fbpx Skip to content

Il libro sul comodino: “Lago” di Ron Jude

di Emanuele Mei

LAGO ©Ron Jude

Cosa sia un libro lo sappiamo lo tutti. Ma se faccio questa domanda a cento persone è probabile che ottenga 100 risposte diverse. Per alcuni può essere un passatempo, una distrazione, un’evasione. Un libro può essere emozionante e può conciliare i capricci della memoria. Il libro è un pensiero astratto a cui solo il lettore puoi dare la forma. Nel libro “Lago” di Ron Jude i ricordi sono descritti e non strutturati. E’ un’osservazione pura che coinvolge momenti pre-cognitivi dell’autore. Questo libro è stato realizzato nel deserto della California del Sud tra l’Imperial Valley e l’Apple Valley, principalmente a Salton Sea Lake tra il 2011 e il 2014. In esso si ritrovano il calore dell’infanzia passata a nuotare nel lago, si percepisce l’odore dell’aria secca del deserto. Le figure contenute all’interno descrivono i ricordi primitivi dei luoghi dove l’autore ha vissuto da bambino. Le immagini sembrano apparentemente sconnesse, in esse non c’è la conoscenza del luogo, ma l’essenza dello stesso. Manca la classica trama che costruisce un racconto. In “Lago” si sviluppa un dialogo tra la terra e l’autore, che si forma in un luogo sospeso creato dall’immaginazione e si espande attraverso le sensazioni.  Sfogliando “Lago” vengo catapultato nel deserto, in un luogo fatiscente. Sento il vento soffiare, il suo rumore spazza via i pensieri allo stato embrionale. La polvere si alza e i granelli formano spiagge a lisca di pesce nei pressi dell’acqua. Il rombo dei motori fuoribordo mi costringe in un loop emotivo. Il cielo è senza nuvole, il bagliore della luce è accecante e il calore mi soffoca, il respiro è affannato. Alcune pagine stropicciate di giornali sono portate dal vento senza destinazione alcuna, montagne di spazzatura e di plastica sono ammucchiate contro recinti arrugginiti. Vengo assalito dalla nostalgia, sono schiacciato da un senso di perdita. I contorni del mondo non sono più definiti e tutto è annebbiato. Le strutture sono in decomposizione, dettagli isolati mi compaiono innanzi senza darmi punti di riferimento precisi, per poi sparire improvvisamente. Cammino nel deserto, mi trascino in un mondo a metà strada tra ciò che esiste e ciò che stato. Chiudo gli occhi e ascolto il suono dell’immensità.

LAGO ©Ron Jude
LAGO ©Ron Jude

La narrazione non è lineare, l’atmosfera del libro è tesa e la sensazione è di sospensione. I luoghi esistono senza un motivo e gli oggetti esistono senza i luoghi. “Lago” è la descrizione di uno stato d’animo ricercato attraverso il mondo. E’ l’indagine su se stessi in un posto che esiste ed è in continua evoluzione. Il deserto rappresenta l’essenziale, qui resiste solo ciò che ha davvero valore, qui i vivi lo sono per davvero. In questi luoghi i sensi si affinano attraverso la privazione che l’ambiente impone e diventano capaci di cogliere l’essenziale, che è invisibile agli occhi, e la forma originale delle cose. Nel deserto si ascolta la propria voce senza il rischio di confonderla con qualcos’altro. Qui l’anima è autentica e obbedisce alla saggezza del cuore. Il “Lago” non è un luogo reale, l’estetica del libro è iconica, il calore è rivelato dal bagliore delle immagini e dalla palpabilità della luce. Le coordinate sono date dalle anomalie presenti nelle fotografie, e non dai dettagli.  La presenza umana si percepisce attraverso le tracce sparse lungo la narrazione. Il vuoto diventa lo spazio del possibile. Tutta la sequenza è una ripetizione piatta di oggetti insignificanti come i barattoli, la cui funzione è fondamentale per la comprensione della narrazione. Nel libro sono presenti  54 immagini stampate con la tecnica litografica, la copertina è rigida realizzata con il lino mentre la rilegatura è cucita. L’oggetto è molto bello, il feeling al tatto è quello che si ha con le cose di valore.  Il design di Grégoire Pujade-Lauraine è minimalista e azzeccato. Lago è un viaggio dentro se stessi, un percorso dentro le immagini la cui rivelazione è un atto di scoperta.

LAGO ©Ron Jude

La prima edizione del libro è stata stampata nel 2015 dall’editore MackBooks di Londra presso Optimal Media.

www.ronjude.com

 

Scopri i libri di Ron Jude disponibili nella sezione editoria di CineSud.it:

12 Hz – Ron Jude

Nausea – Ron Jude

Altri articoli di questo autore

Condividi

Vuoi accedere agli eventi riservati?

Abbonati a soli 15€ per 365 giorni e ottieni più di ciò che immagini!

Se invece sei già iscritto ed hai la password, accedi da qui

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Non è facile trovare un buon educatore!
Appartengo ad una generazione che ha dovuto adattarsi alla scarsa offerta dei tempi. Ho avuto un solo tutor, a cui ancora oggi devo molto. Brevi, fugaci ma intensi incontri in cui il sottoscritto, da solo con lui, cercava di prendere nota anche dei respiri e trarre insegnamento da ogni singola parola.
A causa di questa carenza io e i miei coetanei ci siamo dovuti spesso costruire una visione complementare come autori, designers, critici ed insegnanti e questo ci ha aiutato a costruire qualcosa di fondamentale e duraturo.
Per questo motivo con Cine Sud che vanta un’esperienza di oltre 40 anni nel settore della formazione, abbiamo pensato alla possibilità di offrire dei corsi “one to one”, costruiti sulla base delle esigenze individuali e in campi disparati, che vanno dalla tecnica alla ricerca di nuovi linguaggi in fotografia.
Dei corsi molto vicini a quelli che avremmo voluto avere nel passato, se ce ne fosse stata offerta l’opportunità e la parola opportunità non va sottovalutata, perché ha un peso e una sua valenza e non è spesso scontata.
Ognuno sarà libero di scegliere, sulla base dei nostri consigli, un autore o un tecnico, tra quelli offerti come docenti, e intraprendere un corso che gli offra quello di cui realmente ha bisogno e, eventualmente, ripetere questa esperienza in futuro.
Come quando si va da un eccellente sarto a scegliere con cura un vestito, adattandolo perfettamente al corpo, vogliamo fornirvi il corso che meglio si adatta alle vostre, singole e personali esigenze.
Niente nasce dal caso e per poter essere all’altezza di questo compito e potervi fornire un’offerta diversificata e soddisfacente, abbiamo pensato di sottoporvi un questionario tra il serio e lo scherzoso a cui vi preghiamo di rispondere.
Aiutateci a capire le vostre reali esigenze e chi abbiamo difronte, non ve ne pentirete.
Massimo Mastrorillo

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Approfondiamo ! per i più intrepidi
X