fbpx Skip to content

Dieci anni fa Pete Souza immortalò la storia

di Alessandro Tarantino

L’inizio di maggio del 2011 fu segnato dall’operazione militare “Neptune Spear” che portò all’uccisione di quello che era considerato il più pericoloso terrorista, mente e ispiratore degli attacchi alle Torri Gemelle nel 2001, e fondatore di Al Qaida Osama Bin Laden.

Per la prima volta, le immagini di quell’operazione militare, anticipata da una lunga attività di intelligence e condotta dai Navy Seal statunitensi, fecero il giro del mondo. Ma a rimanere impressa nella mente dei più è soprattutto una fotografia: è quella scattata da Pete Souza, fotografo ufficiale della Casa Bianca durante la presidenza di Barack Obama.

La fotografia è un vero e proprio pezzo di storia contemporanea perché ritrae il presidente degli Stati Uniti, il suo vice di allora e attuale presidente americano Joe Biden e il segretario di Stato di allora Hillary Clinton e a tutti i più alti rappresentanti politici e delle forze militari statunitensi nella Situation Room, la sala allestita per seguire in diretta l’operazione e l’uccisione del terrorista.

Lo scatto riesce a condensare tutta la tensione del momento che è concentrata nelle espressioni dei presenti. Soprattutto in quelle dei protagonisti: il presidente Obama e il segretario di Stato Clinton.

Il primo ha infatti un’espressione particolarmente seria e contratta, visibilmente preoccupato e ansioso per quello che i monitor stanno mostrando a tutti i presenti e che arriva in diretta dal Pakistan. La seconda pare quasi inorridita, spaventata da un’operazione certamente cruenta che è culminata con l’uccisione del terrorista.

Così Pete Souza racconta quello scatto:

Altri articoli di questo autore

Condividi

Vuoi accedere agli eventi riservati?

Abbonati a soli 15€ per 365 giorni e ottieni più di ciò che immagini!

Se invece sei già iscritto ed hai la password, accedi da qui

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Non è facile trovare un buon educatore!
Appartengo ad una generazione che ha dovuto adattarsi alla scarsa offerta dei tempi. Ho avuto un solo tutor, a cui ancora oggi devo molto. Brevi, fugaci ma intensi incontri in cui il sottoscritto, da solo con lui, cercava di prendere nota anche dei respiri e trarre insegnamento da ogni singola parola.
A causa di questa carenza io e i miei coetanei ci siamo dovuti spesso costruire una visione complementare come autori, designers, critici ed insegnanti e questo ci ha aiutato a costruire qualcosa di fondamentale e duraturo.
Per questo motivo con Cine Sud che vanta un’esperienza di oltre 40 anni nel settore della formazione, abbiamo pensato alla possibilità di offrire dei corsi “one to one”, costruiti sulla base delle esigenze individuali e in campi disparati, che vanno dalla tecnica alla ricerca di nuovi linguaggi in fotografia.
Dei corsi molto vicini a quelli che avremmo voluto avere nel passato, se ce ne fosse stata offerta l’opportunità e la parola opportunità non va sottovalutata, perché ha un peso e una sua valenza e non è spesso scontata.
Ognuno sarà libero di scegliere, sulla base dei nostri consigli, un autore o un tecnico, tra quelli offerti come docenti, e intraprendere un corso che gli offra quello di cui realmente ha bisogno e, eventualmente, ripetere questa esperienza in futuro.
Come quando si va da un eccellente sarto a scegliere con cura un vestito, adattandolo perfettamente al corpo, vogliamo fornirvi il corso che meglio si adatta alle vostre, singole e personali esigenze.
Niente nasce dal caso e per poter essere all’altezza di questo compito e potervi fornire un’offerta diversificata e soddisfacente, abbiamo pensato di sottoporvi un questionario tra il serio e lo scherzoso a cui vi preghiamo di rispondere.
Aiutateci a capire le vostre reali esigenze e chi abbiamo difronte, non ve ne pentirete.
Massimo Mastrorillo

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Approfondiamo ! per i più intrepidi
X