fbpx Skip to content

La Generazione Y nella Turchia dei conservatori: “Shelter”, di Cansu Yldiran

di Alessandro Tarantino

Cansu Yldiran è una fotografa 25enne che lavora ad Istanbul. I suoi lavori prendono spunto da esperienze personali e hanno come temi principali l’appartenenza e la discriminazione di classe, cultura, genere e identità sessuale: «Il motivo – spiega – è che, grazie alla struttura della Turchia, ho la possibilità di esplorare i valori dell’Est e dell’Ovest e di abbracciare uno stile di vita mescolandoli insieme. Ogni città in cui mi sono trasferita ha tradizioni, livelli di conservatorismo e concezioni differenti. Questa possibilità porta anche la sensazione di essere bloccato».

Dopo aver realizzato la serie “The Disposessed” – pubblicata su molti media di settore come come il British Journal of Photography, The Guardian, Dazed ed esposti anche in vari musei e festival di fotografia – ha approfondito le sue radici realizzando degli scatti a Trabzon, nella regione del Mar Nero in cui ha cercato di rivelare la disuguaglianza tra uomini e donne in questa società. Nel suo secondo lavoro, “Shelter”, ha lavorato su una parte della generazione Y a Istanbul colpita sia dall’occidentalizzazione che dall’atmosfera politica in Turchia. Mentre abbattevano tabù sessualmente e culturalmente, creando nuovi stili di vita e stabilendo spazi dove poter vivere liberamente, questi luoghi diventano anche i loro “rifugi”, l’area in cui erano esclusi dalla società: «Lavoro a questa serie dal 2015 – spiega Cansu -. Quando sono venuta a Istanbul per la mia formazione, ho iniziato questa serie di fotografie di giovani che venivano da tutta la Turchia a Istanbul. La geografia da cui provengo era considerata il ponte tra l’Oriente e l’Occidente. Ora è più mediorientale. Credo che questo sia stato innescato a causa del cambiamento del clima politico post-2000, nonché della guerra e della migrazione in Medio Oriente. Tutti questi cambiamenti hanno coinciso con lo sviluppo e l’autoesplorazione della Generazione Y di cui faccio parte. Poiché questa situazione influisce sugli spazi abitativi delle persone, ne risente anche il processo di sviluppo che attraversa la Generazione Y. Quelli che appartengono a questa generazione crescono in modo più conservatore nell’Anatolia centrale e orientale, mentre in Occidente va avanti tutta un’altra storia. L’Ovest del paese ha una popolazione diversificata a causa della pesante migrazione dall’Est causata dalla guerra e dai problemi economici. Alla fine questa situazione diventa un fattore importante nell’avere una crisi di identità per le persone della generazione Y in Occidente. Molte persone di culture e background diversi migrano nello stesso luogo a causa di diversi motivi sociali per cercare una nuova vita adattandosi ad esso. Portano con sé il proprio background e la propria cultura nel luogo in cui migrano. Formano una nuova vita con le persone con cui si sentono rilevanti in termini di mentalità, cultura e identità».

La scelta narrativa della fotografa, quindi, si è concentrata sui “rifugi” che i giovani della generazione Y si sono costruiti all’interno di una società sempre più conservatrice. Racconta così storie di gruppi che sono stati emarginati a causa delle loro identità sessuali e degli stili di vita. 

La trasformazione politica in Turchia, accelerata dall’ascesa al potere di Erdogan sin dai primi anni 2000, ha portato questi gruppi e identità a rinchiudersi ulteriormente: «Sebbene le comunità in cui la Generazione Y si sente al sicuro forniscano uno spazio per far prosperare gli individui, lo stesso gli spazi sicuri diventano anche gabbie».

Altri articoli di questo autore

Condividi

Articoli Recenti

Vuoi accedere agli eventi riservati?

Abbonati a soli 15€ per 365 giorni e ottieni più di ciò che immagini!

Se invece sei già iscritto ed hai la password, accedi da qui

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Non è facile trovare un buon educatore!
Appartengo ad una generazione che ha dovuto adattarsi alla scarsa offerta dei tempi. Ho avuto un solo tutor, a cui ancora oggi devo molto. Brevi, fugaci ma intensi incontri in cui il sottoscritto, da solo con lui, cercava di prendere nota anche dei respiri e trarre insegnamento da ogni singola parola.
A causa di questa carenza io e i miei coetanei ci siamo dovuti spesso costruire una visione complementare come autori, designers, critici ed insegnanti e questo ci ha aiutato a costruire qualcosa di fondamentale e duraturo.
Per questo motivo con Cine Sud che vanta un’esperienza di oltre 40 anni nel settore della formazione, abbiamo pensato alla possibilità di offrire dei corsi “one to one”, costruiti sulla base delle esigenze individuali e in campi disparati, che vanno dalla tecnica alla ricerca di nuovi linguaggi in fotografia.
Dei corsi molto vicini a quelli che avremmo voluto avere nel passato, se ce ne fosse stata offerta l’opportunità e la parola opportunità non va sottovalutata, perché ha un peso e una sua valenza e non è spesso scontata.
Ognuno sarà libero di scegliere, sulla base dei nostri consigli, un autore o un tecnico, tra quelli offerti come docenti, e intraprendere un corso che gli offra quello di cui realmente ha bisogno e, eventualmente, ripetere questa esperienza in futuro.
Come quando si va da un eccellente sarto a scegliere con cura un vestito, adattandolo perfettamente al corpo, vogliamo fornirvi il corso che meglio si adatta alle vostre, singole e personali esigenze.
Niente nasce dal caso e per poter essere all’altezza di questo compito e potervi fornire un’offerta diversificata e soddisfacente, abbiamo pensato di sottoporvi un questionario tra il serio e lo scherzoso a cui vi preghiamo di rispondere.
Aiutateci a capire le vostre reali esigenze e chi abbiamo difronte, non ve ne pentirete.
Massimo Mastrorillo

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Approfondiamo ! per i più intrepidi
X