fbpx Skip to content

…la fotografia.

di Filippo Gabriele

Bisogna creare dei contenuti che abbiano una qualità altissima e un forte impatto visivo, proprio al fine di colpire allo stomaco l’osservatore, dato che ormai una fotografia la può scattare chiunque.

La fotografia è sempre stata attorno a me, solo che ho impiegato anni per capire quanto amassi il mondo delle immagini. Fin da bambino, come tutti, sono sempre stato bombardato di foto ed ho vissuto l’epoca di transizione dall’analogico al digitale, con l’annullamento del significato di fotografia, per come la si intendeva fino a quel momento, e l’entrata in gioco della fotografia di massa e ossessiva. Ormai la produzione di immagini era alla portata di tutti, le fotocamere compatte erano molto usate e le fotografie erano sempre più piatte. Certamente i nostri ricordi potevano essere meglio impressi e più facilmente salvati su vari formati di memoria, ma questa libertà di scattare migliaia di foto, in realtà, ci poneva di fronte alla dura realtà di avere a disposizione un’infinità di immagini ma quasi nessuna di essere con un reale significato.

Fino all’età di 22/23 anni la mia vena artistica ha trovato sbocco nella musica, nella chitarra nello specifico, poi una passione per la pittura e scultura hanno fatto capolino per breve tempo, ma ahimè non ero così bravo come speravo. 

Piano piano, duranti gli anni di studio presso la facoltà di ingegneria meccanica, mi sentivo come inanimato: mi mancava la possibilità di esprimermi e, anche se continuavo a suonare, non mi bastava. Non volevo solo farmi sentire, ma anche vedere. Ho iniziato a leggere libri di fotografia, appassionarmi alle mostre di grandi fotografi e un giorno ho chiesto a mio fratello, che aveva ben prima di me la passione per tale arte, di prestarmi la sua mirrorless, una Sony a3000.

Fin dal primo giorno in cui ho preso in mano questa piccola macchina fotografica ho sentito nascere dentro di me qualcosa: avevo finalmente trovato un mezzo che permetteva di esprimere la mia visione del mondo. Di questo parliamo: la fotografia per me significa imprimere una propria verità su un sensore di qualsiasi formato. Durante il primo periodi avevo la fissazione di far vedere quanto fosse bella la mia terra, la Calabria, e fotografavo soprattutto i suoi paesaggi.

In seguito ho iniziato a guardare una miriade di tutorial, a leggere libri e ad entrare in contatto con gente che di fotografia ne capisce e ne fa, molto più di me. 

Devo confessare che la fotografia è arrivata in un momento molto delicato per me, uno di quei momenti della vita in cui ti senti sopraffatto da tutto e cerchi solamente qualcuno che ti tenda una mano per uscire dal limbo in cui ti trovi. Ebbene quella mano me l’ha tesa e non potrei mai ringraziarla abbastanza. 

Questo è il mio rapporto con quest’arte visiva, spesso sottovalutata. Ma quanto vale un’immagine ben fatta e costruita? L’infinito. Quante volte ci emozioniamo con foto che ritraggono vicende spiacevoli e non. La potenza della foto arriva dritta allo stomaco, come un pugno, al giorno d’oggi non credo esista una forma d’espressione più diretta. Per quanto adori i libri e la musica, per me una foto è la cosa più immediata e diretta che esista. Ovviamente parlo di immagini che hanno qualcosa da dire. 

Sono fermamente convinto che viviamo ormai in un mondo dove l’infinità di contenuti visivi prodotti, ci ha riportati a uno stadio zero della fotografia. Oggi non conta tanto il mezzo usato, quanto tutta la potenza espressiva dell’immagine scattata. Quindi bisogna creare dei contenuti che abbiano una qualità altissima e un forte impatto visivo, proprio al fine di colpire allo stomaco l’osservatore, dato che ormai una fotografia la può scattare chiunque.

Spero vivamente che ciò possa aiutare a riportare un po’ più di umanità in un mondo che tende ad essere sempre più freddo ed asettico.

Altri articoli di questo autore

Condividi

Vuoi accedere agli eventi riservati?

Abbonati a soli 15€ per 365 giorni e ottieni più di ciò che immagini!

Se invece sei già iscritto ed hai la password, accedi da qui

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Non è facile trovare un buon educatore!
Appartengo ad una generazione che ha dovuto adattarsi alla scarsa offerta dei tempi. Ho avuto un solo tutor, a cui ancora oggi devo molto. Brevi, fugaci ma intensi incontri in cui il sottoscritto, da solo con lui, cercava di prendere nota anche dei respiri e trarre insegnamento da ogni singola parola.
A causa di questa carenza io e i miei coetanei ci siamo dovuti spesso costruire una visione complementare come autori, designers, critici ed insegnanti e questo ci ha aiutato a costruire qualcosa di fondamentale e duraturo.
Per questo motivo con Cine Sud che vanta un’esperienza di oltre 40 anni nel settore della formazione, abbiamo pensato alla possibilità di offrire dei corsi “one to one”, costruiti sulla base delle esigenze individuali e in campi disparati, che vanno dalla tecnica alla ricerca di nuovi linguaggi in fotografia.
Dei corsi molto vicini a quelli che avremmo voluto avere nel passato, se ce ne fosse stata offerta l’opportunità e la parola opportunità non va sottovalutata, perché ha un peso e una sua valenza e non è spesso scontata.
Ognuno sarà libero di scegliere, sulla base dei nostri consigli, un autore o un tecnico, tra quelli offerti come docenti, e intraprendere un corso che gli offra quello di cui realmente ha bisogno e, eventualmente, ripetere questa esperienza in futuro.
Come quando si va da un eccellente sarto a scegliere con cura un vestito, adattandolo perfettamente al corpo, vogliamo fornirvi il corso che meglio si adatta alle vostre, singole e personali esigenze.
Niente nasce dal caso e per poter essere all’altezza di questo compito e potervi fornire un’offerta diversificata e soddisfacente, abbiamo pensato di sottoporvi un questionario tra il serio e lo scherzoso a cui vi preghiamo di rispondere.
Aiutateci a capire le vostre reali esigenze e chi abbiamo difronte, non ve ne pentirete.
Massimo Mastrorillo

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Approfondiamo ! per i più intrepidi
X