fbpx Skip to content

…la fotografia.

di Rino Giardiello

Fotografia è creatività perché solo la creatività ci salva dalla banalità. Sono grafico e creativo di formazione, spesso unisco le due cose e questo è il mio modo di esprimermi con la fotografia. Le mie emozioni passano attraverso il mezzo fotografico e diventano immagini. 

Fotografia è tecnica perché senza la tecnica non si possono ottenere le immagini che si pensano. Si deve sapere come fare, altrimenti si viene dominati dagli strumenti anziché dominarli.

Fotografia è rigore perché senza regole e senza conoscere i basilari  della composizione, non si possono creare immagini che funzionino per se stessi e gli altri. Le regole fotografiche sono come quelle grammaticali: si devono conoscere bene perché solo conoscendole si possono gestire e violare.

Fotografia è comunicazione perché le nostre emozioni non sono solo per noi ma le condividiamo con gli altri. Una cattiva comunicazione può portare ad una errata interpretazione delle nostre immagini e dei nostri pensieri.

Fotografia è amore. Senza l’amore si riducono le immagini a puri esercizi tecnici. Non trasmettono nulla salvo la perfezione formale.

Fotografia è mettere d’accordo tutti questi punti e farli diventare qualcosa di immediato ed istintivo: si pensa in termini fotografici e si “vede” l’immagine senza neanche la necessità di accostare la fotocamera all’occhio.

Questo mio modo di pensare e di vivere la Fotografia ha trovato concretezza nella lezione “L’Arte del Vedere” che tengo ormai da decenni ed ha ispirato fotografi di tutte le età e livelli di formazione.

Lo scopo di questa lezione è “imparare a vedere”, cioè osservare la realtà, trovarci gli elementi di interesse, riportare la propria visione nello spazio limitato e bidimensionale di una foto e poi trasmetterla a chi la guarda.

La fotografia non è puro realismo, ma è ciò che vediamo filtrato dalla nostra sensibilità: fotografare è un “atto mentale” che non si esaurisce nella pochezza dello scatto e nella brutale selezione spaziale dell’inquadratura. E’ necessario, come dice Luigi Ghirri, “attivare lo sguardo e cominciare a scoprire nella realtà cose che prima non si vedevano, anche dando agli oggetti, agli elementi della realtà, un altro significato. Attivare un campo di attenzione diverso“.

Nel corso degli anni ho utilizzato fotocamere, ottiche e formati di diversi produttori alla ricerca dello strumento in grado di seguirmi nel mio percorso fotografico sia amatoriale che professionale e da diversi anni ho trovato la mia pace con le fotocamere dotate di sensore Foveon, l’unico sensore a strati come la pellicola. Un sensore non facile da utilizzare e che costringe a riflettere prima di ogni scatto, ma dalla resa spettacolare: l’ideale, per me, sia per riprodurre la realtà che per dare corpo alle mie fantasie.

Rino Giardiello

Architetto, giornalista e fotografo

Sigma Ambassador e direttore della rivista di fotografia Nadir Magazine

Altri articoli di questo autore

Condividi

Articoli Recenti

Vuoi accedere agli eventi riservati?

Abbonati a soli 15€ per 365 giorni e ottieni più di ciò che immagini!

Se invece sei già iscritto ed hai la password, accedi da qui

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Non è facile trovare un buon educatore!
Appartengo ad una generazione che ha dovuto adattarsi alla scarsa offerta dei tempi. Ho avuto un solo tutor, a cui ancora oggi devo molto. Brevi, fugaci ma intensi incontri in cui il sottoscritto, da solo con lui, cercava di prendere nota anche dei respiri e trarre insegnamento da ogni singola parola.
A causa di questa carenza io e i miei coetanei ci siamo dovuti spesso costruire una visione complementare come autori, designers, critici ed insegnanti e questo ci ha aiutato a costruire qualcosa di fondamentale e duraturo.
Per questo motivo con Cine Sud che vanta un’esperienza di oltre 40 anni nel settore della formazione, abbiamo pensato alla possibilità di offrire dei corsi “one to one”, costruiti sulla base delle esigenze individuali e in campi disparati, che vanno dalla tecnica alla ricerca di nuovi linguaggi in fotografia.
Dei corsi molto vicini a quelli che avremmo voluto avere nel passato, se ce ne fosse stata offerta l’opportunità e la parola opportunità non va sottovalutata, perché ha un peso e una sua valenza e non è spesso scontata.
Ognuno sarà libero di scegliere, sulla base dei nostri consigli, un autore o un tecnico, tra quelli offerti come docenti, e intraprendere un corso che gli offra quello di cui realmente ha bisogno e, eventualmente, ripetere questa esperienza in futuro.
Come quando si va da un eccellente sarto a scegliere con cura un vestito, adattandolo perfettamente al corpo, vogliamo fornirvi il corso che meglio si adatta alle vostre, singole e personali esigenze.
Niente nasce dal caso e per poter essere all’altezza di questo compito e potervi fornire un’offerta diversificata e soddisfacente, abbiamo pensato di sottoporvi un questionario tra il serio e lo scherzoso a cui vi preghiamo di rispondere.
Aiutateci a capire le vostre reali esigenze e chi abbiamo difronte, non ve ne pentirete.
Massimo Mastrorillo

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Approfondiamo ! per i più intrepidi
X