fbpx Skip to content

Costruzione e sequenza del progetto fotografico [Giorgio Barrera]

di Giorgio Barrera

Un progetto fotografico può nascere da situazioni e occasioni molto differenti.

Ad esempio, da una piccola intuizione, dall’osservazione di un dettaglio, da una parola, ma anche essere la conseguenza di un percorso personale costruito sulla base di ricerche proprie, sviluppi teorici e/o di studio o ancora da spunti letterari o poetici. Altre motivazioni che spingono alla realizzazione di un lavoro fotografico sono il desiderio e la necessità. Entrambe, ma con presupposti diversi, sono un motore che spinge a ritenere che creare immagini sia importante come testimonianza e come atto utile e imprescindibile.

Esiste cioè il dovere di realizzarle.

Crossroads
NYC crossroads ©Giorgio Barrera

Le modalità per affrontare un progetto sono poco classificabili ma si può asserire che la propria ricerca, a un certo punto, prenderà la forma di una sequenza e/o di una serie.

Un altro elemento che è inequivocabilmente presente è il modo di espressione ovvero ciò che più comunemente chiamiamo linguaggio.

Teoria, pratica e modo di espressione sono gli elementi cardini, le fondamenta della realizzazione del progetto e dai quali nascerà la sequenza che poi prenderà ulteriori forme nella restituzione del lavoro ossia in forma di libro, di mostra, di un sito, di un prodotto multimediale.

Quindi, sebbene si possano tracciare delle linee generali per individuare delle modalità per realizzarlo è indubbio che il lavoro necessario per ogni progetto è un percorso a sé. È il risultato di una serie di riflessioni proprie di chi lo svolge e per le quali ha spesso bisogno di confronto.
È evidente che lavorare a un progetto è un percorso affascinante ma lo è anche la singola immagine. Anch’essa infatti può nascere in modi anche sorprendentemente anacronistici rispetto a quelle che sono le caratteristiche del mezzo fotografico, ovvero lo stretto rapporto che intrattiene con la realtà, mostrandola e rappresentandola. Cosicché per semplicità possiamo parlare di una fotografia che nasce direttamente come risultato di una mediazione dell’incontro fra fotografo e realtà e una che viene pensata prima di essere realizzata.

In questo secondo caso, sempre in linea generale, la realizzazione, cioè lo scatto, è quasi un’operazione di chiusura di un processo e non di apertura come nell’altro caso.

vacuming the table
PSYCHOLOGIES, Vacuuming the table ©Giorgio Barrera
Attraverso la finestra
Attraverso la finestra ©Giorgio Barrera

Ciò non significa che ogni immagine che deriva da un processo di generazione non possa unirsi con altre immagini realizzate in forma diretta. Insomma si tratta di fotogrammi, di tasselli, di pezzi di un puzzle la cui immagine totale, all’inizio quantomeno, precisamente non è dato conoscere.

San Paolo's church, Foligno, Sunday 11:08
Andate in pace, Foligno ©Giorgio Barrera

Non possiamo fare rivivere attraverso un “oggetto” bidimensionale come la fotografia la complessità della realtà delle cose.Non si potrà ricreare il fluire delle cose in maniera totalizzante, né tantomeno si riuscirà a trasferire completamente le percezioni, le emozioni e i pensieri di cui la nostra esperienza del reale e del progetto fotografico stesso sono portatori.

Nemmeno si riuscirà a essere totalmente esaustivi nella documentazione di ciò che è l’oggetto del proprio progetto, ma possiamo mostrare tutto ciò costruendo i modi di espressione più attinenti al messaggio e alle nostre qualità e attraverso questi raggiungere il massimo che la Fotografia può darci in termini di analisi e restituzione visiva.

Battaglia della Sforzesca, 21 marzo 1849

Infine, ma non per ultimo, lavorare a un progetto significa principalmente arricchirsi, crescere insieme a lui, significa approfondire materie e questioni. Ma la cosa più importante è che lavorare a un progetto può portarci soprattutto a praticare e trovare un proprio linguaggio, cosa difficile ma non impossibile.

 

 

Altri articoli di questo autore

Condividi

Vuoi accedere agli eventi riservati?

Abbonati a soli 15€ per 365 giorni e ottieni più di ciò che immagini!

Se invece sei già iscritto ed hai la password, accedi da qui

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Non è facile trovare un buon educatore!
Appartengo ad una generazione che ha dovuto adattarsi alla scarsa offerta dei tempi. Ho avuto un solo tutor, a cui ancora oggi devo molto. Brevi, fugaci ma intensi incontri in cui il sottoscritto, da solo con lui, cercava di prendere nota anche dei respiri e trarre insegnamento da ogni singola parola.
A causa di questa carenza io e i miei coetanei ci siamo dovuti spesso costruire una visione complementare come autori, designers, critici ed insegnanti e questo ci ha aiutato a costruire qualcosa di fondamentale e duraturo.
Per questo motivo con Cine Sud che vanta un’esperienza di oltre 40 anni nel settore della formazione, abbiamo pensato alla possibilità di offrire dei corsi “one to one”, costruiti sulla base delle esigenze individuali e in campi disparati, che vanno dalla tecnica alla ricerca di nuovi linguaggi in fotografia.
Dei corsi molto vicini a quelli che avremmo voluto avere nel passato, se ce ne fosse stata offerta l’opportunità e la parola opportunità non va sottovalutata, perché ha un peso e una sua valenza e non è spesso scontata.
Ognuno sarà libero di scegliere, sulla base dei nostri consigli, un autore o un tecnico, tra quelli offerti come docenti, e intraprendere un corso che gli offra quello di cui realmente ha bisogno e, eventualmente, ripetere questa esperienza in futuro.
Come quando si va da un eccellente sarto a scegliere con cura un vestito, adattandolo perfettamente al corpo, vogliamo fornirvi il corso che meglio si adatta alle vostre, singole e personali esigenze.
Niente nasce dal caso e per poter essere all’altezza di questo compito e potervi fornire un’offerta diversificata e soddisfacente, abbiamo pensato di sottoporvi un questionario tra il serio e lo scherzoso a cui vi preghiamo di rispondere.
Aiutateci a capire le vostre reali esigenze e chi abbiamo difronte, non ve ne pentirete.
Massimo Mastrorillo

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Approfondiamo ! per i più intrepidi
X