fbpx Skip to content

CHE GUEVARA – Analisi, dubbi e curiosità sull’immagine più riprodotta al mondo.

di Paolo Ranzani

Nel I960, il fotografo cubano Alberto Korda scattò a Ernesto Che Guevara una foto destinata a diventare la fotografia più riprodotta della storia.
E’ stata riprodotta su tutto, dai semplici poster alle banconote, t-shirt, bibite gassate, pacchetti di sigarette, preservativi e anche sulla biancheria intima femminile. Si è diffusa in milioni e milioni di esemplari. Icona delle icone, simbolo di ribellione ma anche feticcio che si trasmette di generazione in generazione.

Il più celebre fotoritratto del XX secolo, ma anche l’immagine più riprodotta della storia… forse seconda solo al volto di Gesù.
Ma il paragone non regge in quanto di Cristo non si hanno notizie “comprovate” né sulle sembianze né sulla vita (non me ne vogliano i Cristiano Cattolici Credenti) ma sopratutto la riproduzione del figlio di Dio si rifà a raffigurazioni di ritratti diversi e di varie epoche.
Come immagine “unica” comprovata… mi spiace ma vince il Che!

Esistono molte varianti e leggende intorno al momento dello scatto, quelle che vi riporto dovrebbero essere le parole più accreditate visto che provengono (così sembra) direttamente dall’autore.
Disse Korda in una intervista: “Non ho nessun merito, è stato un atto istintivo, automatico e la foto non è nemmeno molto incisa perché non ho avuto il tempo di mettere bene a fuoco. Era il giorno dello scoppio di una bomba messa come sabotaggio sulla nave la Coubre che portava il primo carico d’armi comprato dalla rivoluzione e che aveva provocato molti morti e moltissimi feriti. Eravamo nel marzo 1960, la situazione era sempre più incandescente e avrebbe presto portato all’invasione mercenaria della Baia dei Porci. Vi furono i funerali delle vittime e poi un comizio di Fidel. Il Che era stato in prima fila durante il corteo, poi era scomparso. Io fra la folla scattai alcune foto a Fidel, poi a Sartre e a Simone de Beauvoir che erano lì vicini, quando all’improvviso riapparve il Che. Mi colpì quello sguardo, che esprimeva tutta la sua rabbia per l’attentato e il dolore per le vittime. Rimase sul palco pochi secondi, e scattai d’istinto quelle due uniche immagini. Fu solo dopo sette anni che quella foto saltò fuori. Fu l’editore milanese Giangiacomo Feltrinelli (se ne fece regalare due copie dal fotografo) a diffonderla in tutto il mondo pubblicandola sia come poster nel ’67 sia, un anno dopo, come copertina del libro “Diario in Bolivia”. Uscì poi come copertina su Paris Match e da lì in tutto il mondo come la più adatta ad essere riprodotta in mille e mille modi, come tutti sapete.”

Una fotografia, un’icona, una storia. Mille storie. Usata e abusata. Adorata e violentata. Diffusa a macchia d’olio grazie (per colpa?) anche a personalità come Jean-Paul Sartre e Andy Warhol.
Lo stesso Fidel Castro ne approfittò per promuovere la Rivoluzione cubana e la fece riprodurre in ogni angolo della sua Cuba. (Marketing?)

La più celebre rappresentazione è quella con sfondo rosso, ma esistono anche un Che Topolino, un Che Monna Lisa, un Che con gli occhiali di Jean Paul Gaultier.
In italia si diffuse velocemente dopo che venne usata come bandiera per la rivoluzione studentesca del 68′.
Icona pop per eccellenza la si trova anche su moti dischi come ad esempio «American Life» di Madonna e «American Five Dollar Bill» di Pedro Myer (in cui il viso di Abraham Lincoln è sostituito da quello del Che).
In tv sono rimaste memorabili le apparizioni in South Park e nei Simpson.
Ultimamente, qui da noi, si sono viste anche magliette con un Beppe Grillo Che Guevara!

Alberto Korda morì nel 2001 e per tutti questi anni ha assistito alle continue manipolazioni della sua foto senza pretendere diritti.
Disse che le grandi idee e quindi anche le grandi immagini, appartengono a tutti, volano libere e si posano ovunque trovino menti aperte disposte ad accoglierle e a custodirle.
Già questo pensiero ha qualcosa di incredibile ai giorni nostri, ma il Che e Korda erano uomini di un altro mondo, di un’altra pasta, di ben altro pensiero.

