fbpx Skip to content

Da Matera 2019 a Vardari. Evoluzione artistica di una tradizione durante la pandemia

di Oreste Montebello

Il movente per chi sceglie la macchina fotografica come strumento di comunicazione è personale, intimo e diverso.

Molti di noi fotografano per non parlare, altri per non dimenticare e per non farsi dimenticare e molti altri ancora perché non ne possono fare a meno. Solitamente, volendo rappresentare con la fotografia un evento che ha radici antiche e sinceramente sentite, si corre il rischio di eseguire in modo pedante l’evento tralasciando i momenti intimi della stessa rappresentazione.

Approdare ad un evento storicizzato come la Naca di Davoli senza coglierne gli aspetti più intimi trasforma l’azione fotografica in una banale raccolta di immagini da far tracimare sui social e niente più altro.

1 – Gli abeti per la Naca

La Naca a Matera è stata la sintesi di una relazione stabilita negli ultimi anni con i gruppi che si incontrano, socializzano, organizzano e lavorano per la buona riuscita di questo evento religioso che culmina con la Passione e Crocifissione di Cristo. La morte dell’umano divino e l’albero punteggiato dai lampioni è l’essenza stessa della comunità.

I fotografi e le fotografe hanno potuto rappresentare così intimamente le vicende della rappresentazione grazie ad una costante e continua relazioni con la comunità davolese.

2 – Matera 2019. Casa Cava. L’opera di Antonio Pittelli

Sembra quasi che negli anni di lavoro si sia reso possibile quello che Susan Sontag diceva dei soggetti fotografati, – La fotografia è un’arte elegiaca (…) Quasi tutti i suoi soggetti, per il solo fatto di essere fotografati, sono tinti di pathos –

Ogni scatto di questo progetto ideato da Davolivillage ha in sé una relazione intima ed evidente del rapporto che nel tempo si è creato con i protagonisti della Naca.

3 – Capistrano (Vv)

Le fotografie fatte ai portatori degli abeti, alle ragazze della casa dei lampioni, ai giocatori di morra, ai suonatori di chitarra battente sono momenti di vera intimità comunitaria. Le immagini sono potenti e sospese in una dimensione irreale. Raccontano non solo l’evento ma raccontano storie familiari che proseguono da padre in figlio.

I simboli

L’albero simboleggia il rapporto fra Terra e Cielo, tra mondo visibile e quello invisibile, estremo tentativo umano di elevarsi al livello spirituale. L’abete che viene posto al centro della manifestazione del Venerdì Santo di Davoli, con il suo manto sempre verde e con l’inattaccabilità delle radici, è simbolo di immortalità presente in molte religioni e culture.

A Davoli, prima dell’abete, erano le fiaccole ricavate dall’essiccamento del tasso barbasso o come anche viene chiamata Candela del re. Infatti, in molte culture questa pianta, molto comune nel territorio davolese, ha avuto grande impiego nella vita quotidiana. Torcia per chi lavorava nei boschi, rimedio naturale per alleviare la fatica del cammino se messa nelle scarpe e poi ancora erba medica nelle comunità rurali. Foglie, radici e fiori usate per curare la fatica e i malanni.

Con l’arrivo dell’aspirina e dei mezzi di locomozione più avanzati il tasso barbasso rimane nella memoria della Naca davolese e al suo posto arriva l’abete, rigorosamente prelevato da vivai autorizzati dal Corpo Forestale dello Stato ed adornato dai lampioni preparati da un gruppo di lavoro.

4 – La stanza delle lanterne. Foto di Ernesto Sestito

Hanno ha un affiatamento unico nell’allestire le lanterne che andranno ad illuminare la notte più lunga e drammatica per la cristianità tutta. Ognuno ha un compito e insieme, fra racconti, canti e suonate, lanterna dopo lanterna il giorno della passone arriva.

5 – La Naca a Vardari nel periodo del Covid 19 . Foto di Oreste Montebello

La Pandemia

“ La mente dell’artista non ha problemi di restrizioni o di zone colorate. Si pone sempre in modo trasversale e attua quella che io chiamo: una visione dall’alto. Da questa visione nasce l’idea dell’installazione “La Naca di Davoli 2021, al tempo del COVID”.

