fbpx Skip to content

…la fotografia.

di Oreste Montebello

Mannequin

I miei ricordi fotografici nascono in ambito familiare.

Per casa giravano una Nizo FA3 super8, una pesantissima Zenith Krasnogorsk K3 16mm e una macchina fotografica per me ancora punto di riferimento assoluto: la Nikon S3 35mm Rangefinder a telemetro.

Mannequin

Con questa piccola, per me preziosissima, macchina fotografica ho scattato le prime fotografie sotto l’attentissima guida di mio padre.

Ricordo esattamente dove me l’affidò fra mille raccomandazioni. Eravamo al matrimonio di mio zio a St. Moritz, in Svizzera e per il gran freddo, il ragioniere, così lo chiamavamo, non riusciva a scattare ed allora a nove anni scattai le prime foto, sulla neve dove i bianchi splendevano più che mai e le persone non volevano stare all’interno di quel piccolo schermo.

Mi ritrovai a girare più volte la leva di caricamento cercando di mettere sempre dietro le mie spalle il sole come mi aveva consigliato mio padre. Solo dopo tanti anni compresi come mai tutte quelle figure che non volevano entrare dentro il mirino erano perfettamente a fuoco e mi si aprì il mondo antico e sempre attuale della messa a fuoco in iperfocale. Grazie a quel ricordo, grazie a quella piccola macchina che ancora tengo gelosamente custodita, oggi, anche con le più nuove digitali, la mia fotografia si basa su quella tecnica ed anche forse il cardine del mio modo di fare fotografia.

Mannequin

Questo lavoro oggi è attraversato da tecniche ed attrezzature formidabili, da software per la gestione della postproduzione che fanno miracoli anche quando hai quasi sbagliato lo scatto ma credo che il rapporto intimo che si acquisisce con la conoscenza delle tecniche native della fotografia possa oggi fare la differenza.

Con queste poche nozioni ho iniziato a vivere di fotografia, non ho potuto fare scuole ne seguire corsi anche se ne avrei avuto la possibilità frequentando i migliori fotoreporter della scena romana e non solo. Sono un operaio della fotografia. Mi testo con la luce e con le persone cercando di mettere a frutto i primi consigli paterni e quelli di tanti amici con cui ho avuto il privilegio di lavorare.

Le cose che più mi interessano sono il tempo, il diaframma e il sentimento che mi danno le persone che incontro durante il mio lavoro.

Altri articoli di questo autore

Condividi

Vuoi accedere agli eventi riservati?

Abbonati a soli 15€ per 365 giorni e ottieni più di ciò che immagini!

Se invece sei già iscritto ed hai la password, accedi da qui

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Non è facile trovare un buon educatore!
Appartengo ad una generazione che ha dovuto adattarsi alla scarsa offerta dei tempi. Ho avuto un solo tutor, a cui ancora oggi devo molto. Brevi, fugaci ma intensi incontri in cui il sottoscritto, da solo con lui, cercava di prendere nota anche dei respiri e trarre insegnamento da ogni singola parola.
A causa di questa carenza io e i miei coetanei ci siamo dovuti spesso costruire una visione complementare come autori, designers, critici ed insegnanti e questo ci ha aiutato a costruire qualcosa di fondamentale e duraturo.
Per questo motivo con Cine Sud che vanta un’esperienza di oltre 40 anni nel settore della formazione, abbiamo pensato alla possibilità di offrire dei corsi “one to one”, costruiti sulla base delle esigenze individuali e in campi disparati, che vanno dalla tecnica alla ricerca di nuovi linguaggi in fotografia.
Dei corsi molto vicini a quelli che avremmo voluto avere nel passato, se ce ne fosse stata offerta l’opportunità e la parola opportunità non va sottovalutata, perché ha un peso e una sua valenza e non è spesso scontata.
Ognuno sarà libero di scegliere, sulla base dei nostri consigli, un autore o un tecnico, tra quelli offerti come docenti, e intraprendere un corso che gli offra quello di cui realmente ha bisogno e, eventualmente, ripetere questa esperienza in futuro.
Come quando si va da un eccellente sarto a scegliere con cura un vestito, adattandolo perfettamente al corpo, vogliamo fornirvi il corso che meglio si adatta alle vostre, singole e personali esigenze.
Niente nasce dal caso e per poter essere all’altezza di questo compito e potervi fornire un’offerta diversificata e soddisfacente, abbiamo pensato di sottoporvi un questionario tra il serio e lo scherzoso a cui vi preghiamo di rispondere.
Aiutateci a capire le vostre reali esigenze e chi abbiamo difronte, non ve ne pentirete.
Massimo Mastrorillo

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Approfondiamo ! per i più intrepidi
X