fbpx Skip to content

Ap/punti di vista: CODICE OVVIO di Bruno Munari

di Paolo Ranzani

Non c’è stato un momento nella mia infanzia e nella mia vita, in cui mi sia accorto che la mia strada sarebbe stata quella dell’artista. C’è sempre stata una specie di “dissolvenza incrociata” tra la vita normale di paese e una mia attività che oggi si definirebbe “creativa”, provocata dalla curiosità e dalla voglia di fare qualcosa di diverso dal solito.”

Bruno Munari fu artista, scrittore, grafico, progettista e una innumerevole quantità di altre esperienze. Nato a Milano nel 1907 viene infatti definito “figura leonardesca del ‘900”, perché è stato in grado di declinare il suo pensiero in molteplici discipline e arti, proprio come Leonardo da Vinci.
Tre le sue tante pubblicazioni ho scelto CODICE OVVIO (Ed. Einaudi 1971 – a cura di Paolo Fossati).

In questo libro l’autore unisce, incrocia, annoda e mette in contrapposizione tutta la sua poliedrica produzione, una fantastica serie di tasselli in forma di parole e disegni, idee sperimentali condotte abilmente in un percorso antologico, dinamico e funzionale, utile a raccontare la profondità di un uomo straordinario.

E’ davvero difficile descrivere l’attività poliedrica di questo fantasmagorico personaggio ricordato ancora oggi come una delle figure più indipendenti e influenti nella storia del design italiano e internazionale. Con Severini, Marinetti, Prampolini e Aligi Sassu, contribuì a fondare il Gruppo Lombardo Radiofuturista dando subito inizio ad un tentativo per forzare i limiti concettuali e tecnici della pittura e della scultura. Nel 1942, pubblicando Le macchine di Munari presso Einaudi, diventa collaboratore della casa editrice torinese, un rapporto che continuerà per oltre 40 anni diventando il grafico creativo di moltissime testate ancora oggi in edicola. Instancabile e frenetico è tra i fondatori del Movimento Arte Concreta, sperimenta le proiezioni di luce polarizzata, si dedica alle Xerografie originali, esplora ogni tipo di forma e di materia, realizza anche celebri icone di design come il portacenere “Cubo” per poi passare ai giocattoli e alle illustrazioni per bambini.

Incontenibile Munari.

 “Tutti sono capaci di complicare. Pochi sono capaci di semplificare. 

Fu anche un grande comunicatore e insegnante, Munari tenne corsi in diverse scuole tra cui il Carpenter Center for Visual Arts della Harvard University.

Non è quindi facile anticipare in parole il libro “CODICE OVVIO” ma al contempo, trovandoselo davanti agli occhi, ci si accorge di avere a che fare con pagine facilmente fruibili da grandi e piccoli, ognuno con le sue chiavi di lettura, ognuno con la sua immaginazione perché quello che offre sono ispirazioni, idee aperte verso il non conosciuto. Sono certo che Munari volesse dire qualcosa simile a “Prendete e assaporatene tutti, cibatevi di suggestioni e fatele diventare vostre, non interrompete il flusso, quello che vedete potrebbe essere solo la partenza di una strada che non avete ancora immaginato.

Una pagina che ho apprezzato molto si intitola: “FALSA EDUCAZIONE” e recita queste poche righe, tipo poesia, che rivelano in pochi tratti una grandissima verità:

Il pubblico è abituato
A vedere nei musei
Opere d’arte
Soltanto sotto forma di
Pitture
Sculture
Disegni
E scambiando il mezzo per l’arte
Compera oggetti che sembrano
Pitture
Sculture
Disegni

Mai troverebbe l’arte
In una composizione di alluminio
O di materia plastica.

Scorrendo le prime pagine ci si accorge di trovarsi tra le mani una gimcana appositamente predisposta per condurre il lettore-spettatore all’interno dell’attività spesso frenetica di un artista spiazzante, fuori dalle etichette a cui siamo abituati.
Fotografie, disegni, progetti, grafiche, schizzi, appunti, elucubrazioni, provocazioni, poesie, rebus, dubbi e domande. Bruno Munari ama creare intrecci anche tra le citazioni celebri, ne coglie i frutti migliori e li interseca dando vita ad un effetto domino di nuovi incredibili aforismi.
Ad esempio ama citare una espressione Zen: «Il riso è la manifestazione esterna di un equilibrio interiore» e poi ricorda che se in greco -Techne- è sinonimo di Arte, il suo omologo in giapponese -Asobi-, significa Arte, ma anche gioco, e infine si aggancia ad una frase di Paul Valéry «La più grande libertà nasce dal più grande rigore».
Il “gioco” di Munari è qualcosa in più che un esercizio ludico e non vuole neanche assomigliare a termini medici o che appartengono alla psicologia, ma è di sicuro un allenamento del pensiero e può essere vissuto con estrema leggerezza ma anche con grande profondità.

Il libro CODICE OVVIO è stato ristampato più volte ed è acquistabile in edizione economica a circa 18,00 euro, mentre la prima edizione originale in buono stato raggiunge valori vicini ai 100 euro e oltre.

Fotografie: ©MunArt ©DaneseMilano ©FondazionePirelli

Altri articoli di questo autore

Condividi

Vuoi accedere agli eventi riservati?

Abbonati a soli 15€ per 365 giorni e ottieni più di ciò che immagini!

Se invece sei già iscritto ed hai la password, accedi da qui

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Non è facile trovare un buon educatore!
Appartengo ad una generazione che ha dovuto adattarsi alla scarsa offerta dei tempi. Ho avuto un solo tutor, a cui ancora oggi devo molto. Brevi, fugaci ma intensi incontri in cui il sottoscritto, da solo con lui, cercava di prendere nota anche dei respiri e trarre insegnamento da ogni singola parola.
A causa di questa carenza io e i miei coetanei ci siamo dovuti spesso costruire una visione complementare come autori, designers, critici ed insegnanti e questo ci ha aiutato a costruire qualcosa di fondamentale e duraturo.
Per questo motivo con Cine Sud che vanta un’esperienza di oltre 40 anni nel settore della formazione, abbiamo pensato alla possibilità di offrire dei corsi “one to one”, costruiti sulla base delle esigenze individuali e in campi disparati, che vanno dalla tecnica alla ricerca di nuovi linguaggi in fotografia.
Dei corsi molto vicini a quelli che avremmo voluto avere nel passato, se ce ne fosse stata offerta l’opportunità e la parola opportunità non va sottovalutata, perché ha un peso e una sua valenza e non è spesso scontata.
Ognuno sarà libero di scegliere, sulla base dei nostri consigli, un autore o un tecnico, tra quelli offerti come docenti, e intraprendere un corso che gli offra quello di cui realmente ha bisogno e, eventualmente, ripetere questa esperienza in futuro.
Come quando si va da un eccellente sarto a scegliere con cura un vestito, adattandolo perfettamente al corpo, vogliamo fornirvi il corso che meglio si adatta alle vostre, singole e personali esigenze.
Niente nasce dal caso e per poter essere all’altezza di questo compito e potervi fornire un’offerta diversificata e soddisfacente, abbiamo pensato di sottoporvi un questionario tra il serio e lo scherzoso a cui vi preghiamo di rispondere.
Aiutateci a capire le vostre reali esigenze e chi abbiamo difronte, non ve ne pentirete.
Massimo Mastrorillo

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Approfondiamo ! per i più intrepidi
X