fbpx Skip to content

Annunciati i vincitori dei Creative Photo Awards del Siena Awards

di Alessandro Tarantino

Annunciati i vincitori dei Creative Photo Awards, concorso internazionale dedicato alla fotografia artistica e creativa del Siena Awards. I primi scatti classificati per ogni categoria saranno esposti alla mostra I Wonder if You Can durante il festival Siena Awards, in programma a Siena dal 23 ottobre al 5 dicembre.

Il concorso ha visto i concorrenti competere in 17 categorie aperte a fotografi contemporanei che si distinguono per un approccio innovativo rispetto alla fotografia tradizionale. Vincitore assoluto dell’edizione 2021 è il fotografo iraniano Masoud Mirzaei (qui un articolo in cui abbiamo parlato di lui) con “The Lake”. La foto è stata scattata sul lago Urmia, situato tra le province dell’Azerbaigian orientale e occidentale. È il più grande del Medio Oriente e il sesto lago di acqua salata al mondo.

Tre gli italiani ad aver trionfato in altrettante categorie. Primo posto nella categoria Food per Claudio Dell’Osa con Fish. Scattata a Ortona, in provincia di Chieti, l’immagine immortala oggetti di uso quotidiano e prodotti tipici di quella terra che emergono da sfondi caravaggeschi. Con Hotel Paradise Giulio Fabbri conquista il primo posto nella categoria Experimental. L’immagine, realizzata attraverso numerosi scatti riuniti in un unico scenario, rappresenta lo spirito di adattabilità del genere umano. Tante persone con una vita apparentemente tranquilla nonostante l’ambiente urbano in cui vivono appaia frenetico e inquietante.

Filippo Drudi vince nella categoria Abstract con The Fork. Lo scatto è un simbolico omaggio alla forchetta, oggetto di uso quotidiano che il fotografo definisce “sinuosa, elegante, femminile e simmetrica, ma anche minacciosa e seducente e dalle caratteristiche geometriche quasi astratte”. 

Primo posto, poi, nella categoria Product per il fotografo portoghese Andre Boto, mentre lo statunitense Eric Politzer vince nella categoria Music. Nella categoria Fashion il primo posto è andato all’immagine The Colorful Fragile Bubbles del fotografo cinese Zejian Li. Primo posto nella categoria Beauty per Robert Piccoli. Con il suo scatto Composed, il fotografo australiano ha voluto esplorare dall’interno il concetto di bellezza, intesa come condizione di pace e serenità del corpo, della mente e dell’anima.

Losing Our Minds, del belga Eddy Verloes, è la foto vincitrice nella categoria Open. La fotografa russa Olga Rudenok ha conquistato il primo posto nella categoria Still-life, mentre l’australiano Steve Wise ha trionfato nella categoria People. Nella categoria Pets, ha vinto il fotografo peruviano Pedro Jarque Krebs, nella categoria Architecture la fotografa norvegese Ingun Alette Maehlum.

The Flying Bride, del fotografo britannico Soven Amatya, è lo scatto vincitore nella categoria Wedding. Il fotografo russo George Mayer si è aggiudicato il primo posto nella categoria Nude con Anima, mentre il fotografo tedesco Hans Wichmann ha vinto nella categoria Nature con la foto Palm Grove. Primo posto nella categoria Conceptual per il fotografo argentino Jairo Alvarez. Infine, primo posto nella categoria Series per la fotografa statunitense Astrid Reischwitz con il portfolio intitolato Spin Club Tapestry.

 Dal 23 ottobre al 5 dicembre, il festival Siena Awards propone come ogni anno un ricco programma di mostre personali e collettive, workshop, photo tour, seminari, proiezioni e visite guidate alla scoperta del territorio senese. Ospite principale di questa edizione sarà Steve Winter, per la prima volta in Italia. Da non perdere anche la mostra monografica di Brent Stirton e le esposizioni dedicate ai premi fotografici Siena International Photo Awards e Drone Photo Awards.

Altri articoli di questo autore

Condividi

Vuoi accedere agli eventi riservati?

Abbonati a soli 15€ per 365 giorni e ottieni più di ciò che immagini!

Se invece sei già iscritto ed hai la password, accedi da qui

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Non è facile trovare un buon educatore!
Appartengo ad una generazione che ha dovuto adattarsi alla scarsa offerta dei tempi. Ho avuto un solo tutor, a cui ancora oggi devo molto. Brevi, fugaci ma intensi incontri in cui il sottoscritto, da solo con lui, cercava di prendere nota anche dei respiri e trarre insegnamento da ogni singola parola.
A causa di questa carenza io e i miei coetanei ci siamo dovuti spesso costruire una visione complementare come autori, designers, critici ed insegnanti e questo ci ha aiutato a costruire qualcosa di fondamentale e duraturo.
Per questo motivo con Cine Sud che vanta un’esperienza di oltre 40 anni nel settore della formazione, abbiamo pensato alla possibilità di offrire dei corsi “one to one”, costruiti sulla base delle esigenze individuali e in campi disparati, che vanno dalla tecnica alla ricerca di nuovi linguaggi in fotografia.
Dei corsi molto vicini a quelli che avremmo voluto avere nel passato, se ce ne fosse stata offerta l’opportunità e la parola opportunità non va sottovalutata, perché ha un peso e una sua valenza e non è spesso scontata.
Ognuno sarà libero di scegliere, sulla base dei nostri consigli, un autore o un tecnico, tra quelli offerti come docenti, e intraprendere un corso che gli offra quello di cui realmente ha bisogno e, eventualmente, ripetere questa esperienza in futuro.
Come quando si va da un eccellente sarto a scegliere con cura un vestito, adattandolo perfettamente al corpo, vogliamo fornirvi il corso che meglio si adatta alle vostre, singole e personali esigenze.
Niente nasce dal caso e per poter essere all’altezza di questo compito e potervi fornire un’offerta diversificata e soddisfacente, abbiamo pensato di sottoporvi un questionario tra il serio e lo scherzoso a cui vi preghiamo di rispondere.
Aiutateci a capire le vostre reali esigenze e chi abbiamo difronte, non ve ne pentirete.
Massimo Mastrorillo

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Approfondiamo ! per i più intrepidi
X