fbpx Skip to content

“In Zir – I miei viaggi verso Gerusalemme”, la personale di Lidia Bagnara a Milano

di Alessandro Tarantino

Trent’anni di fotografie, incluso il passaggio dall’analogico al digitale, e un grande soggetto: Gerusalemme. Il progetto “In Zir – I miei viaggi verso Gerusalemme” di Lidia Bagnara raccoglie oltre 100 scatti che la fotografa ha realizzato tra il 1991 e il 2021. Un orizzonte luminoso e colorato di frammenti di luoghi, persone, distanze e prossimità, che unisce l’India la Cappadocia, il Libano, la Siria, la Giordania, Israele, l’Egitto, l’Italia.

La fotografia di Lidia Bagnara non conosce filtri né inquadrature studiate o ritocchi. Le sue immagini sono istintive e spontanee, uno sguardo imperniato su un attimo di luce, ma proprio questa immediatezza le rende evanescenti, oniriche, a metà tra fotografia e pittura. L’immagine ferma diventa una narrazione di stati d’animo, sensazioni, odori, percezioni tattili derivanti dalla polvere, dal deserto, dalla pietra, dalla sabbia, dal mare, dal cielo.

Nata a Ravenna nel 1959, Bagnara ha iniziato come ritrattista collaborando con la Granata press service di Milano. Dal 2000, si è dedicata al reportage sociale per la cooperative ‘Il Cerchio’ di Ravenna. Dal 2002 al 2005, ha creato lookbook di moda e seguito gli eventi e gli show per alcuni designer italiani e stranieri, tra i quali Stuart Weitzman che l’ha supportata nella realizzazione di due mostre a Milano. Sulla mostra dice: «A chi mi chiede cosa ne pensi di questa città mi viene sempre e comunque da rispondere che non so se Gerusalemme esista, e aggiungo che è l’unica a mostrarsi solamente a chi vuole. Non credo che la si possa vedere se non è lei a scegliere di essere vista». 

L’esposizione, a cura di Francesca Alfano Miglietti, che ha aperto i battenti lo scorso 24 giugno  e sarà visitabile fino al 19 settembre prossimo, mostra scatti che si fondono con la storia personale della fotografa, raccontano il suo amore per il viaggio ma anche le sue radici – “in zir” in dialetto romagnolo sta per “girovagare senza meta”. 

Oltre alla mostra, Lidia Bagnara ha realizzato anche un libro – “Jerusalem” -, edito da Danilo Montanari e con testi di Giovanna Calvenzi e Manuela Dviri: si tratta di reportage fotografico costruito nel corso di tre anni, tra il 2015 ed il 2018. 

La mostra allestiti negli spazi Nonostante Marras a Milano, è visitabile a ingresso gratuito nel rispetto delle normative anti Covid-19. Questi gli orari di apertura: dal lunedì al sabato 10.00-19.00; domenica 12.00-19.00. Per info e prenotazioni 02 76280991.

Altri articoli di questo autore

Condividi

Articoli Recenti

Vuoi accedere agli eventi riservati?

Abbonati a soli 15€ per 365 giorni e ottieni più di ciò che immagini!

Se invece sei già iscritto ed hai la password, accedi da qui

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Non è facile trovare un buon educatore!
Appartengo ad una generazione che ha dovuto adattarsi alla scarsa offerta dei tempi. Ho avuto un solo tutor, a cui ancora oggi devo molto. Brevi, fugaci ma intensi incontri in cui il sottoscritto, da solo con lui, cercava di prendere nota anche dei respiri e trarre insegnamento da ogni singola parola.
A causa di questa carenza io e i miei coetanei ci siamo dovuti spesso costruire una visione complementare come autori, designers, critici ed insegnanti e questo ci ha aiutato a costruire qualcosa di fondamentale e duraturo.
Per questo motivo con Cine Sud che vanta un’esperienza di oltre 40 anni nel settore della formazione, abbiamo pensato alla possibilità di offrire dei corsi “one to one”, costruiti sulla base delle esigenze individuali e in campi disparati, che vanno dalla tecnica alla ricerca di nuovi linguaggi in fotografia.
Dei corsi molto vicini a quelli che avremmo voluto avere nel passato, se ce ne fosse stata offerta l’opportunità e la parola opportunità non va sottovalutata, perché ha un peso e una sua valenza e non è spesso scontata.
Ognuno sarà libero di scegliere, sulla base dei nostri consigli, un autore o un tecnico, tra quelli offerti come docenti, e intraprendere un corso che gli offra quello di cui realmente ha bisogno e, eventualmente, ripetere questa esperienza in futuro.
Come quando si va da un eccellente sarto a scegliere con cura un vestito, adattandolo perfettamente al corpo, vogliamo fornirvi il corso che meglio si adatta alle vostre, singole e personali esigenze.
Niente nasce dal caso e per poter essere all’altezza di questo compito e potervi fornire un’offerta diversificata e soddisfacente, abbiamo pensato di sottoporvi un questionario tra il serio e lo scherzoso a cui vi preghiamo di rispondere.
Aiutateci a capire le vostre reali esigenze e chi abbiamo difronte, non ve ne pentirete.
Massimo Mastrorillo

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Approfondiamo ! per i più intrepidi
X