fbpx Skip to content

INTERVISTA “Non Fotografi sulla Fotografia”. MONICA FALLOCCO – make up and hair style

di Paolo Ranzani

Come possiamo presentarti?

Mi chiamo Monica e mi occupo da molti anni di trucco e parrucco al Teatro
Regio di Torino. Durante la stagione lirica insieme ai miei colleghi, ci prendiamo cura dei vari reparti del teatro che ci competono: dalla sala trucco principale, ai camerini dei coristi, ballerini e comparse. Detta così, sembrerebbe un lavoro semplice, ma non lo è per niente!

Sono appassionata di musica e cinema fino al midollo, da sempre.
Quando non lavoro in teatro lavoro sui set fotografici per moda e pubblicità

Che rapporto hai con la fotografia fuori dal tuo mestiere?

Sono sempre stata abbastanza attenta alla fotografia in generale. Pur non essendo il mio mestiere, cerco di andare il più possibile a vedere mostre, anche quando sono all’estero. Lo trovo rilassante e allo stesso tempo è una buona occasione per vedere dal vivo i lavori di qualche famoso fotografo. Amo in particolare il bianco e nero, meglio se analogico.

Che rapporto hai con la fotografia nel tuo mestiere? 

Direi importante, visto che lavoro da tanto con i fotografi. Un settore che ho scoperto un po’ per caso e che non ho più lasciato. E’ gratificante riuscire ad entrare in sintonia con modella e fotografo durante uno shooting e dare il contributo per la realizzazione di un’idea.

Il cambio analogico / digitale subito dalla fotografia, ha cambiato qualcosa nel tuo lavoro?

Ma… non saprei. Ho iniziato a lavorare facendo shooting quando praticamente già si usava il digitale. Pochissime sono state le volte in cui ho lavorato con l’analogico. Nel mestiere del truccatore è bene stare attenti e verificare con il fotografo la fotografia realizzata, con il digitale basta poco affinchè si vedano anche le più piccole imperfezioni.

Cosa ne pensi della fotografia Italiana?

Oltre ai nomi noti a tutti mi piace collaborare con alcuni giovani talenti che spero diventeranno celebri con il tempo.

E di quella estera?

Tanti grandi maestri, ne dico uno super famoso che vale per tutti. Ricordo una bellissima retrospettiva di H. Newton a Berlino anni fa.

Usi molto i social? (se sì, quali, quanto tempo si dedichi e perchè?)

 Sino a pochi anni fa, ammetto che non avevo nemmeno un account Facebook. Questo perché ho sempre pensato che vedere e sentire quello che ha da dire un essere umano di persona, sia molto più importante di una paginetta costruita su un pc. Certo, ho cambiato idea, e non mi sono pentita, anzi… Capisco che al giorno d’oggi sia importante essere al passo coi tempi. Che cambiano così in fretta! Credo manchi molto spesso moderazione e attenzione generale a ciò che si pubblica, e mi infastidisce. Dedico non molto tempo ai social, diciamo un tempo giusto. Meglio un film, che fa sognare e pensare.

ll futuro della fotografia come lo immagini?

In cambiamento sempre più veloce e costante. Oramai con un buon telefonino hai tutta la fotografia a portata di mano! Un po’ inquientante! Un regista è riuscito persino a girare un film col suo cellulare.

Pensi sia importante che litalia adotti delle leggi severe per preservare al meglio il diritto dautore dei fotografi?

 Si certo, sia sul cartaceo che sui vari social. Chi divulga le proprie fotografie  dovrebbe sempre mettere sulle stesse almeno il proprio nome e l’anno di esecuzione. Chi ne utilizza di non proprie, dovrebbe chiederne i diritti. Ma credo sia abbastanza ovvio. Almeno per preservare i diritti d’autore.

Se c’è qualche cosa che non ti ho chiesto ma che vorresti dire… aggiungila.

Fotografi non smettete di pensare ed immaginare cose nuove e belle e date spazio a chi si occupa del make up perché ogni professione ha competenze ed esperienze che potrebbero darvi nuovi esperimenti.

Grazie 🙂

 

Contatti Monica Fallocco:

 

Altri articoli di questo autore

Condividi

Vuoi accedere agli eventi riservati?

Abbonati a soli 15€ per 365 giorni e ottieni più di ciò che immagini!

Se invece sei già iscritto ed hai la password, accedi da qui

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Non è facile trovare un buon educatore!
Appartengo ad una generazione che ha dovuto adattarsi alla scarsa offerta dei tempi. Ho avuto un solo tutor, a cui ancora oggi devo molto. Brevi, fugaci ma intensi incontri in cui il sottoscritto, da solo con lui, cercava di prendere nota anche dei respiri e trarre insegnamento da ogni singola parola.
A causa di questa carenza io e i miei coetanei ci siamo dovuti spesso costruire una visione complementare come autori, designers, critici ed insegnanti e questo ci ha aiutato a costruire qualcosa di fondamentale e duraturo.
Per questo motivo con Cine Sud che vanta un’esperienza di oltre 40 anni nel settore della formazione, abbiamo pensato alla possibilità di offrire dei corsi “one to one”, costruiti sulla base delle esigenze individuali e in campi disparati, che vanno dalla tecnica alla ricerca di nuovi linguaggi in fotografia.
Dei corsi molto vicini a quelli che avremmo voluto avere nel passato, se ce ne fosse stata offerta l’opportunità e la parola opportunità non va sottovalutata, perché ha un peso e una sua valenza e non è spesso scontata.
Ognuno sarà libero di scegliere, sulla base dei nostri consigli, un autore o un tecnico, tra quelli offerti come docenti, e intraprendere un corso che gli offra quello di cui realmente ha bisogno e, eventualmente, ripetere questa esperienza in futuro.
Come quando si va da un eccellente sarto a scegliere con cura un vestito, adattandolo perfettamente al corpo, vogliamo fornirvi il corso che meglio si adatta alle vostre, singole e personali esigenze.
Niente nasce dal caso e per poter essere all’altezza di questo compito e potervi fornire un’offerta diversificata e soddisfacente, abbiamo pensato di sottoporvi un questionario tra il serio e lo scherzoso a cui vi preghiamo di rispondere.
Aiutateci a capire le vostre reali esigenze e chi abbiamo difronte, non ve ne pentirete.
Massimo Mastrorillo

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Approfondiamo ! per i più intrepidi
X