fbpx Skip to content

Gaspar-Fèlix Tournachon detto Nadar. Fotografo ritrattista, disegnatore, aeronauta, scrittore, giornalista.

di Paolo Ranzani

Partiamo raccontando una storia collaterale ma che diede un forte impulso alla carriera del fotografo.

In un giorno imprecisato del 1864 la giovane attrice Sarah Bernhardt decise di farsi ritrarre dal fotografo parigino Félix Tournachon, noto, più semplicemente, come Nadar.
Sarah Bernhardt ha vent’anni ed è agli inizi della sua promettente carriera, fa parte della Comèdie-Francaise ed è conosciuta come la “Voix d’or”, al suo attivo ha alcuni ruoli nelle commedie di Racine e Molière anche se, bisogna ammetterlo, l’attrice era nota più per i suoi scandali ed atteggiamenti stravaganti che per le sue doti di interprete teatrale e quando decise di recarsi al numero 35 di Boulevard des Capucines, nello studio di Nadar, il più noto e grande fotografo di Parigi, Sarah si trovava senza un ingaggio e in attesa di un figlio.

Gaspar-Fèlix Tournachon, che cominciò a farsi chiamare Nadar nel 1838, iniziò la sua carriera artistica come critico teatrale, giornalista e caricaturista. Le sue prime fotografie risalgono al 1853: si affinò in quest’arte attraverso i numerosi ritratti che fece agli amici, personaggi celebri della sua epoca, quali Baudelaire, Doré, Rossini, Champfleury, Delacroix, Berlioz.

La sua innata curiosità verso l’umana natura, affinata dalla passata esperienza di caricaturista, lo portò a dei risultati mirabili e sorprendenti nei suoi ritratti fotografici, per l’indubbia capacità dimostrata nel penetrare la personalità celata sotto il velo dell’apparenza. Egli riuscì, in questo modo, ad elevare la fotografia al rango di vera e propria opera d’arte.

La sua fama era nota e riconosciuta quando, nel 1860, inaugurò l’Atelier Nadar in Boulevard des Capucines dove, nella facciata esterna, troneggiava un’insegna rossa illuminata di notte dalle luci al neon: l’avventura commerciale del grande fotografo veniva così ufficialmente sancita.

Torniamo all’attrice Sarah Bernhardt, quel giorno si affidò, dunque, all’oramai affermato Nadar per cercare di promuovere e riaffermare se stessa e la sua celebrità. I critici dell’epoca si dimostrarono subito entusiasti di questi scatti e li trovarono particolarmente ispirati: il connubio artistico tra la Bernhardt e Nadar era stato siglato. Sarah Bernhardt, la divina, si apprestava a divenire, così, una leggenda anche grazie a quel ritratto diventato una vera e propria icona.

Le foto di Nadar furono dei modelli per la ritrattistica degli anni venti di August Sander e per quella degli anni cinquanta di Irving Penn.
Egli utilizzò sfondi neutri, privi di ogni dettaglio, ed un’illuminazione naturale di grande efficacia plastica e sfruttata abilmente attraverso filtri di tende bianche o grigie. I celebri ritratti infatti si caratterizzano per l’estrema semplicità dello schema compositivo dell’immagine: la personalità dei soggetti emerge grazie alla sua capacità sintetica e non analitica.

L’idea di “verità psicologica” implica la ricerca non di una semplice trasposizione oggettiva della realtà, ma di una sua interpretazione: la riproduzione di qualche cosa che vada oltre le semplici apparenze e riveli la natura più autentica dei soggetti.

Nei suoi ritratti, definiti giustamente psicologici, Nadar tendeva a far emergere le personalità dei volti da lui fotografati, ricercando in loro l’espressione più intima.

