fbpx Skip to content

Dio è morto a Hiroshima e la fotografia del fiore di Loto l’ha sotterrato a Nagasaki (Parte IV)

di Pino Bertelli

Yōsuke Yamahata è un fotografo militare giapponese di 28 anni (dell’ufficio propaganda)… il comando lo invia a Nagasaki insieme al disegnatore Yamada Eiji e al poeta surrealista, Azuma Jun (Higashi)… sono passate solo 16 ore dall’esplosione della bomba… Yamahata impugna una Leica (dicono…) e scatta 117 fotografie (sembra)… altri parlano di lastre fotografiche… poco importa… Yamahata si aggira tra le macerie ancora fumanti e riesce a cogliere momenti di una qualche tenerezza… come la Madre che allatta il bambino bruciato, Due fratelli sopravvissuti o Il bambino con la palla di riso in mano… quest’ultima fu selezionata per la celebre mostra del MOMA di New York, The Family of Man (1955)… gli organizzatori scartarono i corpi carbonizzati, i superstiti devastati, i feriti ulcerati dalle radiazioni… scelsero opportunamente il Bambino con la palla di riso in mano… l’immagine è attonita… sembra quasi anestetizzare le emozioni del bambino e la ritrosia della madre di fronte al fotografo… la condanna del bombardamento atomico è implicita, quasi uno spaesamento… la mano della madre sembra invitare il bambino a guadare in macchina… perché? Per cosa?

Nagasaki, 9 agosto 1945

Per noi che siamo un po’ malandrini… il modo in cui madre e figlio tengono la palla di riso in mano, suggerisce una ricostruzione passiva dell’accaduto… alla peggio si sente l’odore di riso della mensa da campo con la bandiera a stelle e strisce… non c’è sincerità nello sguardo, neanche nella posa… quasi una dimenticanza della catastrofe.

La fotografia del Bambino con la palla di riso in mano… ciò nonostante… riesce a toccare il vero fuori dalla messa in scena!… è la verità-momento della vittima sospesa tra l’incredulità e la finzione narrativa… questo vuol dire che comunque lo si voglia, la fotografia, anche la più sbagliata, quando contiene l’umano violato, ne tradisce l’intenzione, avvia un processo empatico che trascende l’attualità e riporta la verità sul volto sfigurato della storia. La fotografia del Bambino con la palla di riso in mano è il salmo dell’innocenza contro il dolore… la faccia ferita del bambino buca la ferocia del disastro e fa della coscienza del dolore il prodotto di una civiltà rudimentale… il dolore e la coscienza del dolore si classificano nella santificazione dei risultati o ne subiscono la perdita… di tutte le calunnie, la peggiore è quella dei governi che usano lo sterminio e dicono che è un passo in avanti per l’intera società.

A proposito… Yōsuke Yamahata muore nel 1966, a causa, forse, dell’esposizione alle radiazioni. Per i rigattieri della fotografia mercatale ci sono vetrine anche per le immagini di Yamahata… si possono acquistare a prezzi modici in vari blog… ne scegliamo uno, questa è la scheda: “Yōsuke Yamahata, “Nagasaki Journey”, 10 agosto 1945, stampa alla gelatina d’argento su carta in fibra lucida, 16,4 (17,8) x 11,4 (12,9) cm, ©Yōsuke Yamahata, courtesy Daniel Blau, Monaco”. Ne facciamo volentieri a meno della cortesia che ci fa questo signore tedesco… e del copyright ce ne sbattiamo i coglioni, poiché fare soldi sullo strazio degli altri, significa trattare la decimazione dell’umano come le scatole di zuppe Campbell’s di Andy Warhol, un furbacchione dell’arte come grado zero della frode espressiva… e un rotto in culo come Banksy lo ha capito bene… è bravo, prende delle fotografie e in maniera anonima (ma non è vero), ri/traccia mirabilmente sui muri delle città splendide figurine di bambine con i cuori, bambini con torce rosse o rivoluzionari che tirano i fiori [tra l’altro, questo rifacimento di Banksy è ripreso, in gran parte, da una delle più iconiche fotografie del Maggio francese ’68, di Henri Cartier-Bresson]… vanno bene per tutti i gusti e inclinazioni… gli originali si vendono a milioni di sterline… come le scimmie del parlamento inglese… le riproduzioni sono impacchettate per la massa e distribuite ai compleanni, sposalizi, perfino negli ospizi… quelli più a sinistra si fanno tatuare i santini di Banksy anche sulla lingua, al posto di Che Guevara… in fondo gettare fiori al passaggio di papi, re, generali e tiranni non ha mai recato danno a nessuno… semmai quella fremente commozione di scambio d’amore col capo che sfila su cumuli di cadaveri!

[Continua…]

Altri articoli di questo autore

Condividi

Vuoi accedere agli eventi riservati?

Abbonati a soli 15€ per 365 giorni e ottieni più di ciò che immagini!

Se invece sei già iscritto ed hai la password, accedi da qui

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Non è facile trovare un buon educatore!
Appartengo ad una generazione che ha dovuto adattarsi alla scarsa offerta dei tempi. Ho avuto un solo tutor, a cui ancora oggi devo molto. Brevi, fugaci ma intensi incontri in cui il sottoscritto, da solo con lui, cercava di prendere nota anche dei respiri e trarre insegnamento da ogni singola parola.
A causa di questa carenza io e i miei coetanei ci siamo dovuti spesso costruire una visione complementare come autori, designers, critici ed insegnanti e questo ci ha aiutato a costruire qualcosa di fondamentale e duraturo.
Per questo motivo con Cine Sud che vanta un’esperienza di oltre 40 anni nel settore della formazione, abbiamo pensato alla possibilità di offrire dei corsi “one to one”, costruiti sulla base delle esigenze individuali e in campi disparati, che vanno dalla tecnica alla ricerca di nuovi linguaggi in fotografia.
Dei corsi molto vicini a quelli che avremmo voluto avere nel passato, se ce ne fosse stata offerta l’opportunità e la parola opportunità non va sottovalutata, perché ha un peso e una sua valenza e non è spesso scontata.
Ognuno sarà libero di scegliere, sulla base dei nostri consigli, un autore o un tecnico, tra quelli offerti come docenti, e intraprendere un corso che gli offra quello di cui realmente ha bisogno e, eventualmente, ripetere questa esperienza in futuro.
Come quando si va da un eccellente sarto a scegliere con cura un vestito, adattandolo perfettamente al corpo, vogliamo fornirvi il corso che meglio si adatta alle vostre, singole e personali esigenze.
Niente nasce dal caso e per poter essere all’altezza di questo compito e potervi fornire un’offerta diversificata e soddisfacente, abbiamo pensato di sottoporvi un questionario tra il serio e lo scherzoso a cui vi preghiamo di rispondere.
Aiutateci a capire le vostre reali esigenze e chi abbiamo difronte, non ve ne pentirete.
Massimo Mastrorillo

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Approfondiamo ! per i più intrepidi
X