fbpx Skip to content

Indian Hindu Wedding

di Pasquale Minniti

Vivaah

Il  matrimonio così come viene praticato dagli indù nel subcontinente indiano

Per tutti i genitori indiani, il matrimonio è la cerimonia più attesa per i loro figli. Il matrimonio indiano può anche essere chiamato “Vivaah” e varia a seconda della religione, della località, delle preferenze degli sposi e della loro famiglia. Il matrimonio è come una festa in India; si celebra con tante decorazioni, colori, rituali, musica, danze e costumi. Ci sono rituali importanti nel matrimonio indù come GRIHPOOJA, KANYADAN, FERAS e SAPTAPADI. In India si celebrano circa 10 milioni di matrimoni ogni anno, di cui circa l’80% sono matrimoni indù.

Ganesh Pooja & Grih Pooja

La gente inizia qualsiasi celebrazione sacra con il Ganesh Pooja, obbligatorio in qualsiasi rituale indù. Il Grih Pooja può essere semplice o elaborato, a seconda del proprietario della casa. Di solito, viene preeparato un “havan”, per purificare lo spazio dalle forze negative.
(Havan è un fuoco in un piccolo spazio su cui le persone mettono un po ‘di Ghee, kapoor e altre cose sacre cantando a voce alta il “Mantra sanscrito” secondo l’antico “VEDA” indù per l’energia positiva.)

Haldi Ceremony/Holi Party

La cerimonia Haldi è anche conosciuta come “Cerimonia Pithi”. È una cerimonia pre-matrimoniale in cui una miscela di Haldi (curcuma), olio e acqua viene applicata agli sposi dai membri della famiglia. Si crede che questa miscela benedica la coppia. Inoltre, la curcuma è nota come agente “esfoliante”. Dopo la “Cerimonia Haldi”, quando la miscela viene risciacquata, aiuta a sbarazzarsi delle “cellule morte” e “disintossica” la pelle.
A volte le persone organizzano gli holi party insieme alla cerimonia haldi. Le persone giocano tra loro con la polvere colorata e si divertono.

Cerimonia Mehendi / Henné

La cerimonia Mehendi è una delle cerimonie più importanti del matrimonio indiano. Il tatuaggio (Mehendi) è un elemento indispensabile per ogni matrimonio indiano. Solitamente questa cerimonia è celebrata dalla famiglia della sposa. Oltre al fascino cosmetico, il mehendi ha proprietà medicinali. Normalmente, il mehendi viene applicato sulle mani e sui piedi, che hanno molte terminazioni nervose e perciò aiuta a rilassare i nervi durante situazioni di stress.

Sangeet (Dance Party)

Sangeet è la cerimonia più attesa per la famiglia. Le persone organizzano feste da ballo. Per lo più è organizzata da entrambe le famiglie degli sposi. La preoccupazione principale è quella di celebrare il periodo pre-matrimoniale insieme e divertirsi.

Nozze

Per il matrimonio, lo sposo e la sua famiglia vanno a casa della sposa; essi sono chiamati “baraatis”. Tradizionalmente, i baraati sono assistiti come ospiti dalla famiglia della sposa. Il corteo nuziale (Baraat), guidato da uno spettacolo di fuochi d’artificio e accompagnato dal ritmo del dhol, raggiunge il punto di incontro, dove la famiglia della sposa accoglie lo sposo e la sua famiglia.

Il giorno del matrimonio è stabilito dal sacerdote (“Pandit”) secondo il calendario indù (“Muhurt”). Il giorno del matrimonio gli sposi si preparano secondo le loro tradizioni religiose. La cerimonia in cui si invoca il Dio Elefante (“Ganesh Poojan”) è organizzata dai genitori della sposa. Segue il  rituale “Kanyadaan”  sempre fatto dai genitori della sposa che è considerato il più supremo dei rituali in quanto viene donato ciò che ami di più – la propria figlia – ad un’altra famiglia. I genitori della sposa portano doni e benedizione alla sposa.

