fbpx Skip to content

…la fotografia.

di Alessandro Coccimiglio

Fotografare con la scatola

Strani soggetti si aggirano per le strade con in mano scatole di varia fattura, hanno un’aria un pò fuori dal tempo e forse anche dal mondo.
Sono i fotografi, che come me, dopo anni passati a rincorrere gli ultimi ritrovati tecnologici e a cercare la perfezione nell’immagini digitale, si sono resi conto che ciò che cercavano era altro, tempi più lenti e dilatati che lasciano riflettere e stabilire un contatto con il territorio o il soggetto, che culmina poi in uno scatto che ne distilla l’essenza o almeno si spera…

Il mezzo è la fotografia stenopeica (pinhole per gli anglofoni), la forma più essenziale e primitiva di fotografia, un richiamo diretto alla “scatola obscura“, una scatola, solitamente in legno, ma non per forza, un foro ed una pellicola fotografica STOP!
Inizialmente si è disorientati, improvvisamente ci si ritrova un mezzo fotografico in cui gli ISO (ma dovrei dire ASA), focale e diaframma sono fissi.

Tutto ciò che è davanti alla macchina è a fuoco, niente messa a fuoco! Che comodita!

L’uso però rivela sin da subito lo spirito della fotografia stenopeica, la mente si libera lasciando spazio allo scatto, niente fronzoli, preoccupazioni, solo inquadratura ed una veloce misurazione esposimetrica che deve restituire tempi di posa in multipli di secondi, si perchè essendo l’otturatore manuale solo i tempi misurabili in secondi sono sfruttabili, quindi le lunghe esposizioni sono praticamente una costante oltre che preziose alleate.
La dilatazione del tempo diventa cosi un’amica che aiuta a ragionare e fa da compagna allo sguardo lento, capita infatti di uscire e tornare a casa con 2 o 3 scatti, a volte nessuno, ma con un profondo senso di soddisfazione.
Sparisce la smania di osservare lo scatto nel display, tipico dell’era digitale e compare una strana sensazione, che ho difficolta ha descrivere, da un lato la mente che immagina il possibile risultato, elaborando tutte le variabili di scatto, dall’altro il soggetto che mi tiene compagnia fino allo sviluppo del negativo in camera oscura.
La dimensione immaginaria assume quindi un grande valore nella progettualità stenopeica essendo i risultati sempre lontani dalla realtà. Distorsioni, angolazioni estreme e formati inconsueti sono peculiarità di cui si prende rapidamente coscienza e si sfruttano a proprio vantaggio moltiplicando le possibilità espressive.

Si va dai formati classici 35mm o 6x6cm ai panoramici 6x9cm a iperpanoramici 9x24cm ed ancora i multifori disposti nei modi più disparati. I risultati sono affascinanti e spesso stravaganti ma se adoperati in funzione dell’idea progettuale sono un’arma potentissima.
Uno degli esempi più belli che io conosca di fotografia stenopeica funzionale al risultato è il lavoro di Valentino Guido “LUDIBRIUM“, diseconomia del sud, dove per raccontare l’immobilismo di alcuni ambienti sono stati utilizzati tempi di posa medi di 200 giorni.
Si avete letto bene 200 giorni, Valentino si presentò da me con un progetto che faticai inizialmente a capire, ma quando tra un bicchiere di rum e un buon sigaro mi spiegò e mi rese partecipe ne capii finalmente il senso profondo, fotografare un luogo per 200 giorni per testimoniarne l’immobilismo.

Tra le mie opere che più mi hanno rapito, tengo molto ad un lavoro su Cosenza dove, tra il serio ed il faceto, ho riportato alcuni personaggi illustri del passato in giro per la città Brutia, Mi sono ispirato al dialogo fra me ed un amico “….mi sarebbe piaciuto vedere Cosenza secoli addietro, lo splendore della mura ed i suoi abitanti all’opera….
….chissà cosa direbbero oggi i grandi del passato della città odierna…”

Quindi armato di figurini in scala, macchina pinhole ed un pò di giochi di prospettiva ho riportato Napoleone e Re Alarico per le vie della Città

Spero di aver suscitato quantomeno curiosità in molti e magari voglia di cimentarsi nella fotografia stenopeica.

Sto lavorando ad altri articoli in cui parlerò di costruzione di pinhole e della loro connessione funzionale con il progetto, parlerò anche po’ di tecnica ma sempre in leggerezza.

Altri articoli di questo autore

Condividi

Vuoi accedere agli eventi riservati?

Abbonati a soli 15€ per 365 giorni e ottieni più di ciò che immagini!

Se invece sei già iscritto ed hai la password, accedi da qui

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Non è facile trovare un buon educatore!
Appartengo ad una generazione che ha dovuto adattarsi alla scarsa offerta dei tempi. Ho avuto un solo tutor, a cui ancora oggi devo molto. Brevi, fugaci ma intensi incontri in cui il sottoscritto, da solo con lui, cercava di prendere nota anche dei respiri e trarre insegnamento da ogni singola parola.
A causa di questa carenza io e i miei coetanei ci siamo dovuti spesso costruire una visione complementare come autori, designers, critici ed insegnanti e questo ci ha aiutato a costruire qualcosa di fondamentale e duraturo.
Per questo motivo con Cine Sud che vanta un’esperienza di oltre 40 anni nel settore della formazione, abbiamo pensato alla possibilità di offrire dei corsi “one to one”, costruiti sulla base delle esigenze individuali e in campi disparati, che vanno dalla tecnica alla ricerca di nuovi linguaggi in fotografia.
Dei corsi molto vicini a quelli che avremmo voluto avere nel passato, se ce ne fosse stata offerta l’opportunità e la parola opportunità non va sottovalutata, perché ha un peso e una sua valenza e non è spesso scontata.
Ognuno sarà libero di scegliere, sulla base dei nostri consigli, un autore o un tecnico, tra quelli offerti come docenti, e intraprendere un corso che gli offra quello di cui realmente ha bisogno e, eventualmente, ripetere questa esperienza in futuro.
Come quando si va da un eccellente sarto a scegliere con cura un vestito, adattandolo perfettamente al corpo, vogliamo fornirvi il corso che meglio si adatta alle vostre, singole e personali esigenze.
Niente nasce dal caso e per poter essere all’altezza di questo compito e potervi fornire un’offerta diversificata e soddisfacente, abbiamo pensato di sottoporvi un questionario tra il serio e lo scherzoso a cui vi preghiamo di rispondere.
Aiutateci a capire le vostre reali esigenze e chi abbiamo difronte, non ve ne pentirete.
Massimo Mastrorillo

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Approfondiamo ! per i più intrepidi
X