fbpx Skip to content

Coco + Marilyn = Douglas Kirkland

di Paolo Ranzani

Il grande maestro Douglas Kirkland esporrà una selezione di oltre 150 fotografie realizzate nei suoi incontri con le due celebri e affascinanti donne. COCO CHANEL e MARILYN MONROE.

Dal 22 maggio al 12 settembre 2021 la Fondazione Cassa di Risparmio di Biella riapre al pubblico gli spazi espositivi di Palazzo Gromo Losa, al centro del MI-TO, in occasione di questa incredibile mostra fotografica dove potrete ammirare delle immagini che hanno fatto la storia. Due grandi donne del Novecento, due vere icone “divine” raccontate attraverso gli occhi del fotografo canadese.

Un po’ di storia; Kirkland fotografa Marilyn Monroe nel 1961, quando lavora per la rivista Look ed è ancora un giovane fotografo di appena 27 anni, ancora sconosciuto., le foto vengono pubblicate il 17 novembre 1961, sei mesi prima della morte di Marilyn.
Nell’estate del 1962, a Parigi, trascorre ben 21 giorni con Coco Chanel. Segue la celebre stilista per tre settimane strappando preziosi momenti al lavoro, nel suo atelier, tra le sue modelle, con amici, nei suoi appartamenti, una nota interessante che ci racconta Douglas è che in tutti questi giorni non l’ha mai vista senza cappello in testa. Mai, neanche per mezzo secondo.

Douglas Kirkland ebbe un grande maestro, stiamo parlando del leggendario Irving Penn, grazie ai suoi insegnamenti entra a far parte dello staff di Look Magazine poco più che ventenne e poi di Life Magazine durante l’età d’oro del fotogiornalismo degli anni 60/70.
E’ noto per aver ritratto tutte le più grandi star del cinema, pensate che dal 1960 a oggi ha ricevuto oltre 2.000 incarichi e ha fotografato più di 600 grandi celebrità, Di Caprio, Jack Nicholson, da Brigitte Bardot a Sting, da Mick Jagger a John Lennon, Elizabeth Taylor, insomma, voi dite un nome famoso e lui l’ha ritratto.

Oltre ai ritratti commissionati viene chiamato anche a fotografare sui set dei film, sono circa 150 i lavori come fotografo di scena, per citarne qualcuno: Tutti insieme appassionatamente, 2001, Odissea nello Spazio, Butch Cassidy, La mia Africa, Titanic, Moulin Rouge!, Australia, Il Grande Gatsby.
Le sue fotografie sono state esposte in tutto il mondo e fanno parte delle collezioni permanenti di importanti istituzioni museali come la National Portrait Gallery di Londra, lo Smithsonian Museum di Washington, il Lumiére Brothers Photography Centre di Mosca e moltissimi altri.
Douglas Kirkland vive e lavora a Los Angeles con sua moglie, Françoise che è anche collaboratrice e organizzatrice di tutti i suoi lavori, dietro un grande uomo, si dice, c’è una grande donna, in questo caso una straordinaria donna sta esattamente al fianco di questo grande fotografo.
Kirkland ha molte qualità, io l’ho conosciuto e posso confermalo, oltre che un eccellente fotografo è estremamente divertente, è alto un metro e novanta, un gigante con una grande capacità empatica e grandi mani, quando ti abbraccia pensi che ti possa stritolare, occhi chiari e il sorriso grande e gentile, riesce in un attimo ad entrare in sintonia con chiunque abbia davanti e quando fotografa ne coglie immediatamente la personalità. In questa mostra le sue immagini sono senza tempo e offrono al visitatore un duplice viaggio: nel culto delle star di Hollywood, con la conturbante bellezza di Marilyn, e un tuffo nella storia della moda, grazie all’eleganza di Coco Chanel.

