fbpx Skip to content

…la fotografia.

di Michelangelo Serra

<<La visione fotografica è pura espressione di un esatto momento, un esatto istante di una percezione assolutamente intima che riapre nel nostro io i più sommersi cassetti della memoria, dove le migliaia di informazioni genetiche di quei ricordi atavici sono tramandati dalle voci, dai suoni e dagli odori che l’uomo ha registrato dentro sé in millenni di evoluzione>>.
<<Appartengo alla terra come infinitesimale parte di sé; in me vi è questa esigenza naturale di ritrovare il legame arcaico con essa, con gli elementi che ne hanno fatto un’eccezione nell’universo conosciuto>>.

Questa citazione, che avete appena letto, non arriva da nessun romanzo ma semplicemente dalla mia personale esperienza di vita che si è legata in modo indivisibile alla mia fotografia o meglio al mio genere fotografico: “la fotografia in natura”. Non parlo da naturalista, non lo sono; pian piano ho fatto un discernimento di genere eliminando dalla mia ricerca espressiva e personale le immagini di valore documentativo, se non strettamente legate ad incarichi professionali. Più semplicemente, ho deciso di investire sulla particolare ricerca degli elementi più cari a noi fotografi, cioè “il giusto soggetto, sotto la giusta luce” che, per quanto banale possa sembrare, in ambienti naturali non sempre è così ovvio o scontato.

 Nella mia carriera fotografica, come spesso accade agli inizi, ho sperimentato diversi settori passando dal ritratto sociale, ai nudi, al matrimonio, alla fotografia sportiva e editoriale divulgativa; ma alla fine mi sono concentrato sulla fotografia in natura, sarà stato forse l’imprinting ricevuto già in tenera età verso due ben precisi elementi: la vita a contatto con la natura e la fotografia.

La definizione di fotografia naturalistica è una cosa molto generica, mentre fotografare in natura, per quanto simile e i confini spesso si aggrovigliano tra loro, non ha assolutamente lo stesso valore. Dopo un paio di decenni di esperienza sono arrivato a questo genere di concetto ben chiaro di fotografia.

“Resilienza”, la fotografia di apertura della mia mostra “Respiro”, è una raccolta fotografica nata dagli scatti ottenuti in momenti ambientali molto particolari, al limite del rischio. 

Cerco il momento unico e irripetibile. Per fare questa fotografia ho rischiato che le saette di Zeus mi facessero saltare in piedi dalla postazione, che avevo sistemato, in prossimità degli argini della zona paludosa dell’oasi,  per fotografare degli aironi.

 La scena qui rappresentata credo sia davvero unica e irripetibile. Fotografare in queste condizioni è oggettivamente al limite della sicurezza; ho cercato continuamente questa situazione a prescindere dal soggetto. 

Cercavo “la non luce, il colore e il monocromatismo e poi uno spot, insomma un bel caos, ma nella mia testa c’era, dovevo solo scovarla”. L’ho inseguita per anni in questo luogo, non riuscivamo ad incontraci, arrivavo o un attimo dopo o nel momento non perfetto. 

Ho iniziato a sperimentare orari impossibili e lontani per questo genere. Alzatacce alla 02:00 di notte per essere appostato in quello che credevo fosse il posto giusto per fotografare i miei soggetti praticamente nella totale oscurità; spesso al freddo umido che impregnava ogni parte di me e metteva a dura prova anche le attrezzature più tropicalizzate.

Credo che io non possa svelarvi nessun segreto perché semplicemente non ce ne sono. 
Ma posso dire che in ogni fotografo che ha voglia di crescere ci sarà prima o poi il momento magico, che non sarà nella singola fotografia con cui inizierà a raccontare se stesso e il mondo che lo circonda, ma nella nuova consapevolezza di un modo di diverso di percepire spazio luci e ombre, un connubio che sarà la fusione totale di quello che siamo nel nostro vissuto con la tecnica acquisita, lo studio e la tenacia nello sperimentare e spingersi oltre.

C’è stato un momento in cui ho pensato: una “Macchina del tempo”; questa mi servirebbe forse per rivivere le emozioni di quei momenti, che sono andati in uno di quei cassetti della memoria e lasciati lì fin quando non è capitato quell’istante, quel preciso momento in cui tutto ritorna in modo misterioso.

Ed ecco qua la mia storia impressa, scritta tramite la luce, a raccontare quella sensazione per donarla a chi la guarda, a chi cerca forse di cogliere il motivo e il perché è stato quel paesaggio o quel soggetto ad attrarmi.

Spesso neanche io so perché la mia macchina del tempo mi porta là; ma è così, vivo con essa da troppo tempo per non ascoltarla, ogni volta il suo salto temporale è emozionante, vivo e sento scorrere una energia unica in essa.
 
Non devo dirti nulla di più se non che ogni fotografia è parte di quello che sono.

Vi lascio con questa danza di una garzetta; è stata la mia prima fotografia in natura, non sarà tecnicamente perfetta, non composta come dovrebbe esserlo ma leggo in questo scatto immaturo il mio passato, nello spazio dietro il battito d’ali nella sua danza il centro di una visione inconsapevole e nel poco spazio anteriore il futuro che cercavo in “Resilienza…”

Buona luce ad ognuno di voi.
Michelangelo

Altri articoli di questo autore

Condividi

Vuoi accedere agli eventi riservati?

Abbonati a soli 15€ per 365 giorni e ottieni più di ciò che immagini!

Se invece sei già iscritto ed hai la password, accedi da qui

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Non è facile trovare un buon educatore!
Appartengo ad una generazione che ha dovuto adattarsi alla scarsa offerta dei tempi. Ho avuto un solo tutor, a cui ancora oggi devo molto. Brevi, fugaci ma intensi incontri in cui il sottoscritto, da solo con lui, cercava di prendere nota anche dei respiri e trarre insegnamento da ogni singola parola.
A causa di questa carenza io e i miei coetanei ci siamo dovuti spesso costruire una visione complementare come autori, designers, critici ed insegnanti e questo ci ha aiutato a costruire qualcosa di fondamentale e duraturo.
Per questo motivo con Cine Sud che vanta un’esperienza di oltre 40 anni nel settore della formazione, abbiamo pensato alla possibilità di offrire dei corsi “one to one”, costruiti sulla base delle esigenze individuali e in campi disparati, che vanno dalla tecnica alla ricerca di nuovi linguaggi in fotografia.
Dei corsi molto vicini a quelli che avremmo voluto avere nel passato, se ce ne fosse stata offerta l’opportunità e la parola opportunità non va sottovalutata, perché ha un peso e una sua valenza e non è spesso scontata.
Ognuno sarà libero di scegliere, sulla base dei nostri consigli, un autore o un tecnico, tra quelli offerti come docenti, e intraprendere un corso che gli offra quello di cui realmente ha bisogno e, eventualmente, ripetere questa esperienza in futuro.
Come quando si va da un eccellente sarto a scegliere con cura un vestito, adattandolo perfettamente al corpo, vogliamo fornirvi il corso che meglio si adatta alle vostre, singole e personali esigenze.
Niente nasce dal caso e per poter essere all’altezza di questo compito e potervi fornire un’offerta diversificata e soddisfacente, abbiamo pensato di sottoporvi un questionario tra il serio e lo scherzoso a cui vi preghiamo di rispondere.
Aiutateci a capire le vostre reali esigenze e chi abbiamo difronte, non ve ne pentirete.
Massimo Mastrorillo

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Approfondiamo ! per i più intrepidi
X