fbpx Skip to content

…la fotografia.

di Felicia Sisco

Perché Unique?
è la mia fotografia, le mie parole, la luce che amo, che voglio catturare. E’ la loro storia, ognuno è unico, ogni amore è unico.
Quando chiedi ad una coppia di posare, sembra che ripeti ogni volta la stessa cosa, per me non è così, perché ogni coppia è unica. Ritraggo ogni coppia per come esse sono, la mia fotografia è unica come loro.
Non devo riprendere degli attori, devo ritrarre una donna e un uomo e il loro amore unico. Chiedo loro di essere naturali e se stessi e anche io sono me stessa, la mia fotografia non è unica, la mia fotografia è così semplice, un connubio di luce, emozioni e composizione.
La sola cosa unica è la storia di ciascun matrimonio. Dico solo, dammi le tue parole per raccontare la storia del tuo giorno più bello, ho bisogno di frasi fatte con i tuoi momenti, ho bisogno di mettere la punteggiatura con le mie foto.

Perché il matrimonio?
Quando ho iniziato 37 anni fa, non avevo scelta, essere fotografo significava essere capaci di scattare foto in ogni evento, così ho dovuto perfezionare i ritratti in studio, matrimoni, architettura e altro ancora con una macchina fotografica.
Poiché il mio sogno era la fotografia di moda wedding, per i primi 10 anni della mia carriera ho fatto una sessione di moda con la sposa per un’ora durante il giorno del matrimonio. Era solo per esercitare  lo stile wedding che scatto davvero oggi.
Perché il matrimonio? Amo raccontare storie d’amore.

Suggerimenti e consigli
Che tipo di consigli potrei dare? quelli che io do da quasi 25 anni nei miei workshop
Devi solo essere te stesso per essere diverso e avere un tuo stile perché ogni essere umano è unico e diverso.
Devi conoscere le regole per essere sicuro ma devi andare oltre, dimenticandoti delle regole e concentrarti solo sulla cattura delle emozioni. Amo essere curiosa in ogni dettaglio, ogni momento, ogni risata e pianto … Sono così eccitata quando scatto, sono felice non del mio lavoro ma della mia vera passione.
È molto importante rispettare gli sposi e la loro storia, le tue foto saranno diverse e uniche.
Se dai loro le stesse immagini di altri fotografi, sceglieranno il più economico.

Siamo fotografi professionisti, quindi dobbiamo sapere tutto sulla tecnica ovviamente, ma la tecnologia è così alta che ora hai molti meno problemi.
Devi essere sicuro della qualità della tua attrezzatura, corpi e obiettivi, e poi bisogna concentrarsi solo su luce, emozioni e composizione.
Il segreto è essere curiosi e godersi tutto durante il giorno del matrimonio. Ti muovi intorno ad ognuno e ad ogni cosa per vedere la luce migliore sul tuo soggetto. Il mio brand e la mia firma sono la loro personalità.
Per me il problema di molti fotografi è che dimenticano se stessi per vincere premi e avere la foto “wow“, per me la cosa più importante è quando la mia coppia dice “wow“. Non voglio entrare in un cassetto di regole e giudizi, voglio essere me stessa.
Preferisco le lenti fisse perché ti muovi verso il soggetto invece di essere passivo e anche perché hai diaframmi migliori, più luminosi, che mi consentono di fotografare con la luce naturale che io amo.

Di solito non incontro gli sposi, solo una telefonata. Devo risolvere il programma per la giornata. Ho bisogno di 3 ore prima della cerimonia, per preparare (sposa e sposo ) 2 ore per capelli e trucco per la sposa, 1 ora per vestirsi con le damigelle e la mamma.
Per i momenti di preparazione dello sposo ho bisogno di meno tempo, solo 30 minuti che mi ritaglio mentre la sposa è con  il parrucchiere.
Poi sarò con loro per tutto il giorno a catturare momenti intensi e belli.
Di solito sono 10/12 ore dall’inizio in cui riprendo i dettagli ai primi 5 balli durante la festa dopo la torta nuziale.
Il mio interesse principale è la luce e le emozioni durante tutto il giorno.
I miei clienti conoscono già il mio lavoro quando scelgono me, non vogliono posare, solo poche foto degli sposi da soli. Dico loro che, anche se non si tratta di immagini artistiche, è importante avere una sessione fotografica di gruppo durante il giorno per i genitori.
Per la cerimonia è molto importante anticipare ogni momento. Non voglio “immagini rubate
Voglio vivere i momenti per poterli catturare con buona luce e con le emozioni che provo con loro.

Informazioni sulla tecnica specifica
Non ho tecnica specifica, 3 corpi macchina, Canon Eos Mark IV e III e Canon 1 DS Mark III, due delle quali sempre con lenti fisse, 50mm e 85mm o 35mm e 135mm.
Quando inizio, riprendo i dettagli e la location e mi posiziono con 100 mm macro e 35 mm, poi i preparativi per gli sposi, tutte foto con luce naturale e ambientale. Durante la cerimonia ho in borsa il flash 600 EX RT ma non lo uso quasi mai se non molto raramente quando il controluce è troppo forte all’ingresso della chiesa (o in altra location), il mio flash non lampeggia mai durante il giorno.

