fbpx Skip to content

Paolo Ventura “Autobiografia di un impostore“ – Narrata da Laura Leonelli Johan & Levi editore

di Massimo Mastrorillo

Paolo Ventura è un artista a tutto tondo. Fotografo, pittore, scenografo e costumista, ha esposto in gallerie e musei in tutto il mondo e il suo lavoro è presente nelle collezioni del Boston Museum of Fine Arts, della Maison Européenne de la photographie di Parigi e del Museo d’arte contemporanea di Trento e Rovereto (MART). In questo libro un po’ fiabesco, ci sono tanti spunti piacevoli a cominciare dalle figure descritte e delle rivelazioni che riguardano l’autore stesso. Dislessico, disgrafico, discolo, incapace di vedere i colori, con scarsi risultati a scuola, Ventura, dopo essersi allontanato dalla famiglia e dalla figura ingombrante del padre, s’inventa fotografo di moda di successo per poi stancarsi e ricominciare una nuova vita, artistica e familiare, a New York. Un’artista dalle mille vite ed esperienze che non si fa scrupolo di condividere i propri fallimenti, i propri difetti e sogni e la capacità di trarre insegnamento da qualunque esperienza. La figura del padre, famoso illustratore e noto art director, viene descritta con dovizia di particolari ma, anche in questo caso, Ventura riesce a trasmettere un insegnamento: “Mio padre ha creato la paura, il disagio, e ci ha dato gli strumenti per superarli. (..) Era il carnefice che ci rinchiudeva e quello che ci offriva le chiavi per evadere. (..) Insieme alla mano che disegna più o meno felicemente, a ognuno di noi figli ha trasmesso l’arte di raccontare.

Il libro è interessante, avvincente, ironico e grazie all’ottima narrazione di Laura Leonelli, si legge in un batter d’occhio. Assolutamente da consigliare a chi ha interesse per l’umanità e per la fotografia. E a proposito di quest’ultima in un passo del libro Ventura afferma: “Fin da ragazzo avevo capito che la fotografia aveva il dono di imbrogliare nel modo più straordinario, rendendo credibili non solo le cose che erano avvenute, ma quelle che non erano mai esistite. La fotografia riportava in vita l’invisibile, i ricordi che restano nella memoria delle persone e nei luoghi dove è passata la storia. Perché si avverasse questa magia dovevo solo essere preciso, fedele, maniacale nella ricostruzione dei fatti. Io, che avevo un gemello, dovevo costruire un evento che fosse il doppio perfetto di quello che era accaduto nella realtà. Un doppio storico, geneticamente sovrapponibile all’originale. Un doppio vero e falso insieme, perché la fotografia è questo”.

Altri articoli di questo autore

Condividi

Vuoi accedere agli eventi riservati?

Abbonati a soli 15€ per 365 giorni e ottieni più di ciò che immagini!

Se invece sei già iscritto ed hai la password, accedi da qui

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Non è facile trovare un buon educatore!
Appartengo ad una generazione che ha dovuto adattarsi alla scarsa offerta dei tempi. Ho avuto un solo tutor, a cui ancora oggi devo molto. Brevi, fugaci ma intensi incontri in cui il sottoscritto, da solo con lui, cercava di prendere nota anche dei respiri e trarre insegnamento da ogni singola parola.
A causa di questa carenza io e i miei coetanei ci siamo dovuti spesso costruire una visione complementare come autori, designers, critici ed insegnanti e questo ci ha aiutato a costruire qualcosa di fondamentale e duraturo.
Per questo motivo con Cine Sud che vanta un’esperienza di oltre 40 anni nel settore della formazione, abbiamo pensato alla possibilità di offrire dei corsi “one to one”, costruiti sulla base delle esigenze individuali e in campi disparati, che vanno dalla tecnica alla ricerca di nuovi linguaggi in fotografia.
Dei corsi molto vicini a quelli che avremmo voluto avere nel passato, se ce ne fosse stata offerta l’opportunità e la parola opportunità non va sottovalutata, perché ha un peso e una sua valenza e non è spesso scontata.
Ognuno sarà libero di scegliere, sulla base dei nostri consigli, un autore o un tecnico, tra quelli offerti come docenti, e intraprendere un corso che gli offra quello di cui realmente ha bisogno e, eventualmente, ripetere questa esperienza in futuro.
Come quando si va da un eccellente sarto a scegliere con cura un vestito, adattandolo perfettamente al corpo, vogliamo fornirvi il corso che meglio si adatta alle vostre, singole e personali esigenze.
Niente nasce dal caso e per poter essere all’altezza di questo compito e potervi fornire un’offerta diversificata e soddisfacente, abbiamo pensato di sottoporvi un questionario tra il serio e lo scherzoso a cui vi preghiamo di rispondere.
Aiutateci a capire le vostre reali esigenze e chi abbiamo difronte, non ve ne pentirete.
Massimo Mastrorillo

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Approfondiamo ! per i più intrepidi
X