fbpx Skip to content

La bellezza di un tulipano

di Tiziana Bonomo

Questa volta non riusciamo a cogliere l’intensità dei colori, della forma, della perfezione perché non vediamo la stampa originale che personalmente ho avuto occasione di guardare, rimirare, soppesare per ben due volte. E vi posso assicurare che la vibrazione che ne scaturisce è seducente.

Accontentiamoci dell’immagine e diamo fede all’interpretazione geniale di una grande artista come Robert Mapplethorpe.

Cos’è un tulipano? un mondo di sensazioni.

Mettere a nudo un fiore come riuscire a mettere a nudo un pene è arte.

Ciò che crea la vibrazione è la sua nudità, la sua perfezione, la sua erezione.

Chi osa fotografare peni e tulipani con la stessa disinvoltura, libertà, eleganza, seduzione è l’unico fotografo al mondo che fino ad ora ci sia riuscito. Si chiama Mapplethorpe. Robert Mapplethorpe.

Nella sua perfezione si insinua la genialità dell’artista. Nulla nelle sue immagini è volgare anche in quelle più estreme che ad alcuni puritani della vita, del sesso, della religione creano una certa “pruderie”, un certo “fastidio borghese”. Insomma Robert Mapplethorpe è un grande della fotografia. Un artista che grazie alla sua estrema, unica, sorprendente sensibilità ha fatto nascere immagini di altissimo valore artistico e perché no … sociale!

Ho avuto la fortuna di vedere le stampe delle fotografie di Mapplethorpe a Torino alla Promotrice delle Belle Arti nel lontano 2006. Scandalosamente bravo. La perfezione maniacale dei suoi lavori in b/n o a colori è così seducente da creare imbarazzo per la sua abilità, bravura e non per il contenuto che è tutto da vedere, da guardare. Straordinario chi, come lui, non si pone limiti se non nello stile, nel linguaggio sempre perfetto di un ideale di immagine che sembra quasi irraggiungibile. Nella sua perfezione c’è la sofferenza di chi sa che può, solamente con la bellezza, essere accettato, apprezzato, forse …. amato.

Quando la bravura trascende la perfezione, allora, si ha il dovere di interrogarsi sul contenuto che non si riduce ad esercizio estetico ma che è fonte di una sofferenza più acuta, più primordiale, più complessa quella di essere compresi per come si è, per quello che si fa, per le proprie capacità e i propri limiti.

La perfezione richiede attenzione. Noi concediamo attenzione a questo tulipano, perfetto nella forma e nei colori. La sua forma penso voglia penetrare l’intelletto del più irriducibile giustiziere della critica artistica. Estetica ricercata curata in ogni dettaglio. Il fondale del tulipano fuoriesce dai classici still life con il bianco o il nero di fondo. Un mono-colore caldo avvolgente quasi una stoffa.

L’accenno delicato del verde del gambo suggerisce di procedere con lo sguardo sulla linea che innerva i petali del fiore. La ricercata illuminazione esalta la delicata consistenza del colore accentuando la forma del tulipano.

Un fiore così perfetto nella sua essenza non esiste in tutta la storia della fotografia. E se mai dovesse esserci un esemplare simile sarebbe un caso e non un esercizio costruito, pensato, valutato, creato dal genio di Mapplethorpe. Se mai qualche amante si presentasse al suo innamorato con la sua foto …. allora …. sappiate sarebbe un dono immenso e il profumo sarebbe l’ultima sensazione di cui sentirebbe il bisogno.

 

About Robert Mapplethorpe

Robert was born on Monday, November 4, 1946, the third of six children. Raised in Floral Park, Long Island, he was a happy, mischievous boy whose carefree days were delicately tinged with a fascination for the unusual, the beautiful. The lure of a jeweled rosary, the rich cloth dressing an altar, a gold-toned saxophone or a field of blue stars.

He felt, at an early age, a stirring and the desire to stir. And his young eyes store each play of light that struck him and each strange sensation that unnerved him.