Le opere donano una visione diretta di quel periodo dove la fotografia viveva i suoi primi tempi d’oro ed era intesa come uno degli elementi centrali della cultura moderna del consumo e della comunicazione. Sia Coco che Marilyn avevano ben compreso il potere dell’immagine e della fotografia.
Una nota interessante è che questa mostra, che ora approda in piemonte, nasce in occasione del 50°anniversario della morte di Chanel e il 100° anniversario del lancio del celebre profumo Chanel N°5.
Coco Chanel commissionò un profumo nuovo, originale, esclusivo, al chimico Ernest Beaux che miscelò essenze naturali (in particolare di gelsomino e di rosa) e sintetiche in modo considerato innovativo per l’epoca. Grazie all’uso delle essenze sintetiche il profumo si poteva sentire molto a lungo, a differenza degli altri profumi che dovevano essere dosati in gran quantità e la cui essenza entro poco tempo tendeva comunque a scomparire. Chanel, che all’epoca aveva 38 anni, volle fortemente un profumo scostandosi, secondo il suo stile, dal romanticismo e dalle convenzioni dell’epoca : ”Non voglio nessun olezzo di rose o mughetto” spiegò Chanel, “voglio un profumo elaborato, voglio un profumo da donna dal profumo di donna!”; e sappiamo tutti che fu proprio Marilyn a diventare ambasciatrice inconsapevole del famoso profumo di casa Chanel, accadde nel 1960, Georges Belmont, caporedattore di Marie-Claire, intervistò la protagonista del film « Facciamo l’amore » di Georges Cukor.

– Marilyn, what do you wear to bed?
So I said I only wear Chanel N°5

e infatti poi spiegò questa sua riposta e lo fece così: « Spesso mi fanno delle domande… Per esempio: « Cosa indossa per andare a letto? Un pigiama? La parte sotto del pigiama? Una camicia da notte? Allora rispondo: « Due gocce di CHANEL N.5 », perché è la verità ! Capisce, non voglio dire «nuda». Ma è la verità.»

https://www.atl.biella.it/evento-dettaglio/-/d/mostra-coco-marilyn-biella-al-centro-del-mi-to
http://www.douglaskirkland.com/xx0cpc8rtfslfs1y77la7eehinepk5

Altri articoli di questo autore

Condividi

Vuoi accedere agli eventi riservati?

Abbonati a soli 15€ per 365 giorni e ottieni più di ciò che immagini!

Se invece sei già iscritto ed hai la password, accedi da qui

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Non è facile trovare un buon educatore!
Appartengo ad una generazione che ha dovuto adattarsi alla scarsa offerta dei tempi. Ho avuto un solo tutor, a cui ancora oggi devo molto. Brevi, fugaci ma intensi incontri in cui il sottoscritto, da solo con lui, cercava di prendere nota anche dei respiri e trarre insegnamento da ogni singola parola.
A causa di questa carenza io e i miei coetanei ci siamo dovuti spesso costruire una visione complementare come autori, designers, critici ed insegnanti e questo ci ha aiutato a costruire qualcosa di fondamentale e duraturo.
Per questo motivo con Cine Sud che vanta un’esperienza di oltre 40 anni nel settore della formazione, abbiamo pensato alla possibilità di offrire dei corsi “one to one”, costruiti sulla base delle esigenze individuali e in campi disparati, che vanno dalla tecnica alla ricerca di nuovi linguaggi in fotografia.
Dei corsi molto vicini a quelli che avremmo voluto avere nel passato, se ce ne fosse stata offerta l’opportunità e la parola opportunità non va sottovalutata, perché ha un peso e una sua valenza e non è spesso scontata.
Ognuno sarà libero di scegliere, sulla base dei nostri consigli, un autore o un tecnico, tra quelli offerti come docenti, e intraprendere un corso che gli offra quello di cui realmente ha bisogno e, eventualmente, ripetere questa esperienza in futuro.
Come quando si va da un eccellente sarto a scegliere con cura un vestito, adattandolo perfettamente al corpo, vogliamo fornirvi il corso che meglio si adatta alle vostre, singole e personali esigenze.
Niente nasce dal caso e per poter essere all’altezza di questo compito e potervi fornire un’offerta diversificata e soddisfacente, abbiamo pensato di sottoporvi un questionario tra il serio e lo scherzoso a cui vi preghiamo di rispondere.
Aiutateci a capire le vostre reali esigenze e chi abbiamo difronte, non ve ne pentirete.
Massimo Mastrorillo

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Approfondiamo ! per i più intrepidi
X