Ora vorrei raccontarvi una curiosità conosciuta da pochi.
Il primo precursore dei “fotografi aerei” fu proprio il nostro Nadar, proprio così, come ho accennato precedentemente egli fu anche disegnatore, caricaturista, giornalista, aeronauta oltre che fotografo. Un instancabile ricercatore. Ed è proprio grazie alla sua propensione per la sperimentazione che Nadar ricerca nuovi soggetti da fotografare e anche innovativi punti di vista. Dopo aver conseguito il brevetto per aerostatica riesce ad ottenere la prima fotografia aerea facendosi sollevare da un pallone frenato ad un’altezza di 80 metri. Nadar fotografò dall’alto le case del villaggio Petit-Becétre situato nei pressi di Parigi ma non si fermò qui, il suo gesto fotografico ebbe successo e durante la guerra franco-prussiana (19 luglio 1870 – 10 maggio 1871), dopo sei mesi di combattimenti nel nord della Francia, l’esercito prussiano sconfisse quello francese  arrivando ad assediare Parigi. L’imperatore Napoleone III viene catturato in battaglia, e con il crollo del suo impero e una rivoluzione non violenta, la Francia diviene,  in Europa, l’unica potenza Repubblicana.  Durante l’assedio della capitale, su suggerimento e con il contributo economico di Nadar, vengono utilizzati dei palloni aereostatici per permettere il controllo delle posizioni prussiane, e per trasportare la posta dalla capitale verso i centri di provincia. La guerra e le spese sostenute da Nadar per il noleggio degli aereostati lo hanno però messo in grandi difficoltà economiche ed è costretto a trasferire lo studio in Rue d’Anjou, delegando molto del lavoro alla moglie Ernestine ed al figlio Paul.

Nei locali di Boulevard des Capucines, che egli possiede ancora e affitta per riunioni, concerti, conferenze, nel 1874 viene organizzata la prima mostra degli “Impressionisti”, alla quale partecipano Monet, Degas, Renoir, Sisley, Pissarro, Cézanne, Boudin, Gullaumin.

Una nota divertente riguarda il motivo per cui decise di fermare la sua ricerca sulla fotografia aerea, infatti, nonostante i problemi economici continuò questa sua esperienza fotografica fino a che non fu emulato dall’americano Black il quale eseguì la prima fotografia aerea di Boston. Nadar accettò in malo modo il fatto di non essere più il solo ad eseguire foto aeree e per questo, a conferma del suo particolare carattere eccentrico, si dedicò alla fotografia sotterranea di fognature e catacombe.

Altra curiosità che trovo bella da ricordare è che le avventure di Nadar ispirano fortemente Jules Verne per il suo romanzo “Cinque settimane in pallone” e, fateci caso se vi capita di leggerli, uno degli eroi dei romanzi “Dalla terra alla Luna” e “Viaggio intorno alla luna” – si chiama Michel Ardan, anagramma di Nadar.

A 77 anni decide di lasciare la propria attività parigina al figlio, per trasferirsi nel Midi e iniziare una nuova vita professionale, a Marsiglia, dove si dedica in particolar modo a pubbliche dimostrazioni e all’insegnamento.
Nadar muore di broncopolmonite nel 1910, pochi giorni prima di compiere novant’anni.
Nel 1951, la figlia di Paul cede allo stato francese quanto rimasto dello studio Nadar: più di 450.000 negativi su lastre di vetro, di cui circa 6.000 lastre al collodio, ovvero la produzione di Felix Nadar, quella della moglie Ernestine e del figlio Paul.

Le sue frasi celebri:

“La teoria fotografica si impara in un’ora; le prime nozioni pratiche in un giorno […] quello che non si impara […] è il senso della luce […] è la valutazione artistica degli effetti prodotti dalle luci diverse e combinate […] quello che s’impara ancora meno, è l’intelligenza morale del tuo soggetto, è quell’intuizione che ti mette in comunicazione col modello, te lo fa giudicare, ti guida verso le sue abitudini, le sue idee, il suo carattere, e ti permette di ottenere, non già banalmente e a caso, una riproduzione plastica qualsiasi, alla portata dell’ultimo inserviente di laboratorio, bensì la somiglianza più familiare e più favorevole, la somiglianza intima.”

“Compito autentico del ritratto fotografico è di estrarre la verità psicologica del soggetto.”

“Non esiste la fotografia artistica. Nella fotografia esistono, come in tutte le cose, delle persone che sanno vedere e altre che non sanno nemmeno guardare.”