Dopo tutto ciò, segue il rituale “Mangal Fera”. A differenza di “Saptapadi”, la sposa guida lo sposo nei primi tre cerchi “feras”(intorno al fuoco sacro), mentre lo sposo esegue il quarto e ultimo passaggio, che significa equilibrio e completamento nel loro matrimonio. Dopo che la coppia fa l’ultimo giro insieme, torna di corsa ai loro posti per sedersi per primo.

Saptapadi (sette fasi) è il rito più importante di una cerimonia di matrimonio indù.   Dopo che il Pandit (sacerdote) lega  il Mangalsutra, la coppia di sposini fa sette passi attorno al fuoco sacro che si chiama Saptapadi. Dopo il settimo passo, la coppia diventa legalmente marito e moglie.

Alcune famiglie indiane fanno scoppiare petardi dopo la conclusione del matrimonio.

Tutta la sacra cerimonia del matrimonio viene eseguita con il forte canto del “Sankrit Mantra”. (Che deriva dall’antico significato indù “Veda”)

Vidaai – L’addio della sposa.

Uno dei momenti più riconoscibili di una cerimonia di matrimonio indù è il Vidaai, quando la famiglia della sposa dice addio alla figlia mentre si allontana con il marito.

Il ricevimento

 Un ricevimento di matrimonio è una festa che di solito si tiene dopo il completamento della cerimonia di matrimonio come ospitalità per coloro che vi hanno partecipato, da qui il nome ricevimento; la coppia riceve gli ospiti come amici di famiglia, per la prima volta da coppia sposata.

Altri articoli di questo autore

Condividi

Vuoi accedere agli eventi riservati?

Abbonati a soli 15€ per 365 giorni e ottieni più di ciò che immagini!

Se invece sei già iscritto ed hai la password, accedi da qui

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Non è facile trovare un buon educatore!
Appartengo ad una generazione che ha dovuto adattarsi alla scarsa offerta dei tempi. Ho avuto un solo tutor, a cui ancora oggi devo molto. Brevi, fugaci ma intensi incontri in cui il sottoscritto, da solo con lui, cercava di prendere nota anche dei respiri e trarre insegnamento da ogni singola parola.
A causa di questa carenza io e i miei coetanei ci siamo dovuti spesso costruire una visione complementare come autori, designers, critici ed insegnanti e questo ci ha aiutato a costruire qualcosa di fondamentale e duraturo.
Per questo motivo con Cine Sud che vanta un’esperienza di oltre 40 anni nel settore della formazione, abbiamo pensato alla possibilità di offrire dei corsi “one to one”, costruiti sulla base delle esigenze individuali e in campi disparati, che vanno dalla tecnica alla ricerca di nuovi linguaggi in fotografia.
Dei corsi molto vicini a quelli che avremmo voluto avere nel passato, se ce ne fosse stata offerta l’opportunità e la parola opportunità non va sottovalutata, perché ha un peso e una sua valenza e non è spesso scontata.
Ognuno sarà libero di scegliere, sulla base dei nostri consigli, un autore o un tecnico, tra quelli offerti come docenti, e intraprendere un corso che gli offra quello di cui realmente ha bisogno e, eventualmente, ripetere questa esperienza in futuro.
Come quando si va da un eccellente sarto a scegliere con cura un vestito, adattandolo perfettamente al corpo, vogliamo fornirvi il corso che meglio si adatta alle vostre, singole e personali esigenze.
Niente nasce dal caso e per poter essere all’altezza di questo compito e potervi fornire un’offerta diversificata e soddisfacente, abbiamo pensato di sottoporvi un questionario tra il serio e lo scherzoso a cui vi preghiamo di rispondere.
Aiutateci a capire le vostre reali esigenze e chi abbiamo difronte, non ve ne pentirete.
Massimo Mastrorillo

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Approfondiamo ! per i più intrepidi
X