fbpx Skip to content

Ap/punti di vista: “Che cosa è la semiotica della fotografia”

di Paolo Ranzani

di DARIO MANGANO Edito da Carrocci editore (Le bussole)

Ultimamente si sente sempre di più usare la metafora del “linguaggio fotografico” e si tende a pensare alla fotografia come ad un testo, una parola che non deve necessariamente farci pensare a un libro, ma ad una tela fatta da tanti fili, complessa e strutturata al suo interno.

Il problema non è l’adeguamento della fotografia alla realtà ma la relazione che si istituisce tra le due, che produce effetti su entrambe. Il risultato è sotto gli occhi di tutti: da quando abbiamo imparato a fotografare è cambiato il modo in cui percepiamo il mondo che ci circonda. Ma la fotografia può essere considerata un linguaggio? Forse messa così è una visione romantica che ci piace raccontare ma risulta anche essere una forma semplicistica.  Una fotografia, una immagine visiva è una forma molto complessa di segni, tracce, contenuti, significati, quindi forse sarebbe più opportuno iniziare ad ampliare l’idea e usare la parola al plurale: LINGUAGGI.

Già il fatto di poter fermare la realtà e quindi di sovvertire il senso mutevole che la realtà ha con se ci porta una contraddizioni in termini, essa non può restare “la realtà”.

Il senso del testimoniare è solo una delle possibilità aperte dal nostro decidere, chi – cosa – come – quando – in che modo.

Cartier-Bresson diceva che l’istante decisivo è “il riconoscimento immediato, nella frazione di un secondo, del significato di un fatto e, contemporaneamente, della rigorosa organizzazione della forma che esprime quel fatto”.   

Li vedete già i molteplici livelli che si scompongono?

Per approfondire l’argomento è necessario entrare nei meandri della Semiotica applicata alla Fotografia.  

Userò le parole dello stesso prof. Dario Mangano: “La semiotica studia i sistemi di significazione, il loro funzionamento e dunque il modo in cui il senso si produce e trasforma. Rispetto alla fotografia, allora, lo scopo non è dire cosa essa significhi – in generale o in particolare, facendo riferimento a uno specifico scatto – ma come lo faccia. Quali meccanismi, cioè, si mettono in moto quando guardiamo una fotografia, e cosa succede quando invece siamo noi a farne una. Perché ogni volta, consapevoli o meno che ne siamo, articoliamo una materia espressiva, e questa operazione avviene all’interno di un quadro di riferimento condiviso senza il quale, banalmente, non ci capiremmo. E invece, non solo capiamo benissimo le fotografie, ma le usiamo continuamente per esprimerci: per denunciare, affascinare, ricordare, colpire, sedurre, riflettere, e qualche volta perfino per dimenticare.”

Un altra constatazione che amiamo fare in questa epoca e cercare di capire il valore della fotografia, di certo sappiamo che è decisamente cambiato, non solo in termini di percezione ma anche di uso programmato dell’immagine. Prendiamo ad esempio i Selfie.

Oltre al fatto di aver capito che è divertente e che facilita la possibilità di vedersi mentre si scatta, il punto fondamentale è che ormai sappiamo il percorso che farà quell’immagine, essa non resterà in un album, non finirà in un laboratorio, ma a tempo zero sarà diffusa, lanciato nello spazio dei byte e visionata da un considerevole numero di persone, come lo sappiamo noi lo sanno ad esempio anche i politici, e non è un caso che alcuni di loro incoraggino a fare i selfie e che metodicamente e pazientemente si dedicano a sorridere a migliaia di click fianco a fianco al possessore dello smartphone, sanno benissimo che quella loro faccia sarà propagata infinite volte, una propaganda pazzesca e impensabile fino a pochi anni fa.

Questi e altri stimoli li possiamo trovare nelle straordinarie pagine di questo libro che cambierà ancora di più la nostra percezione del mondo fotografato e fotografabile ma anche il modo in cui pensiamo noi stessi e le relazioni interpersonali che intratteniamo.

Ammesso e non concesso che un’immagine valga più di mille parole…. mille immagini quanto valgono?

Altri articoli di questo autore

Condividi

Articoli Recenti

Vuoi accedere agli eventi riservati?

Abbonati a soli 15€ per 365 giorni e ottieni più di ciò che immagini!

Se invece sei già iscritto ed hai la password, accedi da qui

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Non è facile trovare un buon educatore!
Appartengo ad una generazione che ha dovuto adattarsi alla scarsa offerta dei tempi. Ho avuto un solo tutor, a cui ancora oggi devo molto. Brevi, fugaci ma intensi incontri in cui il sottoscritto, da solo con lui, cercava di prendere nota anche dei respiri e trarre insegnamento da ogni singola parola.
A causa di questa carenza io e i miei coetanei ci siamo dovuti spesso costruire una visione complementare come autori, designers, critici ed insegnanti e questo ci ha aiutato a costruire qualcosa di fondamentale e duraturo.
Per questo motivo con Cine Sud che vanta un’esperienza di oltre 40 anni nel settore della formazione, abbiamo pensato alla possibilità di offrire dei corsi “one to one”, costruiti sulla base delle esigenze individuali e in campi disparati, che vanno dalla tecnica alla ricerca di nuovi linguaggi in fotografia.
Dei corsi molto vicini a quelli che avremmo voluto avere nel passato, se ce ne fosse stata offerta l’opportunità e la parola opportunità non va sottovalutata, perché ha un peso e una sua valenza e non è spesso scontata.
Ognuno sarà libero di scegliere, sulla base dei nostri consigli, un autore o un tecnico, tra quelli offerti come docenti, e intraprendere un corso che gli offra quello di cui realmente ha bisogno e, eventualmente, ripetere questa esperienza in futuro.
Come quando si va da un eccellente sarto a scegliere con cura un vestito, adattandolo perfettamente al corpo, vogliamo fornirvi il corso che meglio si adatta alle vostre, singole e personali esigenze.
Niente nasce dal caso e per poter essere all’altezza di questo compito e potervi fornire un’offerta diversificata e soddisfacente, abbiamo pensato di sottoporvi un questionario tra il serio e lo scherzoso a cui vi preghiamo di rispondere.
Aiutateci a capire le vostre reali esigenze e chi abbiamo difronte, non ve ne pentirete.
Massimo Mastrorillo

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Approfondiamo ! per i più intrepidi
X