fbpx Skip to content

Ap/punti di vista: CAPIRE UNA FOTOGRAFIA di John Berger – Ed. Contrasto

di Paolo Ranzani

Siamo davvero in grado di comprendere una fotografia?
Una domande che dovremmo porci più spesso, soprattutto perché viviamo in un presente dove “fare fotografie” è ormai un’azione quotidiana, a volte anche ossessiva ed esasperata che ci porta a guardare, per lo più in modo distratto e superficiale, un numero sproporzionato di immagini al minuto…. Cosa ci rimane di quelle immagini?

Questo prezioso libro è da leggere e anche da possedere. Può aiutare a trovare delle valide risposte a insinuassi dubbi e a fornire i requisiti necessari per poter parlare finalmente di fotografia in modo tutt’altro che limitato, con una visione culturale più aperta avvicinando saperi differenti. Più che un libro è principalmente una raccolta di saggi, articoli e frammenti di pensieri e riflessioni profonde del famoso critico d’arte, scrittore, poeta e romanziere John Berger. Mi soffermo un attimo su questa affermazione, in realtà Berger non sopportava di essere definito un critico d’arte. Lo riteneva un insulto. Eppure per tutta la vita ha continuato a descrivere i suoi incontri con l’arte, le epifanie di fronte a un dipinto o una scultura, i viaggi immaginari negli atelier in cui un’opera veniva pensata e realizzata. Poco importava che quegli incontri assumessero le sembianze di un romanzo, una poesia o un saggio; non si trattava di critica, ma di narrazione nel senso più antico del termine: una voce che racconta ciò che gli occhi hanno visto e le mani toccato

Il primo saggio di Berger, pubblicato nel 1967, viene spesso ricordato come esempio classico di esercizio di lettura di una fotografia ed è dedicato alla fotografia del corpo senza vita di Che Guevara, paragonata al Lamento sul Cristo morto di Mantegna. 

In “Capire una fotografia” l’autore ci aiuta a sviluppare un articolato pensiero sulla fotografia attraverso i suoi ragionamenti che confronta ed intreccia con le opinioni di due critici importanti, ovvero Susan Sontag e Roland Barthes. Berger sviluppa il concetto di fotografia come un oggetto culturale complesso capace di integrare le capacità mentali dell’uomo. Ragiona in modo raffinato e profondo sulle proprie convinzioni sviluppando delle vere e proprie teorie.
Infatti quando Berger osserva una fotografia egli incontra un’opera, ricca di significati e ambiguità ed è capace di crearne un testo visivo e di estrarne una teoria. 
Faccio un esempio, nel libro compare una fotografia di Sander del 1914:

Giovani contadini © August Sander

“Sono tre giovani contadini diretti a una festa da ballo con abiti borghesi: Questa immagine ci fornisce tante informazioni quante se ne possono trovare nelle pagine di un maestro della descrizione come Zola. […] Questa foto è un esempio minimo, ma molto efficace di ciò che Gramsci chiamava egemonia di classe. […] I contadini furono persuasi a scegliere questo nuovo tipo di abito. Dalla pubblicità. Dalle fotografie. Dai nuovi mezzi di comunicazione di massa. L’accettazione di quegli standard, il conformarsi a quelle norme che nulla avevano né con la loro tradizione, né con la loro esperienza quotidiana, li condannò, in quel sistema normativo, a essere sempre e in modo riconoscibile per le classi superiori, mediocri, goffi, ordinari, insicuri. Ed è proprio così che si soccombe all’egemonia culturale.”
Ci insegna che la fotografia non può essere letta con sguardo bidimensionale, solo bella o brutta, ma nasconde meccanismi di lettura che vanno oltre all’estetica, strutture sociologiche ed etiche. Conoscere i metodi di come essa viene percepita ed acquisita dal mondo circostante è una ricerca che lo interessa molto nonostante i suoi studi siano per lo più da autodidatta. Le riflessioni proposte sono dei veri e propri saggi da analizzare con attenzione. Per questo motivo consiglio di leggerlo con calma, un po’ alla volta e magari anche un paio di volte lasciando passare del tempo, perché ogni volta vi capiterà di assorbire le pagine in modo sempre diverso e sempre con maggiore profondità.

 

Ordina “Capire una fotografia” su CineSud.it

Altri articoli di questo autore

Condividi

Vuoi accedere agli eventi riservati?

Abbonati a soli 15€ per 365 giorni e ottieni più di ciò che immagini!

Se invece sei già iscritto ed hai la password, accedi da qui

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Non è facile trovare un buon educatore!
Appartengo ad una generazione che ha dovuto adattarsi alla scarsa offerta dei tempi. Ho avuto un solo tutor, a cui ancora oggi devo molto. Brevi, fugaci ma intensi incontri in cui il sottoscritto, da solo con lui, cercava di prendere nota anche dei respiri e trarre insegnamento da ogni singola parola.
A causa di questa carenza io e i miei coetanei ci siamo dovuti spesso costruire una visione complementare come autori, designers, critici ed insegnanti e questo ci ha aiutato a costruire qualcosa di fondamentale e duraturo.
Per questo motivo con Cine Sud che vanta un’esperienza di oltre 40 anni nel settore della formazione, abbiamo pensato alla possibilità di offrire dei corsi “one to one”, costruiti sulla base delle esigenze individuali e in campi disparati, che vanno dalla tecnica alla ricerca di nuovi linguaggi in fotografia.
Dei corsi molto vicini a quelli che avremmo voluto avere nel passato, se ce ne fosse stata offerta l’opportunità e la parola opportunità non va sottovalutata, perché ha un peso e una sua valenza e non è spesso scontata.
Ognuno sarà libero di scegliere, sulla base dei nostri consigli, un autore o un tecnico, tra quelli offerti come docenti, e intraprendere un corso che gli offra quello di cui realmente ha bisogno e, eventualmente, ripetere questa esperienza in futuro.
Come quando si va da un eccellente sarto a scegliere con cura un vestito, adattandolo perfettamente al corpo, vogliamo fornirvi il corso che meglio si adatta alle vostre, singole e personali esigenze.
Niente nasce dal caso e per poter essere all’altezza di questo compito e potervi fornire un’offerta diversificata e soddisfacente, abbiamo pensato di sottoporvi un questionario tra il serio e lo scherzoso a cui vi preghiamo di rispondere.
Aiutateci a capire le vostre reali esigenze e chi abbiamo difronte, non ve ne pentirete.
Massimo Mastrorillo

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Approfondiamo ! per i più intrepidi
X