fbpx Skip to content

Horst P. Horst – Erotismo imbrigliato

di Paolo Ranzani

Horst P. Horst
Horst P. Horst - "The Mainbocher Corset – 1939”

Le immagini di moda sono il racconto del nostro presente, sono la sequenza aperta delle ossessioni, dei desideri e dei sogni di intere generazioni.

Sono il decoro delle nostre città e occupano con forza e determinazione limmaginario di ciascuno di noi. Ci appartengono, ma allo stesso tempo sono globali e universali. Omologano gusti e tendenze. La fotografia di moda nasce per essere consumata velocemente. I suoi supporti sono i giornali e le riviste, gli spazi pubblicitari nelle città e nei luoghi di transito. Può durare un giorno, una settimana, al massimo una stagione, poi scade, viene dichiarata vecchia, sorpassata e deve lasciare spazio a una nuova immagine, a un nuovo sogno che per suo statuto deve seguire i ritmi della moda.

Nella storia della moda e della fotografia di ritratto del XX secolo, il contributo di Horst resta come uno dei più artisticamente significativi e duraturi.

Nel periodo a cavallo tra 1931 e il 1991 il suo nome è diventato sempre più leggendario e le sue fotografie sono diventate sinonimo di creazione di immagini di eleganza, stile e glamour rarefatto.

Contandoli sono tre decenni di fotografie, che contemplano la moda, ritratti di celebrità, studi di nudo e nature morte.

© Horst P. Horst
© Horst P. Horst
Nato il 14 agosto 1906, Horst Paul Albert Bohrmann era il secondo figlio di un uomo protestante della borghesia di Weißenfels-an-der-Saale, una cittadina dell’entro terra tedesco, Max Bohrmann e di sua moglie, Klara Schoenbrodt.

Suo padre era un mercante di successo e nella casa di famiglia ebbe modo di conoscere persone importanti e influenti come ad esempio la danzatrice Eva Weidemann che accese il suo interesse per l’arte e portandolo a diventare uno straordinario eclettico visionario che studia architettura e progettazione di mobili alla Kunstgewerbeschule di Amburgo, nel 1930 si trasferisce a Parigi come apprendista di Le Corbusier nel Bauhaus, dove incontra il capo fotografo di Vogue Francia, quel Barone George Hoyningen-Huene del quale diventa presto assistente, modello occasionale, protetto, convivente e compagno intimo, prima di sostituirlo come capo fotografo di Vogue Francia.

Con il Barone, Horst, inizia a lavorare come fotografo di moda, entrando in contatto con il bel mondo parigino, molti amici diventano anche soggetti delle sue fotografie, come la Coco Chanel seduta su una poltrona di raso, la Bette Davis arroccata su una sedia a dondolo gigante, insieme a Salvador Dalí, Marlene Dietrich, Greta Garbo, Katharine Hepburn, Gertrude Stein o la Duchessa di Windsor.

Le prime fotografie firmate Horst apparvero nel numero di dicembre 1931 di Vogue Francia, ma la vera svolta come fotografo di moda e ritrattista avvenne sulle pagine di British Vogue. Poi arrivò la maledetta guerra ed è proprio alla vigilia della seconda guerra mondiale che Horst Paul Albert Bohrmann realizzò, negli studi parigini di Vogue, la sua famosa Mainbocher Corset, l’ultima opera realizzata a Parigi e contemporaneamente la sua opera più citata. Poi si rifugiò in America e prese definitivamente il nome con cui lo conosciamo, Horst P. Horst, diventando ufficialmente cittadino americano.

© Horst P. Horst
© Horst P. Horst

Anche in America Horst P. Horst lavora per Vogue, negli ultimi tre mesi del 1939, prima di venir licenziato e far ritorno a Parigi. Negli anni 60 e 70 quando il suo stile è meno richiesto nel settore della moda ma la sua formazione e sensibilità gli consentono di dedicarsi alla fotografia di interni per House & Garden. Del suo lavoro amava dire che era solito inserire “a little mess” un po’ di disordine ben dosato.

Molte sue immagini sono diventate icone da cui molti hanno preso ispirazione, una citazione tra tanteMadonna in Vogue lo “omaggia” con quella posa di schiena e il corsetto slacciato.

Horst P. Horst Morì a Palm Beach nel 1999 all’ età di 93 anni.

Altri articoli di questo autore

Condividi

Vuoi accedere agli eventi riservati?

Abbonati a soli 15€ per 365 giorni e ottieni più di ciò che immagini!

Se invece sei già iscritto ed hai la password, accedi da qui

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Non è facile trovare un buon educatore!
Appartengo ad una generazione che ha dovuto adattarsi alla scarsa offerta dei tempi. Ho avuto un solo tutor, a cui ancora oggi devo molto. Brevi, fugaci ma intensi incontri in cui il sottoscritto, da solo con lui, cercava di prendere nota anche dei respiri e trarre insegnamento da ogni singola parola.
A causa di questa carenza io e i miei coetanei ci siamo dovuti spesso costruire una visione complementare come autori, designers, critici ed insegnanti e questo ci ha aiutato a costruire qualcosa di fondamentale e duraturo.
Per questo motivo con Cine Sud che vanta un’esperienza di oltre 40 anni nel settore della formazione, abbiamo pensato alla possibilità di offrire dei corsi “one to one”, costruiti sulla base delle esigenze individuali e in campi disparati, che vanno dalla tecnica alla ricerca di nuovi linguaggi in fotografia.
Dei corsi molto vicini a quelli che avremmo voluto avere nel passato, se ce ne fosse stata offerta l’opportunità e la parola opportunità non va sottovalutata, perché ha un peso e una sua valenza e non è spesso scontata.
Ognuno sarà libero di scegliere, sulla base dei nostri consigli, un autore o un tecnico, tra quelli offerti come docenti, e intraprendere un corso che gli offra quello di cui realmente ha bisogno e, eventualmente, ripetere questa esperienza in futuro.
Come quando si va da un eccellente sarto a scegliere con cura un vestito, adattandolo perfettamente al corpo, vogliamo fornirvi il corso che meglio si adatta alle vostre, singole e personali esigenze.
Niente nasce dal caso e per poter essere all’altezza di questo compito e potervi fornire un’offerta diversificata e soddisfacente, abbiamo pensato di sottoporvi un questionario tra il serio e lo scherzoso a cui vi preghiamo di rispondere.
Aiutateci a capire le vostre reali esigenze e chi abbiamo difronte, non ve ne pentirete.
Massimo Mastrorillo

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Approfondiamo ! per i più intrepidi
X