fbpx Skip to content

Il castello incantato di Alberta Zallone

di Pio Tarantini

Discorso complesso quello che intreccia Alberta Zallone ‒ ricercatrice scientifica con la passione per la fotografia ‒ nel suo recente lavoro También se muere el mar, in mostra presso la galleria Museo Nuova Era di Bari: si trovano in esso il tema della memoria e quello dell’incanto, la riflessione sul tempo e sulla Storia, l’interrogarsi sul suo stesso ruolo di visitatrice-fotografa. L’oggetto della documentazione fotografica è il vecchio castello abbandonato di La Salle, in Borgogna, una regione al centro della Francia e a Sud-Est della regione parigina: un castello che già di per sé è un falso storico perché costruito nell’Ottocento in stile neogotico; varie vicende del dopoguerra lo hanno portato a essere completamente abbandonato e spogliato di tutti gli arredi.

Alberta si è aggirata in questi spazi carichi di suggestioni cercando di immaginarne le storie e i segreti: dalle grandi stanze dove una volta pulsavano le vite di abitanti privilegiati ai misteriosi sotterranei carichi di antichi richiami di sapore medievale.

Le sue fotografie si alternano, stilisticamente, tra quelle con un impianto descrittivo ‒ in particolare per gli esterni, limpidamente illuminati da una luce che esalta la bellezza del sito ‒ e quelle dove prevale il dettaglio, l’atmosfera e dove la luce, al contrario, trattandosi di interni, è chiaroscurale, misteriosa come gli ambienti fotografati. Ed è in questi ambienti che si rivela maggiormente l’ansia interrogativa della fotografa che non lesina a volte in queste inquadrature così cariche di mistero a metter in scena sé stessa. Si tratta forse della ricerca di una presenza umana che si avverte in queste sale dove, pur prevalendo il vuoto della avvenuta spoliazione, ci si imbatte sempre in qualche traccia di vita vissuta: i resti di una biblioteca, alcune poltrone, qualche altro scarno residuo di arredamento, decorazioni sui muri. Ecco allora che appare la figura, tendenzialmente mossa o sfocata, della fotografa che pare sforzarsi, con un estremo gesto di volontà, di rianimare quei luoghi, pur essendo perfettamente cosciente dell’impossibilità del risultato se non su un piano che si potrebbe definire quasi di autocoscienza, psicoanalitico.

Scrive al proposito Alberta: «[…] il percorso diviene un inquietante progressivo incedere nel vuoto. La casa cessa di essere rifugio per divenire il luogo dello sperdimento, rischioso labirinto. Le foto che seguono intendono testimoniare questa speranza e sperdimento. […] Qui tutto comincia quando la storia è già finita, conclusa. La si può solo immaginare e così sperdersi dentro fino all’annullamento, perché il senso delle esistenze che l’hanno abitato, se pure l’hanno avuto, è per sempre perduto». In fin dei conti siamo pur sempre nella patria di Proust.

Alberta Zallone
También se muere el mar – (Muore anche il mare)
Galleria Museo Nuova Era, Strada dei Gesuiti, 14, Bari
In mostra dal 14 maggio al 5 giugno; dalle 17 alle 20; chiuso domenica, lunedì e festivi.
Catalogo: pagine 40, formato cm 23×29, disponibile in galleria.

Altri articoli di questo autore

Condividi

Vuoi accedere agli eventi riservati?

Abbonati a soli 15€ per 365 giorni e ottieni più di ciò che immagini!

Se invece sei già iscritto ed hai la password, accedi da qui

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Non è facile trovare un buon educatore!
Appartengo ad una generazione che ha dovuto adattarsi alla scarsa offerta dei tempi. Ho avuto un solo tutor, a cui ancora oggi devo molto. Brevi, fugaci ma intensi incontri in cui il sottoscritto, da solo con lui, cercava di prendere nota anche dei respiri e trarre insegnamento da ogni singola parola.
A causa di questa carenza io e i miei coetanei ci siamo dovuti spesso costruire una visione complementare come autori, designers, critici ed insegnanti e questo ci ha aiutato a costruire qualcosa di fondamentale e duraturo.
Per questo motivo con Cine Sud che vanta un’esperienza di oltre 40 anni nel settore della formazione, abbiamo pensato alla possibilità di offrire dei corsi “one to one”, costruiti sulla base delle esigenze individuali e in campi disparati, che vanno dalla tecnica alla ricerca di nuovi linguaggi in fotografia.
Dei corsi molto vicini a quelli che avremmo voluto avere nel passato, se ce ne fosse stata offerta l’opportunità e la parola opportunità non va sottovalutata, perché ha un peso e una sua valenza e non è spesso scontata.
Ognuno sarà libero di scegliere, sulla base dei nostri consigli, un autore o un tecnico, tra quelli offerti come docenti, e intraprendere un corso che gli offra quello di cui realmente ha bisogno e, eventualmente, ripetere questa esperienza in futuro.
Come quando si va da un eccellente sarto a scegliere con cura un vestito, adattandolo perfettamente al corpo, vogliamo fornirvi il corso che meglio si adatta alle vostre, singole e personali esigenze.
Niente nasce dal caso e per poter essere all’altezza di questo compito e potervi fornire un’offerta diversificata e soddisfacente, abbiamo pensato di sottoporvi un questionario tra il serio e lo scherzoso a cui vi preghiamo di rispondere.
Aiutateci a capire le vostre reali esigenze e chi abbiamo difronte, non ve ne pentirete.
Massimo Mastrorillo

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Approfondiamo ! per i più intrepidi
X