As a youth he was gracious and shy with a dual but precise nature. I can see him now, a boy of twenty, with his deft movements, his slightly bowed gait and his green and troubled gaze as he’d circle to survey his handiwork. He could produce, with colore pencil, a universe in the devotional entwining of a single word. He could produce, with the spray can, a sunset behind a sailor. He dwelled, in dream, where grandeur dwelled, and he sought to magnify those dreams within a body of work and to offer into the scheme of things new eyes: a new way of seeing.

Patti Smith “A final flower” 1989

 

Su Robert Mapplethorpe

Robert nacque lunedì 4 novembre 1946, terzo di sei figli. Cresciuto a Floral Park, Long Island, era un ragazzo allegro e malizioso le cui giornate spensierate erano delicatamente tinte di un fascino per ciò che era inusuale, per la bellezza. Il richiamo di un rosario ingioiellato, il ricco panno che veste un altare, un sassofono color oro o un campo di stelle blu. Sentiva, in tenera età, una commozione e un desiderio a commuoversi. E i suoi giovani occhi conservavano ogni gioco di luce che lo colpiva e ogni strana sensazione che lo faceva innervosire. Da giovane era gentile e timido con una doppia ma definita natura. Lo posso immaginare ora, un ragazzo di venti anni, con i suoi movimenti abili, la sua andatura leggermente piegata e il suo sguardo verde e travagliato mentre si muove per esaminare la sua opera. Poteva produrre, con la matita colorata, un universo nell’intreccio devozionale di una singola parola. Poteva produrre, con la bomboletta spray, un tramonto dietro un marinaio. Egli dimorò, in sogno, dove dimorava la grandezza, e cercò di magnificare quei sogni all’interno di un corpo di lavoro e di offrire occhi nuovi nello schema delle cose: un nuovo modo di vedere.

Patti Smith “Un ultimo fiore” 1989

 

 

Altri contest

Condividi

Articoli Recenti

Vuoi accedere agli eventi riservati?

Abbonati a soli 15€ per 365 giorni e ottieni più di ciò che immagini!

Se invece sei già iscritto ed hai la password, accedi da qui

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Non è facile trovare un buon educatore!
Appartengo ad una generazione che ha dovuto adattarsi alla scarsa offerta dei tempi. Ho avuto un solo tutor, a cui ancora oggi devo molto. Brevi, fugaci ma intensi incontri in cui il sottoscritto, da solo con lui, cercava di prendere nota anche dei respiri e trarre insegnamento da ogni singola parola.
A causa di questa carenza io e i miei coetanei ci siamo dovuti spesso costruire una visione complementare come autori, designers, critici ed insegnanti e questo ci ha aiutato a costruire qualcosa di fondamentale e duraturo.
Per questo motivo con Cine Sud che vanta un’esperienza di oltre 40 anni nel settore della formazione, abbiamo pensato alla possibilità di offrire dei corsi “one to one”, costruiti sulla base delle esigenze individuali e in campi disparati, che vanno dalla tecnica alla ricerca di nuovi linguaggi in fotografia.
Dei corsi molto vicini a quelli che avremmo voluto avere nel passato, se ce ne fosse stata offerta l’opportunità e la parola opportunità non va sottovalutata, perché ha un peso e una sua valenza e non è spesso scontata.
Ognuno sarà libero di scegliere, sulla base dei nostri consigli, un autore o un tecnico, tra quelli offerti come docenti, e intraprendere un corso che gli offra quello di cui realmente ha bisogno e, eventualmente, ripetere questa esperienza in futuro.
Come quando si va da un eccellente sarto a scegliere con cura un vestito, adattandolo perfettamente al corpo, vogliamo fornirvi il corso che meglio si adatta alle vostre, singole e personali esigenze.
Niente nasce dal caso e per poter essere all’altezza di questo compito e potervi fornire un’offerta diversificata e soddisfacente, abbiamo pensato di sottoporvi un questionario tra il serio e lo scherzoso a cui vi preghiamo di rispondere.
Aiutateci a capire le vostre reali esigenze e chi abbiamo difronte, non ve ne pentirete.
Massimo Mastrorillo

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Approfondiamo ! per i più intrepidi
X