fbpx Skip to content

L’ABC della guerra. Saper leggere le immagini Da Bertolt Brecht ad Adam Broomberg e Oliver Chanarin.

di Massimo Mastrorillo

Nel 19551 Bertolt Brecht scrive “L’Abicì della Guerra”, un’opera fondamentale, innovativa e simbolica della costante ricerca della verità da parte dell’autore. A questo proposito cito un passo in cui elenca le cinque difficoltà nel raccontare la verità: “Oggigiorno, chiunque voglia combattere la menzogna e l’ignoranza e scrivere la verità, deve superare almeno cinque difficoltà. Deve avere il coraggio di scrivere la verità quando ovunque ci si oppone a essa, l’acume per riconoscerla, anche se ovunque la tendenza è di cercare di occultarla, l’abilità di utilizzarla come se fosse un’arma, l’abilità dell’arbitrio, per essere in grado di scegliere coloro nelle cui mani sarà efficace e l’astuzia per riuscire a diffonderla tra coloro i quali abbiamo scelto.”

L’Abicì della Guerra ©Bertold Brecht
L’Abicì della Guerra ©Bertold Brecht

Negli anni dell’esilio, il drammaturgo ritagliò e archiviò una considerevole quantità di fotografie di guerra (o che rimandavano alla guerra) convinto della loro drammaticità e riconoscendo alle stesse un potente valore evocativo e pedagogico. In calce alle immagini selezionate, aggiunse quartine che andavano oltre la mera funzione didascalica offrendo al lettore “un’apertura verso il futuro”. Le immagini suscitarono scalpore e vennero censurate. È stato un tentativo di far deragliare il valore puramente documentale della fotografia. Gli epigrammi conferivano all’immagine un nuovo significato, ridefinendone l’evidenza. L’opera diventava anche un messaggio per le generazioni future. Mostrava empatia per i deboli e ironia penetrante per coloro i quali abusavano del potere e dichiaravano guerre. Nel fotoepigramma 69 dedicato a Hitler scrisse: “Per poco costui dominava il mondo:/I popoli lo hanno fatto fuori. Ma intanto/non vorrei che voi celebraste il trionfo:/è ancora fecondo il grembo da cui è strusciato.” Un invito chiaro a non dimenticare e a non trascurare la natura maligna degli uomini.

Nel fotoepigramma 48 è ritratta una madre ebrea. La figura è una Madonna con Bambino, e insieme una Pietà. Lei lo sorregge, ma anche lo ostende. I loro sguardi divergono: quello di lei invoca appunto pietà, quello di lui è sereno, curioso, forse divertito. In calce alla foto, quattro versi: «E molti di noi affondarono nei pressi / delle coste, dopo lunga notte, alla prima aurora. / Verrebbero, dicevamo, se solo sapessero. / Che sapevano, noi non lo sapevamo ancora» A fianco, una didascalia dal ritaglio stampa: «Rifugiati senza rifugio. Questa madre ebrea e il suo bambino sono stati ripescati dal mare insieme con 180 altre persone, che cercavano rifugio in Palestina. Ma 200 sono annegate quando il Salvador si sfracellò contro le coste rocciose della Turchia (…). A parte l’odissea dei 500 ebrei su una nave che fu rimandata di porto in porto per quattro mesi. Vengono da tutte le parti d’Europa, ammassati come bestie su carrette incapaci di tenere il mare(…). Le navi da carico e per il bestiame portano un carico nuovo, una nuova specie di contrabbando umano. (…) Il bambino può giocare con il suo piede – si senta a casa sua in braccio alla madre. Non sa che suo padre è annegato nel mare di Marmara. Solo la madre sa che la morte per annegamento in vista della costa è doppiamente atroce».

Come non pensare al dramma dell’immigrazione clandestina e a come si faccia presto a cancellare la memoria storica alla luce dei recenti avvenimenti del conflitto arabo-israeliano?

War Primer 2 ©Bertold Brecht
War Primer 2 ©Bertold Brecht

Brecht era molto attento a tutte le questioni riguardanti il problema del rapporto tra immagine e documentazione, tra fotografia e realtà, tra informazione e veicolazione di raffigurazioni fotografiche. Lo si evince chiaramente da questa sua citazione così attuale da risultare inquietante: “L’enorme sviluppo del reportage fotografico, nelle mani della borghesia può trasformarsi in una temibile arma contro la verità”.

