fbpx Skip to content

Amnesty Media Awards 2021, annunciati i vincitori

di Alessandro Tarantino

La pandemia soprattutto ma anche molti altri temi a sfondo inevitabilmente sociale e con un focus specifico sui diritti umani: questi gli argomenti trattati dai fotografi e i giornalisti vincitori dell’Amnesty Media Award 2021 di Amnesty International UK che sono stati annunciati nei giorni scorsi durante una cerimonia virtuale.

«Gli Amnesty Media Awards 2021 celebrano un giornalismo eccezionale in tempi senza precedenti. In un anno in cui gran parte del mondo si è fermata, fortunatamente il lavoro vitale del giornalismo sui diritti umani è continuato. Senza di esso la lista di storie spesso strazianti e commoventi che abbiamo celebrato stasera sarebbe rimasta inalterata. Rendiamo quindi omaggio al coraggio e alla dedizione dei giornalisti che continuano a scoprire le azioni illecite e a contribuire così a creare un mondo più giusto», ha dichiarato durante la cerimonia la direttrice di Amnesty International UK Kate Allen

Tra i premiati, anche Smita Sharma, fotogiornalista freelance indiana che racconta le condizioni critiche dei diritti umani e le questioni sociali nella propria comunità e nel Sud del mondo su incarichi per Human Rights Watch, National Geographic Magazine e altre pubblicazioni.

Dalla documentazione degli effetti della gravidanza sull’istruzione delle ragazze in Kenya al matrimonio di bambine in Nepal e al traffico sessuale in India e Bangladesh, Sharma si è impegnata negli anni a rappresentare le persone con dignità e a raccontare storie “minori”. I suoi lavori sono stati esposti in tutto il mondo, anche presso la sede delle Nazioni Unite a New York.

Shamra è stata premiata per l’articolo pubblicato dal National Geographic Magazine dal titolo “Stolen Lives” (“Vite rubate”): «Questo lavoro è davvero una testimonianza del coraggio e della capacità di recupero delle ragazze che mi hanno permesso di entrare nelle loro vite: sono grata che abbiano riposto la loro fiducia in me. Un enorme ringraziamento anche al National Geographic Magazine per aver sostenuto questa storia complicata che ha indagato sul traffico sessuale di minori in India e Bangladesh», ha commentato sui suoi profili social dopo il conferimento del premio.

A premiarla sono stati i giudici: Claire Thomas (giornalista freelance), Mark Sealy MBE (Autograph ABP), Philip Coburn (Daily Mirror), Sara Rumens (The Times), Tariq Zaidi (fotoreporter freelance) e Richard Burton (Amnesty International)

Altri articoli di questo autore

Condividi

Vuoi accedere agli eventi riservati?

Abbonati a soli 15€ per 365 giorni e ottieni più di ciò che immagini!

Se invece sei già iscritto ed hai la password, accedi da qui

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Non è facile trovare un buon educatore!
Appartengo ad una generazione che ha dovuto adattarsi alla scarsa offerta dei tempi. Ho avuto un solo tutor, a cui ancora oggi devo molto. Brevi, fugaci ma intensi incontri in cui il sottoscritto, da solo con lui, cercava di prendere nota anche dei respiri e trarre insegnamento da ogni singola parola.
A causa di questa carenza io e i miei coetanei ci siamo dovuti spesso costruire una visione complementare come autori, designers, critici ed insegnanti e questo ci ha aiutato a costruire qualcosa di fondamentale e duraturo.
Per questo motivo con Cine Sud che vanta un’esperienza di oltre 40 anni nel settore della formazione, abbiamo pensato alla possibilità di offrire dei corsi “one to one”, costruiti sulla base delle esigenze individuali e in campi disparati, che vanno dalla tecnica alla ricerca di nuovi linguaggi in fotografia.
Dei corsi molto vicini a quelli che avremmo voluto avere nel passato, se ce ne fosse stata offerta l’opportunità e la parola opportunità non va sottovalutata, perché ha un peso e una sua valenza e non è spesso scontata.
Ognuno sarà libero di scegliere, sulla base dei nostri consigli, un autore o un tecnico, tra quelli offerti come docenti, e intraprendere un corso che gli offra quello di cui realmente ha bisogno e, eventualmente, ripetere questa esperienza in futuro.
Come quando si va da un eccellente sarto a scegliere con cura un vestito, adattandolo perfettamente al corpo, vogliamo fornirvi il corso che meglio si adatta alle vostre, singole e personali esigenze.
Niente nasce dal caso e per poter essere all’altezza di questo compito e potervi fornire un’offerta diversificata e soddisfacente, abbiamo pensato di sottoporvi un questionario tra il serio e lo scherzoso a cui vi preghiamo di rispondere.
Aiutateci a capire le vostre reali esigenze e chi abbiamo difronte, non ve ne pentirete.
Massimo Mastrorillo

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Approfondiamo ! per i più intrepidi
X