Per essere pronta, negli interni, scatto sempre con sensibilità da 640 a 1250 ISO e molto di più in chiesa, max 4000. Per l’esterno, durante il giorno, da 400 a 800 ISO per scattare con velocità elevate e diaframmi aperti.
Per il party, posso usare il flash, se necessario, per particolari effetti con le luci utilizzando tempi molto brevi e ISO elevati.
Per i discorsi durante il party scatto solo in luce ambientale con 50mm F1,2 e 85 mm f1,2
Per le emozioni della coppia, della famiglia e degli amici che ascoltano l’oratore, non uso il flash e scatto le foto solo con Mark IV.

Le lezioni più importanti un nuovo fotografo
La cosa più importante è la luce, leggere la luce, impossibile scrivere una storia senza inchiostro nella penna e poi catturare le emozioni con la luce giusta per avere buone immagini, per catturare devi avere una penna quindi … un buon equipaggiamento con le migliori lenti.
Quando ho iniziato a riprendere con i negativi e diapositive, per me un’immagine doveva essere abbastanza perfetta senza post produzione. Così devi imparare a scattare nel miglior modo possibile, sentire quando il tuo scatto è perfetto è così bello che ti divertirai a scattare.
Migliore è il tuo scatto meno tempo servirà in post.

Ho dovuto lottare molto per molti anni, non volevo fare foto in posa, non volevo seguire alcuno stile e movimento, volevo essere me stessa e  penso che questa sia la  strada migliore da seguire per andare avanti e progredire. Se copi qualcuno puoi perderti in un attimo e sarai obbligato a copiarne un altro e poi un altro ancora e ancora.

Se  ascolti te stesso, vai avanti naturalmente e quando invecchi la tua firma rimane la stessa.

Il mio brand sono i miei clienti

Come ho detto prima, non devo dedicare molto tempo a ritoccare le mie foto. Il problema è l’editing, così avrai molto più tempo per l’editing. Per la narrazione fotografica  fai più scatti  ed è molto diverso dalle riprese con la pellicola. Per un matrimonio prima del digitale, 10 film 36 pose era il massimo, ora con il digitale è 10 volte di più. Il flusso di lavoro e il tempo con il computer sono un problema.

Quindi voglio ridurre quel tempo, il mio lavoro è scattare foto senza ricorrere al computer! Dato che sono un professionista, conosco la giusta esposizione, le mie riprese devono essere buone, mai ritagliate.

Ho avuto qualche dubbio in alcuni momenti con tutti quei preset e avevo paura di essere fuori mercato, avevo paura di essere troppo vecchia, ma ho subito cambiato idea.

La mia attrezzatura viene preparata con cura la sera prima del matrimonio, 3 corpi macchina e le mie lenti, pulisco tutta la mia attrezzatura e ho 2 borse. Non uso più la valigia a rotelle perché, dato che sono quasi sempre sola, è molto difficile trasportarla.

devi rispettare ogni diversa coppia e non essere chiuso in uno stile.
Uso solo Canon dalla mia prima fotocamera, New F1, di 35 anni fa
Non voglio sentire “sei un artista” voglio solo sentire che con le mie foto si rivivono le emozioni della giornata per la seconda volta e quando lo dicono .. io piango
Dammi le tue parole, racconterò la storia, scatto per loro non per i premi.
I tuoi ricordi sono più importanti della mia carriera.
Questo è per me il vero significato della fotografia di matrimonio, della luce e dell’amore.
È la mia passione, la mia vita, non il mio lavoro.

Altri articoli di questo autore

Condividi

Vuoi accedere agli eventi riservati?

Abbonati a soli 15€ per 365 giorni e ottieni più di ciò che immagini!

Se invece sei già iscritto ed hai la password, accedi da qui

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Non è facile trovare un buon educatore!
Appartengo ad una generazione che ha dovuto adattarsi alla scarsa offerta dei tempi. Ho avuto un solo tutor, a cui ancora oggi devo molto. Brevi, fugaci ma intensi incontri in cui il sottoscritto, da solo con lui, cercava di prendere nota anche dei respiri e trarre insegnamento da ogni singola parola.
A causa di questa carenza io e i miei coetanei ci siamo dovuti spesso costruire una visione complementare come autori, designers, critici ed insegnanti e questo ci ha aiutato a costruire qualcosa di fondamentale e duraturo.
Per questo motivo con Cine Sud che vanta un’esperienza di oltre 40 anni nel settore della formazione, abbiamo pensato alla possibilità di offrire dei corsi “one to one”, costruiti sulla base delle esigenze individuali e in campi disparati, che vanno dalla tecnica alla ricerca di nuovi linguaggi in fotografia.
Dei corsi molto vicini a quelli che avremmo voluto avere nel passato, se ce ne fosse stata offerta l’opportunità e la parola opportunità non va sottovalutata, perché ha un peso e una sua valenza e non è spesso scontata.
Ognuno sarà libero di scegliere, sulla base dei nostri consigli, un autore o un tecnico, tra quelli offerti come docenti, e intraprendere un corso che gli offra quello di cui realmente ha bisogno e, eventualmente, ripetere questa esperienza in futuro.
Come quando si va da un eccellente sarto a scegliere con cura un vestito, adattandolo perfettamente al corpo, vogliamo fornirvi il corso che meglio si adatta alle vostre, singole e personali esigenze.
Niente nasce dal caso e per poter essere all’altezza di questo compito e potervi fornire un’offerta diversificata e soddisfacente, abbiamo pensato di sottoporvi un questionario tra il serio e lo scherzoso a cui vi preghiamo di rispondere.
Aiutateci a capire le vostre reali esigenze e chi abbiamo difronte, non ve ne pentirete.
Massimo Mastrorillo

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Approfondiamo ! per i più intrepidi
X