fbpx Skip to content

CORPI MIGRANTI di Max Hirzel (Emuse 2021)

di Federico Montaldo

Si dice spesso che “una fotografia vale più di mille parole”.

È un vecchio adagio, usato e (quasi sempre) abusato, ma che contiene un suo fondo di verità.

La comunicazione visiva “arriva” subito e agisce ad un livello emotivo (prima ancora che informativo) in una frazione di secondo. È questa la forza dell’immagine e, al tempo stesso la causa della sua possibile ambiguità, potendo essere utilizzata per gli scopi più diversi (buoni o cattivi) in relazione al contesto e alle finalità perseguiti.

Certo è che niente come la fotografia ha contribuito a smuovere le coscienze più di quanto abbiano potuto tanti racconti e reportages giornalistici.

È il caso della bimba vietnamita nuda che scappa terrorizzata dai bombardamenti americani al napalm, che orientò l’opinione pubblica e determinò in modo decisivo l’intensificarsi del dibattito sul ritiro delle truppe nella guerra del Vietnam.

È il caso, in tempi molto più recenti, del corpicino composto del piccolo Aylan, profugo migrante siriano, disteso a faccia in giù su una spiaggia turistica della costa turca. Quell’immagine ha contribuito a far cambiare la percezione sul fenomeno migratorio da parte dell’Europa e sull’onda emotiva ha indotto le cancellerie (Merkel in primis) ad assumere alcuni provvedimenti.

Il racconto fotografico è molto di più: non è un grido isolato, ma una riflessione attenta, sofferta.

Ed è quello che si trova nel lavoro di Max Hirzel, trasfuso nel bel libro “Corpi Migranti” (Emuse 2021), che ci pone davanti quello che non vogliamo vedere e che abbiamo buon gioco ad accantonare, limitandoci ad ascoltare le cronache quotidiane sugli sbarchi, sui naufragi, sui barconi, sul numero delle vittime: termini e contabilità che ci giungono come un rumore di fondo, al quale siamo ormai assuefatti e che consideriamo come un fenomeno ineluttabile.

Ed è proprio su questo a cui l’Autore lavora.

Alla percezione collettiva di fatalità ineluttabile e tragedia inevitabile, Hirzel oppone una visione scarna di ciò che ruota attorno a questi corpi per rivelare la realtà per ciò che è: quella che l’autore definisce “anomalia”, un’aberrazione che non dovremmo permettere né accettare.

Un lavoro che comincia nel 2015, quando Hirzel comincia a documentare i sistemi di gestione dei corpi dei migranti deceduti nel tentativo di raggiungere l’Italia. A partire dai cimiteri siciliani, per capire dove e come questi corpi sono sepolti, a quanti è stato dato un nome o cosa c’è in mancanza. Un lungo percorso di indagine che sarà terminato solo alcuni anni dopo, in un villaggio del Saloum, in Senegal.

I frammenti di cui si compone ci mettono di fronte, senza scampo, alla morte di giovani migranti, alla gestione dei loro corpi e a un lutto spesso impossibile.

Il tutto con una fotografia asciutta, senza alcuna sovrastruttura estetizzante, senza strizzare l’occhio al macabro o premere sul tasto dell’emotività.

Come osservato da Federico Faloppa, in uno dei contributi testuali che corredano il libro, “Corpi migranti ci aiuta a non consumare l’anomalia. Ci chiede di rompere il racconto e le sue geometrie – dell’accoglienza, dei respingimenti, dei resti allineati dalla medicina forense, degli oggetti e delle tracce, della anonima regolarità di bare di zinco e pietre tombali – perché nulla di ciò che stiamo vedendo è commensurabile, duplicabile, incasellabile.”

 Il volume contiene 84 fotografie a colori accompagnate da documenti, testi e riflessioni di Max Hirzel, Dagmawi Yimer, Grazia Dell’Oro, Federico Faloppa, Pietro Del Soldà.

Altri articoli di questo autore

Condividi

Vuoi accedere agli eventi riservati?

Abbonati a soli 15€ per 365 giorni e ottieni più di ciò che immagini!

Se invece sei già iscritto ed hai la password, accedi da qui

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Non è facile trovare un buon educatore!
Appartengo ad una generazione che ha dovuto adattarsi alla scarsa offerta dei tempi. Ho avuto un solo tutor, a cui ancora oggi devo molto. Brevi, fugaci ma intensi incontri in cui il sottoscritto, da solo con lui, cercava di prendere nota anche dei respiri e trarre insegnamento da ogni singola parola.
A causa di questa carenza io e i miei coetanei ci siamo dovuti spesso costruire una visione complementare come autori, designers, critici ed insegnanti e questo ci ha aiutato a costruire qualcosa di fondamentale e duraturo.
Per questo motivo con Cine Sud che vanta un’esperienza di oltre 40 anni nel settore della formazione, abbiamo pensato alla possibilità di offrire dei corsi “one to one”, costruiti sulla base delle esigenze individuali e in campi disparati, che vanno dalla tecnica alla ricerca di nuovi linguaggi in fotografia.
Dei corsi molto vicini a quelli che avremmo voluto avere nel passato, se ce ne fosse stata offerta l’opportunità e la parola opportunità non va sottovalutata, perché ha un peso e una sua valenza e non è spesso scontata.
Ognuno sarà libero di scegliere, sulla base dei nostri consigli, un autore o un tecnico, tra quelli offerti come docenti, e intraprendere un corso che gli offra quello di cui realmente ha bisogno e, eventualmente, ripetere questa esperienza in futuro.
Come quando si va da un eccellente sarto a scegliere con cura un vestito, adattandolo perfettamente al corpo, vogliamo fornirvi il corso che meglio si adatta alle vostre, singole e personali esigenze.
Niente nasce dal caso e per poter essere all’altezza di questo compito e potervi fornire un’offerta diversificata e soddisfacente, abbiamo pensato di sottoporvi un questionario tra il serio e lo scherzoso a cui vi preghiamo di rispondere.
Aiutateci a capire le vostre reali esigenze e chi abbiamo difronte, non ve ne pentirete.
Massimo Mastrorillo

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Approfondiamo ! per i più intrepidi
X