fbpx Skip to content

Infrarosso e cicatrici, la fotografia di Monica Carocci che reagisce alla vita

di Alessandro Tarantino

“Cicatrici della pelle e dell’anima” è il titolo del libro fotografico a cura di Monica Carocci, fotografa romana che tra il 2017 e il 2019 è stata chiamata a documentare la missione di Cute Project(“cute”, cioè pelle) nei Paesi più poveri dell’Africa.

Come si evince dal titolo, le fotografie – accompagnate dai testi di Luca Favetto – sono una narrazione del progetto con cui la Onlus torinese ha formato il personale sanitario dei Paesi in via di sviluppo nell’ambito della chirurgia plastica ricostruttiva intervenendo su numerosi adulti e bambini gravemente colpiti da ustioni e incidenti che gli avevano procurato malformazioni e disabilità.

Gli scatti sono stati realizzati facendo ricorso alla tecnica della luce infrarossa, un modo per sottolineare ed esaltare nello scatto le cicatrici e dunque la sofferenza patita dai soggetti ritratti. Una scelta stilistica che si è resta necessaria anche per il contesto e per i soggetti stessi: fotografare le cicatrici sulla pelle nere senza la possibilità di utilizzare luci adeguate, avrebbe reso debole e poco profondo il messaggio. Così, l’acquisto di una reflex digitale usata su internet e la rimozione del filtro sopra al sensore, hanno permesso a Monica Carocci di dare forma e sostanza ad un progetto diretto ed emozionante, esaltando il messaggio proveniente da ogni fotografia. E l’esigenza tecnica si è tramutata in un linguaggio specifico: «L’infrarosso vede quello che noi non vediamo e cattura un millimetro sotto la pelle. Reagisce al calore, alla vita. Tutt’a un tratto hai davanti un mondo nuovo», spiega l’artista in alcune interviste.

Così, da quel progetto, è nata anche l’idea di sperimentare la fotografia a infrarossi in contesti diversi, oggi visibili in “NuvoleAlte”, la mostra ospitata presso la galleria Francesca Antonini Arte Contemporanea di Roma.

Intanto, tutti i proventi di “Cicatrici della pelle e dell’anima” – che presto sarà presentato ufficialmente al pubblico – saranno devoluti per le prossime missioni della Onlus, che ha come obiettivo futuro attività di formazione teorica e pratica non solo nei paesi dell’Africa, ma anche in quelli del Sud America.

Altri articoli di questo autore

Condividi

Vuoi accedere agli eventi riservati?

Abbonati a soli 15€ per 365 giorni e ottieni più di ciò che immagini!

Se invece sei già iscritto ed hai la password, accedi da qui

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Non è facile trovare un buon educatore!
Appartengo ad una generazione che ha dovuto adattarsi alla scarsa offerta dei tempi. Ho avuto un solo tutor, a cui ancora oggi devo molto. Brevi, fugaci ma intensi incontri in cui il sottoscritto, da solo con lui, cercava di prendere nota anche dei respiri e trarre insegnamento da ogni singola parola.
A causa di questa carenza io e i miei coetanei ci siamo dovuti spesso costruire una visione complementare come autori, designers, critici ed insegnanti e questo ci ha aiutato a costruire qualcosa di fondamentale e duraturo.
Per questo motivo con Cine Sud che vanta un’esperienza di oltre 40 anni nel settore della formazione, abbiamo pensato alla possibilità di offrire dei corsi “one to one”, costruiti sulla base delle esigenze individuali e in campi disparati, che vanno dalla tecnica alla ricerca di nuovi linguaggi in fotografia.
Dei corsi molto vicini a quelli che avremmo voluto avere nel passato, se ce ne fosse stata offerta l’opportunità e la parola opportunità non va sottovalutata, perché ha un peso e una sua valenza e non è spesso scontata.
Ognuno sarà libero di scegliere, sulla base dei nostri consigli, un autore o un tecnico, tra quelli offerti come docenti, e intraprendere un corso che gli offra quello di cui realmente ha bisogno e, eventualmente, ripetere questa esperienza in futuro.
Come quando si va da un eccellente sarto a scegliere con cura un vestito, adattandolo perfettamente al corpo, vogliamo fornirvi il corso che meglio si adatta alle vostre, singole e personali esigenze.
Niente nasce dal caso e per poter essere all’altezza di questo compito e potervi fornire un’offerta diversificata e soddisfacente, abbiamo pensato di sottoporvi un questionario tra il serio e lo scherzoso a cui vi preghiamo di rispondere.
Aiutateci a capire le vostre reali esigenze e chi abbiamo difronte, non ve ne pentirete.
Massimo Mastrorillo

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Approfondiamo ! per i più intrepidi
X