fbpx Skip to content

I fantasmi, il buio, la luce secondo Adam Fuss

di Paolo Ranzani

Oggi si parla di ADAM FUSS. Fotografo artista che ha ridato vita al dagherrotipo. Nasce nel 1961, suo padre produceva cappotti da donna e sua madre era una modella, vive la sua adolescenza tra l’Australia e la cam­pa­gna inglese dove tut­tora abita sua madre nel West Sus­sex a due passi dalla casa dove visse Wil­liam Blake, il poeta roman­tico e visiona­rio che molto lo ha influen­zato, para­diso rurale per gli arti­sti del tempo, ancora pre­ser­vato, Adam pos­siede una grande col­le­zione di dagher­ro­tipi di dif­fe­renti sog­getti, nella sua evo­lu­zione tecnico-artistica è riu­scito a rea­liz­zare il più grande dagher­ro­tipo di tutti i tempi. Il suo lavoro è espo­sto in molti musei nazio­nali ed inter­na­zio­nali e le sue mostre sono stret­ta­mente con­nesse al suo sen­tire, tra le più celebri, “My Ghost (2000–2009) “ una serie di grandi imma­gini di fumo, poe­sie appena leg­gi­bili, uccelli in volo, far­falle, e vesti­tini da bat­te­simo colti nella loro trama tra­spa­rente su cui a volte s’intreccia l’ombra di alcuni ser­pen­telli d’acqua, e la pro­pria sagoma/ombra.

A que­sta serie segue “For Alle­gra”, sensazioni fotografiche nate proprio da per­duto amore, a cui dedica impal­pa­bili ele­gan­tis­sime code di pavone.
Fuss ha abbracciato una gamma di tecniche fotografiche storiche e contemporanee per catturare una vasta gamma di soggetti carichi di emozioni. I critici d’arte spesso descrivono il lavoro dell’artista come se parlasse dell’effimero di un momento nel tempo e della vita stessa. Le immagini di Fuss hanno raffigurato bambini, gocce d’acqua, abiti da battesimo, luci mobili, serpenti, girasoli, interiora di coniglio e teschi umani. Forse le immagini più note di Fuss sono quelle dei bambini sulla schiena in bagni d’acqua poco profondi con increspature e goccioline d’acqua. Le sue immagini più recenti hanno incluso onde concentriche originate da una singola goccia d’acqua, crisalidi di farfalle, scie di polvere fatte da serpenti vivi e immagini autobiografiche dell’infanzia.

Pubblicazioni:
Adam Fuss, Thomas Kellein, David Galloway (2003). Adam Fuss. New York: Distributed Art Publishers. ISBN 1-891024-76-0
Adam Fuss, Jerry Kelly (2002). My Ghost. Twin Palms Publishers. ISBN 0-944092-73-X
Eugenia Parry, Adam Fuss (1997). Adam Fuss. Santa Fe, NM: Arena Editions. ISBN 0-9657280-1-3
Fuss, Adam (1996). “Pinhole Photographs: Photographs”. Washington: Smithsonian Institution Press. ISBN 1-56098-622-0

Altre info: (intervista in lingua inglese)

https://museemagazine.com/features/35238

Altri articoli di questo autore

Condividi

Vuoi accedere agli eventi riservati?

Abbonati a soli 15€ per 365 giorni e ottieni più di ciò che immagini!

Se invece sei già iscritto ed hai la password, accedi da qui

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Non è facile trovare un buon educatore!
Appartengo ad una generazione che ha dovuto adattarsi alla scarsa offerta dei tempi. Ho avuto un solo tutor, a cui ancora oggi devo molto. Brevi, fugaci ma intensi incontri in cui il sottoscritto, da solo con lui, cercava di prendere nota anche dei respiri e trarre insegnamento da ogni singola parola.
A causa di questa carenza io e i miei coetanei ci siamo dovuti spesso costruire una visione complementare come autori, designers, critici ed insegnanti e questo ci ha aiutato a costruire qualcosa di fondamentale e duraturo.
Per questo motivo con Cine Sud che vanta un’esperienza di oltre 40 anni nel settore della formazione, abbiamo pensato alla possibilità di offrire dei corsi “one to one”, costruiti sulla base delle esigenze individuali e in campi disparati, che vanno dalla tecnica alla ricerca di nuovi linguaggi in fotografia.
Dei corsi molto vicini a quelli che avremmo voluto avere nel passato, se ce ne fosse stata offerta l’opportunità e la parola opportunità non va sottovalutata, perché ha un peso e una sua valenza e non è spesso scontata.
Ognuno sarà libero di scegliere, sulla base dei nostri consigli, un autore o un tecnico, tra quelli offerti come docenti, e intraprendere un corso che gli offra quello di cui realmente ha bisogno e, eventualmente, ripetere questa esperienza in futuro.
Come quando si va da un eccellente sarto a scegliere con cura un vestito, adattandolo perfettamente al corpo, vogliamo fornirvi il corso che meglio si adatta alle vostre, singole e personali esigenze.
Niente nasce dal caso e per poter essere all’altezza di questo compito e potervi fornire un’offerta diversificata e soddisfacente, abbiamo pensato di sottoporvi un questionario tra il serio e lo scherzoso a cui vi preghiamo di rispondere.
Aiutateci a capire le vostre reali esigenze e chi abbiamo difronte, non ve ne pentirete.
Massimo Mastrorillo

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Approfondiamo ! per i più intrepidi
X