avuto un solo tutor, a cui ancora oggi devo molto. Brevi, fugaci ma intensi incontri in cui il sottoscritto, da solo con lui, cercava di prendere nota anche dei respiri e trarre insegnamento da ogni singola parola.
A causa di questa carenza io e i miei coetanei ci siamo dovuti spesso costruire una visione complementare come autori, designers, critici ed insegnanti e questo ci ha aiutato a costruire qualcosa di fondamentale e duraturo.
Per questo motivo con Cine Sud che vanta un’esperienza di oltre 40 anni nel settore della formazione, abbiamo pensato alla possibilità di offrire dei corsi “one to one”, costruiti sulla base delle esigenze individuali e in campi disparati, che vanno dalla tecnica alla ricerca di nuovi linguaggi in fotografia.
Dei corsi molto vicini a quelli che avremmo voluto avere nel passato, se ce ne fosse stata offerta l’opportunità e la parola opportunità non va sottovalutata, perché ha un peso e una sua valenza e non è spesso scontata.
Ognuno sarà libero di scegliere, sulla base dei nostri consigli, un autore o un tecnico, tra quelli offerti come docenti, e intraprendere un corso che gli offra quello di cui realmente ha bisogno e, eventualmente, ripetere questa esperienza in futuro.
Come quando si va da un eccellente sarto a scegliere con cura un vestito, adattandolo perfettamente al corpo, vogliamo fornirvi il corso che meglio si adatta alle vostre, singole e personali esigenze.
Niente nasce dal caso e per poter essere all’altezza di questo compito e potervi fornire un’offerta diversificata e soddisfacente, abbiamo pensato di sottoporvi un questionario tra il serio e lo scherzoso a cui vi preghiamo di rispondere.
Aiutateci a capire le vostre reali esigenze e chi abbiamo difronte, non ve ne pentirete.
Massimo Mastrorillo

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Approfondiamo ! per i più intrepidi
X