fbpx Skip to content

“La Terre vue du Ciel”, Yann Arthus-Bertrand tra meraviglie e denuncia sociale

di Alessandro Tarantino

Oggi, 22 aprile, si celebra la 51a edizione della “Giornata mondiale della Terra”, la manifestazione nata nel 1970 per sensibilizzare l’opinione pubblica, i governi e le aziende sulla necessità di conservare le risorse naturali del nostro pianeta.

Ovviamente, anche la fotografia ha giocato e gioca il suo ruolo nella celebrazione della ricorrenza: tra i progetti dedicati al tema ambientale e del rispetto della natura, uno dei più importanti è quello di Yann Arthus-Bertrand, fotografo e attivista, che ha pubblicato oltre 60 libri fotografici e che, sulla scorta della passione per la fotografia aerea, nel 1991 ha creato l’agenzia Altitude.

Nel 1994, con il patrocinio dell’UNESCO, Arthus-Bertand ha realizzato il progetto “La Terre vue du Ciel” (il libro fu pubblicato nel 1999) in cui sono racchiusi cinquant’anni di fotografie (di 113 Paesi diversi) scattate da velivoli o da mongolfiere da lui stesso pilotati. Uno sguardo dall’alto verso il basso che racconta, da una prospettiva a cui forse oggi ci stiamo abituando per via della diffusione delle immagini catturate dai droni, ma che è certamente diversa da quella abituale di ogni uomo.

La fotografia diventa quindi il modo di cristallizzare il momento e farne memoria e grido di allarme: il pianeta è un bene comune da salvaguardare che annovera inevitabilmente i danni di un ecosistema compromesso a causa dell’eccessivo sfruttamento delle risorse naturali e umane. Inquinamento, desertificazione, disboscamento, cambiamento climatico globale sono alla radice della povertà che innesca il meccanismo migratorio con le sue tragiche conseguenze e le tracce dei comportamenti umani sono ferite sulla superficie del pianeta che Arthus-Bertrand ha immortalato.

Arthus-Bertrand, come l’amico Sebastiao Salgado, ha così utilizzato il mezzo fotografico per mantenere alta l’attenzione su temi che coinvolgono l’intera umanità. Le questioni ambientali sono state da subito il focus dei suoi reportage pubblicati su testate quali National Geographic, Life, Paris Match, Figaro.

Quanto ai documentari, uno dei primi è stato Home (prodotto da Luc Besson) che analizza lo stato attuale del pianeta Terra: è stato presentato per la prima volta il 5 giugno 2009 contemporaneamente nelle sale cinematografiche di cinquanta Paesi in occasione della Giornata mondiale dell’Ambiente. Oggi l’archivio di Arthus-Bertrand si compone di oltre 32mila immagini. Tra i più recenti lungometraggi di cui è regista: Planet Ocean (2012) con Michael Pitiot, Human (2015) e Woman (2019). Ospite a San Servolo della II edizione di Venezia Photo ha raccontato il suo impegno con l’organizzazione ecologista GoodPlanet.org da lui fondata nel 2005.

Altri articoli di questo autore

Condividi

Vuoi accedere agli eventi riservati?

Abbonati a soli 15€ per 365 giorni e ottieni più di ciò che immagini!

Se invece sei già iscritto ed hai la password, accedi da qui

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Non è facile trovare un buon educatore!
Appartengo ad una generazione che ha dovuto adattarsi alla scarsa offerta dei tempi. Ho avuto un solo tutor, a cui ancora oggi devo molto. Brevi, fugaci ma intensi incontri in cui il sottoscritto, da solo con lui, cercava di prendere nota anche dei respiri e trarre insegnamento da ogni singola parola.
A causa di questa carenza io e i miei coetanei ci siamo dovuti spesso costruire una visione complementare come autori, designers, critici ed insegnanti e questo ci ha aiutato a costruire qualcosa di fondamentale e duraturo.
Per questo motivo con Cine Sud che vanta un’esperienza di oltre 40 anni nel settore della formazione, abbiamo pensato alla possibilità di offrire dei corsi “one to one”, costruiti sulla base delle esigenze individuali e in campi disparati, che vanno dalla tecnica alla ricerca di nuovi linguaggi in fotografia.
Dei corsi molto vicini a quelli che avremmo voluto avere nel passato, se ce ne fosse stata offerta l’opportunità e la parola opportunità non va sottovalutata, perché ha un peso e una sua valenza e non è spesso scontata.
Ognuno sarà libero di scegliere, sulla base dei nostri consigli, un autore o un tecnico, tra quelli offerti come docenti, e intraprendere un corso che gli offra quello di cui realmente ha bisogno e, eventualmente, ripetere questa esperienza in futuro.
Come quando si va da un eccellente sarto a scegliere con cura un vestito, adattandolo perfettamente al corpo, vogliamo fornirvi il corso che meglio si adatta alle vostre, singole e personali esigenze.
Niente nasce dal caso e per poter essere all’altezza di questo compito e potervi fornire un’offerta diversificata e soddisfacente, abbiamo pensato di sottoporvi un questionario tra il serio e lo scherzoso a cui vi preghiamo di rispondere.
Aiutateci a capire le vostre reali esigenze e chi abbiamo difronte, non ve ne pentirete.
Massimo Mastrorillo

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Approfondiamo ! per i più intrepidi
X