Ma l’insegnamento più bello e vero lo si trova nei suoi “Consigli per ritrarre una persona.”

L’opinione che ognuno ha delle proprie qualità fisiche è talmente benevola che la prima impressione di ogni modello di fronte alle prove del suo ritratto è quasi inevitabilmente di disappunto e di rifiuto. Alcuni hanno il pudore ipocrita di dissimulare il colpo sotto un’apparente indifferenza, ma non credete loro. Avevano varcato la soglia diffidenti, astiosi, e molti usciranno furibondi. È un male difficilissimo da scongiurare; il fotografo dilettante ne soffrirà quanto il professionista, e anche di più, povero infelice! Votato in anticipo a tutte le asprezze, soprattutto perché si trova nella condizione subalterna di non avere la licenza. Si prepari dunque come il professionista, e mediti i consigli dell’esperienza. A titolo profilattico, ossia prima di operare, fate intravvedere la possibilità della “replica”. La speranza di quella benefica “replica” sistemerà tutto, e tutti ci guadagneranno – e voi stessi siete proprio certi di non poter ottenere qualcosa che sia migliore del primo negativo? Soprattutto, quando due modelli sono venuti insieme, cercate di fare in modo che tornino insieme al momento della consegna. Non dimenticate mai di sottoporre le prove dell’uno all’altro e viceversa: quello che al biliardo si chiama “colpo di sponda”, e, per un minuto, allontanatevi! Immancabilmente l’uno troverà l’altro molto riuscito, e l’altro giudicherà l’uno perfetto. Per controprova, lasciateli discutere insieme. Superato così, e ridotto a semplice effetto di ritorno, il primo e inevitabile impatto, potrete allora avvicinarvi, e parlare senza il timore d’esser morso! – (Felix Nadar – Consigli al ritrattista dilettante -)

Altri articoli di questo autore

Condividi

Articoli Recenti

Vuoi accedere agli eventi riservati?

Abbonati a soli 15€ per 365 giorni e ottieni più di ciò che immagini!

Se invece sei già iscritto ed hai la password, accedi da qui

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Non è facile trovare un buon educatore!
Appartengo ad una generazione che ha dovuto adattarsi alla scarsa offerta dei tempi. Ho avuto un solo tutor, a cui ancora oggi devo molto. Brevi, fugaci ma intensi incontri in cui il sottoscritto, da solo con lui, cercava di prendere nota anche dei respiri e trarre insegnamento da ogni singola parola.
A causa di questa carenza io e i miei coetanei ci siamo dovuti spesso costruire una visione complementare come autori, designers, critici ed insegnanti e questo ci ha aiutato a costruire qualcosa di fondamentale e duraturo.
Per questo motivo con Cine Sud che vanta un’esperienza di oltre 40 anni nel settore della formazione, abbiamo pensato alla possibilità di offrire dei corsi “one to one”, costruiti sulla base delle esigenze individuali e in campi disparati, che vanno dalla tecnica alla ricerca di nuovi linguaggi in fotografia.
Dei corsi molto vicini a quelli che avremmo voluto avere nel passato, se ce ne fosse stata offerta l’opportunità e la parola opportunità non va sottovalutata, perché ha un peso e una sua valenza e non è spesso scontata.
Ognuno sarà libero di scegliere, sulla base dei nostri consigli, un autore o un tecnico, tra quelli offerti come docenti, e intraprendere un corso che gli offra quello di cui realmente ha bisogno e, eventualmente, ripetere questa esperienza in futuro.
Come quando si va da un eccellente sarto a scegliere con cura un vestito, adattandolo perfettamente al corpo, vogliamo fornirvi il corso che meglio si adatta alle vostre, singole e personali esigenze.
Niente nasce dal caso e per poter essere all’altezza di questo compito e potervi fornire un’offerta diversificata e soddisfacente, abbiamo pensato di sottoporvi un questionario tra il serio e lo scherzoso a cui vi preghiamo di rispondere.
Aiutateci a capire le vostre reali esigenze e chi abbiamo difronte, non ve ne pentirete.
Massimo Mastrorillo

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Approfondiamo ! per i più intrepidi
X