Purtroppo a causa della pandemia, per il secondo anno consecutivo, non potrà svolgersi” (Lorena Pallotta)

6 – Vardari. Il piccolo laghetto di montagna è il set della istallazione della Naca rivisitata in questo periodo di pandemia. Foto di Domenico Giampà

Ed allora l’artista, gli artisti, in questo momento di estrema incertezza, in cui i particolari della creazione si dissolvono sui social decidono spesso di cancellare, o posticipare mostre e performance in attesa che l’emergenza finisca o almeno la situazione migliori.

Alcuni di essi però non ce la fanno ad aspettare e si creano gli spazi giusti per la realizzazione di istallazione che possano permettere loro di esprimersi garantendo quella sicurezza necessaria visto i tempi.

7 – Vardari. Foto di Domenico Giampà

Non possiamo avere il controllo delle cose che accadranno in futuro, ma dobbiamo resistere e pensare, produrre ed emozionare. Perché l’arte ispira, motiva e sfida.

Dai tempi difficili si può trarre ispirazione come fu per i grandi dell’arte.

Pablo Picasso con il suo periodo blu dipinse grandi tele utilizzando diverse tonalità di blu per riflettere la sua tristezza. Frida Kahlo che attraverso il suo dolore regalò all’umanità opere tristi ma bellissime come The Wounded Deer. Il positivo esce sempre anche in un periodo tetro come la pandemia.

8 – Luigi Rocca, l’artista a cui si deve l’istallazione artistica ispirata alla Naca di Davoli ambientata nel laghetto Vardari. Foto di Domenico Giampà

La tradizione e l’arte si è espressa nel 2021 anche con la realizzazione di questa istallazione artistica ispirata alla Naca Davoli che grazie al brand territoriale Davolivillage ha preso nuova forma e nuova forza.

Le foto di questo servizio sono di Luna Loiero, Vittorio Marra, Domenico Giampà, Ernesto Sestito ed Oreste Montebello

Video dell’istallazione a cura di Ernesto Sestito:

Altri articoli di questo autore

Condividi

Vuoi accedere agli eventi riservati?

Abbonati a soli 15€ per 365 giorni e ottieni più di ciò che immagini!

Se invece sei già iscritto ed hai la password, accedi da qui

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Non è facile trovare un buon educatore!
Appartengo ad una generazione che ha dovuto adattarsi alla scarsa offerta dei tempi. Ho avuto un solo tutor, a cui ancora oggi devo molto. Brevi, fugaci ma intensi incontri in cui il sottoscritto, da solo con lui, cercava di prendere nota anche dei respiri e trarre insegnamento da ogni singola parola.
A causa di questa carenza io e i miei coetanei ci siamo dovuti spesso costruire una visione complementare come autori, designers, critici ed insegnanti e questo ci ha aiutato a costruire qualcosa di fondamentale e duraturo.
Per questo motivo con Cine Sud che vanta un’esperienza di oltre 40 anni nel settore della formazione, abbiamo pensato alla possibilità di offrire dei corsi “one to one”, costruiti sulla base delle esigenze individuali e in campi disparati, che vanno dalla tecnica alla ricerca di nuovi linguaggi in fotografia.
Dei corsi molto vicini a quelli che avremmo voluto avere nel passato, se ce ne fosse stata offerta l’opportunità e la parola opportunità non va sottovalutata, perché ha un peso e una sua valenza e non è spesso scontata.
Ognuno sarà libero di scegliere, sulla base dei nostri consigli, un autore o un tecnico, tra quelli offerti come docenti, e intraprendere un corso che gli offra quello di cui realmente ha bisogno e, eventualmente, ripetere questa esperienza in futuro.
Come quando si va da un eccellente sarto a scegliere con cura un vestito, adattandolo perfettamente al corpo, vogliamo fornirvi il corso che meglio si adatta alle vostre, singole e personali esigenze.
Niente nasce dal caso e per poter essere all’altezza di questo compito e potervi fornire un’offerta diversificata e soddisfacente, abbiamo pensato di sottoporvi un questionario tra il serio e lo scherzoso a cui vi preghiamo di rispondere.
Aiutateci a capire le vostre reali esigenze e chi abbiamo difronte, non ve ne pentirete.
Massimo Mastrorillo

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Approfondiamo ! per i più intrepidi
X