In fondo, ben poco è cambiato da settanta anni a questa parte. È ancora evidente il pericolo che si corre quando le fotografie entrano nel meccanismo dei mass-media. Il libro di Bertolt Brecht è un’occasione per tornare a riflettere su temi estremamente importanti, per tornare a confrontarci con fotografie che pur appartenendo al passato, forse, ci parlano ancora del nostro presente e probabilmente del futuro. Non a caso due noti e talentuosi artisti, Adam Broomberg e Oliver Chanarin ne hanno tratto ispirazione per realizzare il libro War Primer 2 (2011), in cui, mantenendo l’impaginato originale de “L’Abicì della Guerra”, sostituiscono le immagini di Brecht con immagini di conflitti o sofferenza dei giorni nostri, accompagnate dagli epigrammi originali.

War Primer 2 ©Bertold Brecht
War Primer 2 ©Bertold Brecht

Infine, attratti dalle frequenti annotazioni del drammaturgo sulla sua Bibbia e ispirati dal testo Divine Violence di Adi Ophir, hanno prodotto il libro Holy Bible (2013), dove mettono in relazione immagini tratte dall’Archive of Modern Conflict, un archivio di più di otto milioni di immagini, con frasi del testo sacro da loro sottolineate per evidenziare la violenza del linguaggio usato. Due progetti provocatori, intensi, coraggiosi, in cui l’influenza del drammaturgo tedesco è chiara e in cui si evince l’importanza del saper leggere un‘immagine. “L’Abicì della Guerra”, infatti, non fa riferimento solo alla difficoltà nel raccontare la verità, ma anche all’arte del leggere le immagini. Perché, per chi non vi è abituato, farlo è difficile quanto leggere dei geroglifici. Forse è proprio questo il punto per fare buona fotografia e raccontare: imparare a leggere le immagini.

Fonte: Scatti del Pensiero – La fotografia come problema filosofico (cap. Messinscena della guerra nei fotoepigrammi di Bertolt Brecht di Carlo Fanelli)

Holy Bible ©Bertold Brecht
Holy Bible ©Bertold Brecht
Holy Bible ©Bertold Brecht
Holy Bible ©Bertold Brecht
Holy Bible ©Bertold Brecht

Altri articoli di questo autore

Condividi

Vuoi accedere agli eventi riservati?

Abbonati a soli 15€ per 365 giorni e ottieni più di ciò che immagini!

Se invece sei già iscritto ed hai la password, accedi da qui

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Non è facile trovare un buon educatore!
Appartengo ad una generazione che ha dovuto adattarsi alla scarsa offerta dei tempi. Ho avuto un solo tutor, a cui ancora oggi devo molto. Brevi, fugaci ma intensi incontri in cui il sottoscritto, da solo con lui, cercava di prendere nota anche dei respiri e trarre insegnamento da ogni singola parola.
A causa di questa carenza io e i miei coetanei ci siamo dovuti spesso costruire una visione complementare come autori, designers, critici ed insegnanti e questo ci ha aiutato a costruire qualcosa di fondamentale e duraturo.
Per questo motivo con Cine Sud che vanta un’esperienza di oltre 40 anni nel settore della formazione, abbiamo pensato alla possibilità di offrire dei corsi “one to one”, costruiti sulla base delle esigenze individuali e in campi disparati, che vanno dalla tecnica alla ricerca di nuovi linguaggi in fotografia.
Dei corsi molto vicini a quelli che avremmo voluto avere nel passato, se ce ne fosse stata offerta l’opportunità e la parola opportunità non va sottovalutata, perché ha un peso e una sua valenza e non è spesso scontata.
Ognuno sarà libero di scegliere, sulla base dei nostri consigli, un autore o un tecnico, tra quelli offerti come docenti, e intraprendere un corso che gli offra quello di cui realmente ha bisogno e, eventualmente, ripetere questa esperienza in futuro.
Come quando si va da un eccellente sarto a scegliere con cura un vestito, adattandolo perfettamente al corpo, vogliamo fornirvi il corso che meglio si adatta alle vostre, singole e personali esigenze.
Niente nasce dal caso e per poter essere all’altezza di questo compito e potervi fornire un’offerta diversificata e soddisfacente, abbiamo pensato di sottoporvi un questionario tra il serio e lo scherzoso a cui vi preghiamo di rispondere.
Aiutateci a capire le vostre reali esigenze e chi abbiamo difronte, non ve ne pentirete.
Massimo Mastrorillo

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Approfondiamo ! per i più intrepidi
X