fbpx Skip to content

INTERVISTA “Non fotografi sulla fotografia”. LISA LO PRESTI – video operatrice, editor.

di Paolo Ranzani

Raccontaci di te e di ciò che fai.

Mi chiamo Lisa Lo Presti e sono un’operatrice/montatrice video di Robin (RobeIncredibili), uno studio creativo di comunicazione di Torino, composto da un team di giovani che hanno messo la propria creatività, le proprie competenze e la propria conoscenza della tecnologia al servizio della cultura. Ci occupiamo principalmente di allestimenti e di produzione di contenuti multimediali per musei, enti culturali e spettacoli dal vivo.

Che rapporto hai con la fotografia fuori nel tuo mestiere?

Ho iniziato questo mestiere circa 4 anni fa ed è cominciato tutto con la fotografia analogica. La mia prima camera è stata una reflex analogica, quella che mio padre ha utilizzato per documentare la mia infanzia, fino ai 9 o 10 anni. Cioè fino ai primissimi anni 2000, quando le camere digitali sono diventate alla portata di tutti, anche di mio padre. Infatti io, nata nel 1990 faccio parte di quella generazione con gli album di famiglia ibridi e a volte incompleti, le poche foto stampate della mia adolescenza sono scattate con le prime camere digitali, ad una risoluzione un po’ così (10Mpixel) e molte dei miei 15/16 anni si sono perse nei cd graffiati o negli hard disk rotti. Cosi ad un certo punto della mia vita, mi sono scoperta molto gelosa delle mie cose e dei miei ricordi e ho deciso di scattare con la vecchia reflex 35mm.
Il fatto che io possa toccare fisicamente i negativi, che li possa conservare in un cassetto mi da sempre un certo conforto. Oltre a questa fiducia nel materiale la camera analogica è stata ed è ancora la mia palestra migliore.

Che rapporto hai con la fotografia nel tuo mestiere?

Oltre alla tecnica che inevitabilmente ho imparato a spesa di qualche rullino bruciato, mi ha insegnato anche a riflettere sulla composizione dell’immagine e su cosa voglio che esprima il soggetto senza andare per esclusione avendo a disposizione pochi scatti del rullino.
Questo allenamento mi torna sempre utile nelle riprese video, dove molto spesso non ho il tempo di pensare, nel reportage di eventi dal vivo quando sono con la camera sul palco o durante le riprese di un restauro quando non posso chiedere di rifare un’azione.
Ad oggi, nonostante abbia una buona camera digitale che utilizzo per le riprese video, nello zaino porto sempre l’analogica. Credo che questa scelta sia basata su due ragioni, ovviamente personali e soggettive: la prima è quella di avere tra le mani uno strumento che non è in nessun modo legato al lavoro. La seconda è sicuramente il fascino del meccanismo, lo studio della chimica e delle possibili combinazioni date dello sviluppo e la stampa, in generale della fotografia come fatto puramente fisico.

Usi molto i social? (se sì, quali, quanto tempo si dedichi e perché?)

Poco, nella vita in carne e ossa sono abbastanza riservata, sui social ancora di più. Ma su Instagram ho scovato, una piccola ma crescente nicchia di appassionati della fotografia analogica. Seguo diversi profili interessanti di persone che oltre a condividere gli scatti, recensiscono pellicole e fotocamere e sperimentano nuove forme di sviluppo delle pellicole, dalle box portatili, allo sviluppo eco sostenibile che non fanno uso di componenti chimiche ma prodotti come il caffè e la soda.

Il futuro della fotografia come lo immagini?

Mi piace pensare che il futuro della fotografia sia un ritorno all’analogico come la chiusura di un ciclo. Bazin in Che cos’è il cinema? Dice “La fotografia, portando a compimento il barocco, ha liberato le arti plastiche dalla loro ossessione della rassomiglianza” forse è giunto il momento che l’arte digitale liberi la fotografia.

Cosa ne pensi delle problematiche inerenti al diritto d’autore per le arti visive?

Il riconoscimento del valore artistico del nostro lavoro, che è più di quello di semplici esecutori, ma è quello di interpreti e cantastorie in una nuova lingua, è un diritto sacrosanto. La democratizzazione del mezzo espressivo non dovrebbe essere accompagnata da una rinuncia ai diritti (siano essi anche un semplice credit) sul nostro operato. È chiaro però come la nostra categoria, fino a un certo livello, non sia sufficientemente protetta a livello sindacale o organizzativo per potersi difendere da violazioni del diritto d’autore come accade, ad esempio per il mondo delle etichette discografiche. Chissà, magari un giorno sarà così anche per le arti visive e bloccheranno le immagini rubate come la musica sui video di YouTube, nel frattempo dovremmo iniziare ad organizzarci e a farci valere.

Instagram Lisa Lo Presti – melancho_lisa

Altri articoli di questo autore

Condividi

Articoli Recenti

Vuoi accedere agli eventi riservati?

Abbonati a soli 15€ per 365 giorni e ottieni più di ciò che immagini!

Se invece sei già iscritto ed hai la password, accedi da qui

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Non è facile trovare un buon educatore!
Appartengo ad una generazione che ha dovuto adattarsi alla scarsa offerta dei tempi. Ho avuto un solo tutor, a cui ancora oggi devo molto. Brevi, fugaci ma intensi incontri in cui il sottoscritto, da solo con lui, cercava di prendere nota anche dei respiri e trarre insegnamento da ogni singola parola.
A causa di questa carenza io e i miei coetanei ci siamo dovuti spesso costruire una visione complementare come autori, designers, critici ed insegnanti e questo ci ha aiutato a costruire qualcosa di fondamentale e duraturo.
Per questo motivo con Cine Sud che vanta un’esperienza di oltre 40 anni nel settore della formazione, abbiamo pensato alla possibilità di offrire dei corsi “one to one”, costruiti sulla base delle esigenze individuali e in campi disparati, che vanno dalla tecnica alla ricerca di nuovi linguaggi in fotografia.
Dei corsi molto vicini a quelli che avremmo voluto avere nel passato, se ce ne fosse stata offerta l’opportunità e la parola opportunità non va sottovalutata, perché ha un peso e una sua valenza e non è spesso scontata.
Ognuno sarà libero di scegliere, sulla base dei nostri consigli, un autore o un tecnico, tra quelli offerti come docenti, e intraprendere un corso che gli offra quello di cui realmente ha bisogno e, eventualmente, ripetere questa esperienza in futuro.
Come quando si va da un eccellente sarto a scegliere con cura un vestito, adattandolo perfettamente al corpo, vogliamo fornirvi il corso che meglio si adatta alle vostre, singole e personali esigenze.
Niente nasce dal caso e per poter essere all’altezza di questo compito e potervi fornire un’offerta diversificata e soddisfacente, abbiamo pensato di sottoporvi un questionario tra il serio e lo scherzoso a cui vi preghiamo di rispondere.
Aiutateci a capire le vostre reali esigenze e chi abbiamo difronte, non ve ne pentirete.
Massimo Mastrorillo

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Approfondiamo ! per i più intrepidi
X