fbpx Skip to content

In viaggio con Gigi

di Tommaso Le Pera

…Uno però lo ricordo con particolare affetto e ammirazione: Gigi.
Gigi Proietti, scomparso recentemente, purtroppo, lasciando un vuoto incolmabile nell’universo teatrale non solo nazionale.
La mia collaborazione con Gigi comincia nel 1976 con il suo famosissimo “A me gli occhi, please!”, spettacolo ormai considerato cult, scritto con Roberto Lerici e presentato al Teatro Tenda di Piazza Mancini, a Roma. Forse il primo one man show che ancora oggi costituisce uno dei più grandi successi del teatro italiano d’ogni tempo. Basti pensare che lo spettacolo sarebbe dovuto rimanere in scena per una sola settimana e invece replicò per ben quattro mesi consecutivi con oltre 250.000 spettatori, proprio come i grandi spettacoli di New York, Londra o Parigi.

I miei scatti fotografici hanno documentato tanti, tantissimi suoi spettacoli sia come regista che come protagonista assoluto in una sarabanda infinita di ruoli, di personaggi, di frizzi, lazzi, canzoni e macchiette come con nessun’altro.
Gigi come i petroliniani Gastone e Archimede, come Pietro Ammicca e Toto, il Cavaliere Nero, Gigi-Cirano, Gigi- Il Bugiardo, Gigi-Gaetanaccio, Gigi Romolo, Servio Tullio, Anco Marzio, Tarquinio Prisco e il Superbo e tutti gli altri Re di Roma, Gigi-Kean. Gigi, Gigi, Gigi e ancora Gigi, sempre diverso, sempre divertente e avvincente, col suo entusiasmo e la sua generosità verso il suo pubblico. Un pubblico che lo segue e che lo adora, che ha imparato a memoria tutte le gag più esilaranti dei suoi Cavalli di Battaglia e, in coro, le anticipa nel mentre le propone. Un pubblico che alla fine di ogni suo spettacolo non lo vuole far andare via e chiede, pretende un bis dopo l’altro che lui concede, e si concede, senza risparmio divertendo e divertendosi.

Con Gigi si era instaurato un rapporto di profonda amicizia che travalicava quello professionale e, quando possibile, ci si frequentava anche al di fuori dei teatri.

Sprigionava allegria ed energia da tutti i pori e non solo sul palcoscenico anzi, nel privato, forse era ancora più divertente. Amava la buona cucina e il buon bere e la sera, dopo teatro, a cena, si scatenava ancora di più. Ad un certo punto della serata, inevitabilmente, spuntava fuori una chitarra che, instancabilmente, non mollava fino all’alba deliziando tutti con la sua inconfondibile voce e la sua verve.
Ma ci si divertiva di più quando, negli spostamenti da una città all’altra durante le tournée o nel ritorno a casa, si era in “Viaggio con Gigi”. Lui non guidava mai e ti teneva sveglio e sulla corda, senza tregua, con un continuo di battute, barzellette, aneddoti, citazioni, imitazioni.
Viaggi che ti auguravi non finissero mai!

Altri articoli di questo autore

Condividi

Vuoi accedere agli eventi riservati?

Abbonati a soli 15€ per 365 giorni e ottieni più di ciò che immagini!

Se invece sei già iscritto ed hai la password, accedi da qui

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Non è facile trovare un buon educatore!
Appartengo ad una generazione che ha dovuto adattarsi alla scarsa offerta dei tempi. Ho avuto un solo tutor, a cui ancora oggi devo molto. Brevi, fugaci ma intensi incontri in cui il sottoscritto, da solo con lui, cercava di prendere nota anche dei respiri e trarre insegnamento da ogni singola parola.
A causa di questa carenza io e i miei coetanei ci siamo dovuti spesso costruire una visione complementare come autori, designers, critici ed insegnanti e questo ci ha aiutato a costruire qualcosa di fondamentale e duraturo.
Per questo motivo con Cine Sud che vanta un’esperienza di oltre 40 anni nel settore della formazione, abbiamo pensato alla possibilità di offrire dei corsi “one to one”, costruiti sulla base delle esigenze individuali e in campi disparati, che vanno dalla tecnica alla ricerca di nuovi linguaggi in fotografia.
Dei corsi molto vicini a quelli che avremmo voluto avere nel passato, se ce ne fosse stata offerta l’opportunità e la parola opportunità non va sottovalutata, perché ha un peso e una sua valenza e non è spesso scontata.
Ognuno sarà libero di scegliere, sulla base dei nostri consigli, un autore o un tecnico, tra quelli offerti come docenti, e intraprendere un corso che gli offra quello di cui realmente ha bisogno e, eventualmente, ripetere questa esperienza in futuro.
Come quando si va da un eccellente sarto a scegliere con cura un vestito, adattandolo perfettamente al corpo, vogliamo fornirvi il corso che meglio si adatta alle vostre, singole e personali esigenze.
Niente nasce dal caso e per poter essere all’altezza di questo compito e potervi fornire un’offerta diversificata e soddisfacente, abbiamo pensato di sottoporvi un questionario tra il serio e lo scherzoso a cui vi preghiamo di rispondere.
Aiutateci a capire le vostre reali esigenze e chi abbiamo difronte, non ve ne pentirete.
Massimo Mastrorillo

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Approfondiamo ! per i più intrepidi
X