Una cosa divertente che però va narrata è che invece un paio di volte, il buon Korda, mise di mezzo i suoi avvocati. Fu quando il cattivo gusto superò il limite, come quella volta che in Australia una casa dolciaria impresse l’immagine del Comandante sulla confezione dei suoi gelati Magnum al …“Cherry Guevara”».

Decisamente troppo!

Ma uno degli utilizzi promozionali che mi lasciano più perplesso fu quello intrapreso dal reverendo inglese Peter Owen-Jones, che per conto del «Church advertising network», l’organo responsabile delle campagne pubblicitarie della Chiesa anglicana, ebbe l’idea di riportare i fedeli a messa facendo affiggere nelle strade del Sussex un manifesto con la celebre immagine di Ernesto Che Guevara sovrapposta a quella di Cristo. Sfondo rosso e slogan a effetto: «Scoprì il vero Gesù»

Chiudo con una frase di Antonio Banderas che ha partecipato ad un film documentario dal titolo “Chevolution” che narra proprio la storia di questa icona.
“Ormai il Che è stato metabolizzato dal sistema. Con questa riproduzione infinita e planetaria, il capitalismo ha dimostrato di saper divorare tutti, anche i suoi nemici”.

Note:

Alberto Díaz Gutiérrez (L’Avana, 14 settembre 1928 – Parigi, 26 maggio 2001) è stato un fotografo cubano.
Conosciuto come Alberto Korda, diventò famoso per il suo ritratto a Ernesto Che Guevara, “il Guerrillero Heroico”. Prima della rivoluzione castrista era fotografo di moda. Nel 1960 diventò fotografo del quotidiano Revolución. Morì per un attacco di cuore durante una sua mostra personale a Parigi nel 2001. Fu seppellito a l’Avana nello stesso anno.
—-
“Chevolution” è un film del 2008 diretto da Luis Lopez e Trisha Zipp.

“La seconda vita del Che. Storia di un’icona contemporanea” è un libro di Michael Casey – Feltrinelli 2010

Dal 2010 sta girando in tutto il mondo la mostra “Che, revolution y mercado” dedicata alla storia del celebre ritratto. Vengono riportate molte rappresentazioni celebri e meno celebri, gli omaggi le parodie e le caricature, ma anche reliquie e souvenir della vita del Che.

Altri articoli di questo autore

Condividi

Articoli Recenti

Vuoi accedere agli eventi riservati?

Abbonati a soli 15€ per 365 giorni e ottieni più di ciò che immagini!

Se invece sei già iscritto ed hai la password, accedi da qui

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Non è facile trovare un buon educatore!
Appartengo ad una generazione che ha dovuto adattarsi alla scarsa offerta dei tempi. Ho avuto un solo tutor, a cui ancora oggi devo molto. Brevi, fugaci ma intensi incontri in cui il sottoscritto, da solo con lui, cercava di prendere nota anche dei respiri e trarre insegnamento da ogni singola parola.
A causa di questa carenza io e i miei coetanei ci siamo dovuti spesso costruire una visione complementare come autori, designers, critici ed insegnanti e questo ci ha aiutato a costruire qualcosa di fondamentale e duraturo.
Per questo motivo con Cine Sud che vanta un’esperienza di oltre 40 anni nel settore della formazione, abbiamo pensato alla possibilità di offrire dei corsi “one to one”, costruiti sulla base delle esigenze individuali e in campi disparati, che vanno dalla tecnica alla ricerca di nuovi linguaggi in fotografia.
Dei corsi molto vicini a quelli che avremmo voluto avere nel passato, se ce ne fosse stata offerta l’opportunità e la parola opportunità non va sottovalutata, perché ha un peso e una sua valenza e non è spesso scontata.
Ognuno sarà libero di scegliere, sulla base dei nostri consigli, un autore o un tecnico, tra quelli offerti come docenti, e intraprendere un corso che gli offra quello di cui realmente ha bisogno e, eventualmente, ripetere questa esperienza in futuro.
Come quando si va da un eccellente sarto a scegliere con cura un vestito, adattandolo perfettamente al corpo, vogliamo fornirvi il corso che meglio si adatta alle vostre, singole e personali esigenze.
Niente nasce dal caso e per poter essere all’altezza di questo compito e potervi fornire un’offerta diversificata e soddisfacente, abbiamo pensato di sottoporvi un questionario tra il serio e lo scherzoso a cui vi preghiamo di rispondere.
Aiutateci a capire le vostre reali esigenze e chi abbiamo difronte, non ve ne pentirete.
Massimo Mastrorillo

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Approfondiamo ! per i più intrepidi
X